Sánchez è impegnato ad affrontare l’inflazione sotto l’ala del suo partner in attesa che l’inflazione diminuisca

Il messaggio è arrivato chiaramente da diverse regioni socialiste che hanno dovuto sottoporsi a un voto di opinione popolare in soli dieci mesi, in particolare da Aragona e Castilla-La Mancha. Pedro Sánchez ha due strade davanti a sé per cercare di riprendersi dopo la dolorosa sconfitta del suo partito, e dell’intera sinistra, alle elezioni del 19 giugno in Andalusia: guarda i baroni che lo esortano a rompere con United We Can o unire ancora di più il suo destino al blocco dell’incoronazione, che comprende anche Esquerra ed EH Bildu. Con le sfumature del suo impegno ad aumentare la spesa per la difesa nonostante la totale resistenza dei suoi partner di opposizione, ha optato per quest’ultima. E la riflessione di Mario Draghi in Italia fa sentire Moncloa riaffermato.

Il primo ministro italiano ha visto questa settimana come uno dei suoi principali partner di coalizione, il Movimento 5 Stelle, ha rifiutato il sostegno al Senato per un voto per accelerare un decreto del suo governo con l’aiuto per combattere l’inflazione. Nonostante avesse il supporto necessario per convalidarlo, Draghi ha capito che doveva dimettersi. Ha avvertito che non intende rimanere al potere senza l’esplicito sostegno di tutti i poteri esecutivi. Attualmente è ancora responsabile del governo. Il presidente del Paese, Sergio Mattarella, non ha accettato le sue dimissioni e lo ha invitato a presentare un voto di fiducia, ma la crisi politica ha aggiunto instabilità a una situazione già altamente instabile.

Sánchez ha il vantaggio che, come ha dimostrato questa settimana sia nel dibattito sullo stato nazione che nell’incontro con il presidente della Generalitat, Pere Aragonès, nessuno dei suoi alleati ha trovato alcun vantaggio nel provocare una pausa in questi momenti. . Ma in ogni caso, hanno bisogno di un movimento che giustifichi il loro sostegno alla base e all’elettorato.

Uniti possiamo averlo chiesto con fermezza e il Presidente del governo lo ha fatto diede il primo accenno che aveva notato inserendo nei passaggi del secondo regio decreto anticrisi che avevano segnato come 200 euro di assistenza alle famiglie vulnerabili, una riduzione del prezzo dei biglietti dei mezzi pubblici o un aumento del 15% delle pensioni non contributive (precedentemente concordato con Bildu). Ma, soprattutto, promettendo tasse sui profitti straordinari delle compagnie energetiche, ha aggiunto un prelievo sulle banche questo martedì, e ha anche concluso la decisione in un discorso contro le “forze economiche” che cercano di “schiacciare” i governi che trovano “dirompenti” . .

giri misurati

Né l’Esecutivo né i partiti che lo sostengono sono ingannati sugli effetti a lungo termine del suo drammatico e misurabile spostamento a sinistra. Sánchez ha difeso il suo piano – convalidato giovedì a stragrande maggioranza, il ritorno dell’ERC, che ha votato contro il primo piano anti-crisi come rappresaglia per il caso di spionaggio contro indipendentisti rivelato da “The New Yorker”, e persino l’astensione di PP e Cs- funzionerebbe, trattenendo l’inflazione di 3,5 punti. Ma se l’opposizione e gli alleati del governo sono d’accordo su qualcosa durante il dibattito sul regio decreto legge al Congresso è che la maggior parte delle azioni approvate sono solo “patch” che non attaccano la radice del problema e anche (e in questo caso PNV coincide con formazioni come Ciudadanos) potrebbe peggiorare le cose in quanto alimentano la spesa e con essa la spirale inflazionistica.

Nel PSOE riconoscono che è possibile che persistenti aumenti di prezzo inghiottiscano nuove misure, come è successo, ad esempio, con il bonus di 20 centesimi per litro di carburante approvato il 29 marzo. Lo stesso Presidente del Governo ammette che le previsioni dell’organizzazione che chiuderà l’anno con un’inflazione al 6,5% dovrebbero essere prese con le pinzette e aprire la porta a un rialzo ancora.. Tuttavia, a parte difendere il patto di reddito che i loro sostenitori di sinistra sospettano perché capiscono che si tradurrà solo in trattenute salariali, non ci sono altre iniziative impopolari sul tavolo per fermare il giro, nei margini limitati che hanno. nelle materie di competenza esclusiva della BCE. L’esecutivo continua a garantire che rinnoverà le pensioni secondo il CPI.

Ciò che La Moncloa ha chiesto ai ministeri per i dibattiti sullo stato della nazione è stato “passi eclatanti, di facile comprensione e di rapida attuazione”. Alcuni vengono qui, come il 100% di sconto sui biglietti multiviaggio pendolari e treni di media percorrenza o un supplemento di 100 euro per i borsisti maggiori di 16 anni. I partiti di sinistra insistono su profonde riforme fiscali che sono state messe da parte dal governo e infatti giovedì i socialisti hanno votato contro due proposte di United We Can per aumentare l’imposta sul reddito delle persone con un reddito annuo superiore a 120.000 euro e imporre ulteriori 10 punti percentuali sull’imposta sulle società.

Tuttavia, il movimento Sánchez raggiunse presto il suo obiettivo: riunire il blocco dell’incoronazione e invertire la sensazione che il governo di coalizione fosse stanco. “Avevamo il margine che avevamo, ma abbiamo avuto il tempo”, ammettono dal PSOE. “Questo è ciò che si può fare, cercare di perseverare e credere che il tempo migliorerà”. All’Esecutivo pensavano che la caduta sarebbe stata difficile, ma sono giunti alla conclusione che è meglio rifugiarsi con il proprio compagno.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.