Satková brilla in canoa anche da un morso di cane. Il brutale slalom olimpico non gli piace

La ventenne sciatrice di slalom acquatico Gabriela Satková sta iniziando ad avere un impatto significativo nello sport della canoa, dopo due titoli mondiali juniores nel 2018 e nel 2019. Nel 2020 è diventata campionessa europea e ha vinto il bronzo ai campionati mondiali dell’anno scorso a Bratislava . Ha vinto l’argento ai Mondiali U23 svoltisi a Ivre, in Italia, nel fine settimana.

Qual è il valore di questo argento per te?

Non troppo miele. Ho avuto un bel po’ di medaglie nelle migliori competizioni internazionali e ho sempre avuto molto rispetto per tutte. Tuttavia, ogni gara è diversa, si svolge in un ambiente diverso, su un tracciato diverso, in condizioni diverse, il che rende impossibile classificare il valore di questo metallo prezioso. La gioia di una performance di successo è sempre grande.

Quanto è stato difficile il viaggio di quest’anno verso il podio?

Non è stata affatto una corsa facile per me quasi fino in cima. L’acqua cambia molto lì, molto può andare storto lì, quindi non rimpiango nemmeno un rubinetto. Inoltre ho reso la gara più complicata dal fatto che ero primo in qualifica e in semifinale, quindi in finale sono stato ultimo. Lo stress mentale prima del mio ultimo viaggio è stato maggiore rispetto a quando ho guidato fin dall’inizio.

Sei soddisfatto della tua prestazione in altre competizioni?

La pattuglia in canoa e kayak ha avuto molto successo per noi e ci siamo davvero divertiti. Per quanto riguarda i kayak individuali, non avevo “grandi occhi” prima della gara, quindi anche il settimo posto mi ha dato soddisfazione. A parte questo, ho provato la pista prima di salire in canoa. Devo ammettere che sono arrivato in finale dall’ultima semifinale, il che è un caso.

Quali sono le condizioni generali del campionato?

Rispetto ad altri eventi simili all’estero, uno dei migliori. Tutto il nostro gruppo straniero era rilassato, il divertimento non mancava e, grazie agli organizzatori, anche il cibo era ottimo. L’unica cosa spiacevole era che c’erano più di trenta gradi. C’erano molti fan sugli spalti e c’erano anche i cechi. Quindi ottima atmosfera.

Hai avuto un grande successo come canoista. Come andare in kayak?

È una disciplina in più per me, la guido per divertimento, senza la pressione da mettere. Non ho grandi pretese e anche il kayak aiuta la mia canoa a guardare.

Cosa ne pensi dello slalom estremo, che dovrebbe essere addirittura il programma delle Olimpiadi tra due anni a Parigi?

Può essere interessante e può anche essere interessante per il pubblico, ma non è interessante per me. È pericoloso, persino brutale, con un certo rischio di lesioni, come, tra l’altro, è successo di recente alla “numero uno” ceca Tereza Fišerová, finita in ospedale con un sopracciglio strappato. Questo slalom ha bisogno di un combattente e io non voglio combattere nessuno, nemmeno io.

Quanto è grande la differenza di concorrenza tra U-23 e concorrenti senior?

Ci sono quasi sempre 40-50 donne in canoa al via in entrambe le categorie, con le migliori del gruppo giovanile che iniziano già ad affermarsi tra le donne senior, anche se c’è più competizione.

Studiare all’università ed essere allo stesso tempo un grande atleta è molto impegnativo. Sei riuscito a gestirlo senza grossi problemi?

Ho studiato commercio internazionale all’Università di Economia di Praga. Amo andare a scuola e ho avuto un primo anno di successo. Per me però non è stato facile, è stato impegnativo soprattutto in termini di tempo, ma anche mentalmente, c’era anche nervosismo. Tuttavia, il mio allenatore, la scuola e gli amici erano tutti lì per me, senza di loro non ce l’avrei fatta. Tengo così tanto all’istruzione che non ho problemi dopo la fine della mia carriera sportiva.

Com’è stata la tua trasferta in nazionale ceca?

Fino all’età di 13 anni, oltre alla canoa, mi occupavo di nuoto agonistico e per molto tempo non riuscivo a decidere quale sport scegliere. Tuttavia, quando un cane mi ha morso l’occhio, non potevo entrare nell’acqua clorata dopo l’operazione. Non sono più tornato a nuotare e dopo essermi trasferito da Brno a Praga ho iniziato a dedicarmi allo slalom acquatico.

A quale evento vorresti partecipare ancora quest’anno?

Il più importante è il campionato del mondo ad Augusta, in Germania, alla fine di luglio. Su una pista tecnicamente impegnativa e difficile da prevedere, il punto interrogativo è se le prestazioni di tutta la nostra nazionale saranno sufficienti in una competizione importante. Parteciperò poi all’Europeo U23, al campionato nazionale e a due gare di Coppa del Mondo. Quindi ho ancora un programma piuttosto ricco davanti a me.

E hai grandi desideri o addirittura sogni?

Si potrebbe pensare che saranno le Olimpiadi di Parigi. Anche se sono qualcosa di molto speciale e mi piacerebbe conoscere il loro stato d’animo un giorno, non è un evento a cui miro nella mia mente. È triste e strano allo stesso tempo che un solo concorrente di ogni disciplina possa partecipare allo slalom acquatico. Tereza Fišerová è arrivata a Tokyo l’anno scorso e chissà cosa accadrà tra due anni. Ora il mio grande desiderio è quello di fare bene nello sport e continuare con successo i miei studi all’università.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.