Salač è ​​arrivato 13° in Italia e ha registrato il miglior risultato in Moto2

Mugello (Italia) – Il motociclista Filip Salač è ​​arrivato 13° al Gran Premio d’Italia, registrando il miglior risultato della classe Moto2 e segnando per la quarta volta in questa stagione. La gara del circuito del Mugello è stata vinta dallo spagnolo Pedro Acosta, che all’età di 18 anni e quattro giorni è diventato il più giovane vincitore di questa cubazione nella storia.

Il leader di campionato Celestino Vietti ha tenuto a lungo il terzo posto, ma a tre giri dalla fine l’italiano è stato tradito dal motore e non ha concluso la gara. Il giapponese Ai Ogura, che oggi è arrivato terzo, ha recuperato punti.

La gara della MotoGP è stata vinta dal padrone di casa Francesco Bagnaia e ha ottenuto la sua seconda vittoria stagionale. Il campione in carica Fabio Quartararo ha seguito l’esempio e ha consolidato il suo vantaggio nella classifica di campionato.

Il francese ha 122 punti dopo otto gare e ha otto punti di vantaggio sul secondo Aleix Espargar, che oggi è arrivato terzo per la quarta volta consecutiva.

Salač, il cui massimo quest’anno dopo il passaggio dalla Moto3 a una classe superiore è stato il 14° posto da America e Portogallo, intorno al 20° posto dopo essere partito dal 23° posto e finire al 17° posto alla fine. Anche la caduta di Lowes ei problemi tecnici di Vietti lo hanno aiutato a raccogliere punti. Ha poi superato altri due avversari negli ultimi tre round.

“Purtroppo ieri in qualifica il team ha commesso un errore e mi ha dato gomme usate non nuove. Non so come sia successo, ma sono molto arrabbiato”, Salač è ​​tornato alla gara di partenza viziata, che gli è costata oggi al primo turno.

Ha già elogiato l’ottava gara della stagione. “Ho avuto un inizio abbastanza buono. Non ho perso la mia posizione e poi ho preso il ritmo. Ho iniziato ad accelerare e ho guidato in un buon momento, paragonabile ai migliori. Ho superato il pilota e alla fine sono riuscito a finire solo a quattro o cinque secondi dal quarto posto. Ho pensato che fosse fantastico. Mi piace correre. È stato facile cadere, ma sono riuscito a fermarlo”, ha aggiunto.

Con la sua prima vittoria in Moto2, Acosta ha ottenuto sei vittorie, che ha accumulato lo scorso anno in Moto3. Come il più giovane vincitore della categoria, ha superato l’attuale stella della MotoGP, lo spagnolo Marc Márquez, che ha vinto in Francia all’età di 18 e 87 giorni nel 2011.

Dopo un serrato duello al traguardo, Izan Guevara ha vinto la gara della Moto3 davanti al suo compagno di squadra e leader, Sergio Garcia. Dopo la gara, però, il vincitore è stato punito per essere uscito di pista all’ultimo giro ei due spagnoli si sono scambiati gli ordini. Tacuki Suzuki Japan è arrivato terzo.

Gran Premio d’Italia, Motomondiale del Mugello:

Moto3: 1. García 39:43,214, 2. Guevara (entrambi p. / GasGas) allo stesso tempo, 3. Suzuki (Jap./Honda) -0.012, 4. Migno (It./Honda) -0.137, 5. Jamanaka (Jap ( KTM) -0.234, 6. Rossi (It./Honda) -0.999.

Esegui l’ordine (dopo 8 gare su 21): 1. García 137, 2. Guevara 109, 3. Masiá (Šp. / KTM) 95, 4. Foggia (It./Honda) 95, 5. Sasaki (Jap./Husqvarna) 75, 6. Migno 71.

Moto2: 1. Acosta (Sp./Kalex) 39:35.930, 2. Roberts (USA/Kalex) -4.051, 3. Ogura (Jap./Kalex) -6.749, 4. Arbolino (It./Kalex) -12.312, 5. A. Fernández (Šp. / Kalex) -12.327, 6. Dixon (Brit./Kalex) -12.513, … 13. Sala (CR/Kalex) -17.254.

Classifiche (dopo 8 gare su 21): 1. Vietti (It./Kalex) 108, 2. Ogura 108, 3. Canet (Šp. / Kalex) 89, 4. Roberts 86, 5. Arbolino 83, 6. A. Fernández 80, … 22. Sala 8.

MotoGP: 1. Bagnaia (It./Ducati) 41: 18923, 2. Quartararo (Fr./Yamaha) -0.635, 3. A. Espargaró (šp. / Aprilia) -1.983, 4. Zarco (Fr./Ducati) -2.590 , 5. Bezzecchi -3.067, 6. Marini (entrambi It./Ducati) -3.875.

Classifiche (dopo 8 gare su 21): 1. Quartararo 122, 2. A. Espargaró 114, 3. Bastianini (It./Ducati) 94, 4. Bagnaia 81, 5. Zarco 75, 6. Rins (Šp. / Suzuki) 69.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.