Reclami interni spingono l’Algeria a revocare il blocco alla Spagna: “C’è un sit-in davanti al ministero”

  • Le pressioni dell’Unione Europea si sono aggiunte al disagio dei piccoli e medi imprenditori algerini, venuti a protestare davanti alle autorità per chiedere il rilascio delle merci acquistate in Spagna, hanno confermato fonti nel Paese.

  • “Il blocco è incompatibile con le nuove politiche che incoraggiano le aziende algerine a rilanciare l’economia oltre il petrolio e il gas”, ha spiegato Yahia H. Zoubir.

La pressione esterna dell’Unione Europea e quella interna degli uomini d’affari del Paese hanno costretto il governo algerino a scongelare le relazioni commerciali con la Spagna, 50 giorni dopo aver annunciato una rappresaglia economica come punizione per la nuova posizione del governo spagnolo nel Sahara occidentale.

Gli imprenditori bancari, sotto la supervisione del governo, giovedì hanno revocato un precedente ordine, l’8 giugno, di congelare i conti bancari che erano stati utilizzato per effettuare pagamenti e tasse per le importazioni e le esportazioni da e verso la Spagna. Alcuni dei container sono stati sbloccati alla dogana, secondo i media algerini.

La mossa arriva appena cinque giorni dopo che l’esecutivo Abdelmadjid Tebboune ha confermato il blocco commerciale. Perché questo cambiamento?

Secondo una fonte che conosce la situazione interna del Paese, ci sono state diverse denunce da parte di funzionari a causa di questa azione dannoso per le piccole e medie imprese in Algeriache non possono ricevere i prodotti necessari per essere prodotti o venduti e non possono esportare i loro prodotti in Spagna (semi, fertilizzanti, pesce, olio minerale).

“Ci sono state diverse proteste e ‘seduti’ davanti al ministero del Commercio da parte di alcuni importatori algerini chiedendo che le merci che acquistano in Spagna potessero passare attraverso la dogana portuale del Paese”, secondo la stessa fonte. .

confusione alla dogana

C’è confusione anche tra aziende e funzionari doganali su come attuare la misura: se il blocco commerciale si applichi anche alle merci europee che transitano nei porti spagnoli, o a quelle che sono state disposte prima dell’8 giugno. “La confusione persiste” e la situazione “mette in totale incertezza le aziende algerine con legami economici con la Spagna”, si legge sul quotidiano semi-indipendente TSA, come riportato da EL PERIÓDICO DE ESPAÑA.

Il muro commerciale complica anche l’attuazione delle politiche economiche dettate dal governo di Abdelmadjid Tebboune, che intende diversificare l’economia del paese lontano dagli idrocarburi. “Dal 2019 c’è stata una nuova politica che consiste nel chiedere alle società algerine di creare business oltre al gas e al petrolio”, ha spiegato al quotidiano l’analista algerino con sede in Francia Yahia H. Zoubir. “Penso che ci siano state trattative attraverso la porta sul retro per sbloccare la situazione. Stiamo entrando nella fase di de-escalation e pacificazione”, ha assicurato questo professore con contatti in diplomazia e governo di Algeri.

Ci sono già notizie sull’apertura di container con merci. Giornale patriottico algerino indica, ad esempio, che è già possibile consegnare ordini tessili dopo lo sblocco. “Abbiamo appreso da varie fonti che il franchise spagnolo, soprattutto nel campo della modahanno potuto consegnare le loro merci dopo le settimane di blocco seguite alla decisione dell’Algeria di sospendere il Trattato di amicizia con la Spagna e le misure di ritorsione che ne sono seguite”, si legge nella notizia pubblicata venerdì.

Nel 2019, l’ultimo anno “normale”, prima della pandemia, La Spagna esporta in Algeria circa 2.900 milioni di euro (circa l’1% dei 300.000 milioni del totale). Esporta soprattutto materiali da fonderia, ferro e acciaio; macchine e attrezzature meccaniche; carta e cartone e loro fabbricazione; o materiali plastici, tra le altre cose. Ne ha importati 3.900 milioni, quasi tutti combustibili (gas e carbone).

La nota del banchiere e il blocco delle merci sono i primi passi dell’Algeria per allentare le tensioni con la Spagna. Con questo, ha facilitato i produttori, i commercianti e le aziende algerine, dando un po’ di vento agli spagnoli. Ciò che sembra improbabile è che ciò presuppone un ritorno alle relazioni normali prima del 18 marzo di quest’anno.

Fu allora che la Casa Reale del Marocco riferì, con un tweet, che Pedro Sánchez aveva dichiarato in una lettera al re Mohamed VI di considerare il suo piano di concedere l’autonomia al Sahara occidentale occupato come “la base più seria, realistica e credibile e rdquor. ;. lasciando così decenni di neutralità nel conflitto.Altri paesi, come Francia o Germania, hanno già fatto lo stesso.

Joe Biden si è espresso sulla stessa linea: questo è un piano “serio, realistico e credibile”, ha detto il presidente degli Stati Uniti, senza “di più”. La posizione di Donald Trump è infatti andata oltre, poiché l’ex presidente ha affermato che il Marocco ha la sovranità sul territorio conteso. L’Onu chiede referendum sull’autodeterminazioneche avrebbe dovuto tenersi nel 1991 in cambio di un cessate il fuoco con il Marocco da parte del Fronte Polisario (movimento di liberazione nazionale del Sahara, con sede a Tindouf, Algeria).

La questione del gas resta una questione, ma in questo senso l’Algeria sottolinea costantemente che la crisi diplomatica non influirà sulla fornitura di gas alla Spagna, se non forse in aumenti di prezzo.

La Sonatrach, azienda pubblica del gas, ha approfittato della situazione per rafforzare le sue relazioni con l’Italia. “Non credo più che la Spagna possa esserlo centro gas per l’Europa, perché Algeri rafforza i rapporti con l’Italia in quella direzione”, ha pensato Zoubir. Il premier dimissionario Mario Draghi e le compagnie italiane del gas, Stati Uniti e Canada hanno firmato negli ultimi giorni buoni contratti con l’Algeria.

Se si mantiene il flusso di gas (c’è stato un recente spavento per tagli attribuiti a questioni tecniche) e si conferma che c’è una de-escalation e un miglioramento dei rapporti negli scambi bilaterali tra Spagna e Algeria, non resta che risolvere la crisi diplomatica. La Spagna non ha ancora un ambasciatore algerino. Il Ministero degli Affari Esteri non commenterebbe su questo per questo articolo.

Notizie correlate

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.