Recensione: Due giorni di musica contemporanea al suo meglio. La Primavera di Praga ha iniziato una nuova tradizione

Il primo anno del progetto Prague Offspring al Festival di Primavera di Praga presenta due grandi concerti e un ambiente creativo per la musica contemporanea. Dal venerdì al sabato sera, a Dox, Praga, si tengono concerti, conferenze, discussioni e masterclass. Olga Neuwirth è una compositrice regolare e l’orchestra del Klangforum Wien e il direttore Bas Wiegers offrono un livello musicale senza compromessi.

Arrivo alla sala da concerto Doxu l’aria è agitata dalle installazioni sonore di Matouš Hejl e Aleš ermák. Sebbene il nome Twitter possa riferirsi al cognome dell’uccello dell’autore, il dolce suono dei grilli risuonava nello spazio. La traduzione inglese del titolo dell’installazione, che recita Twitter, evoca automaticamente il social network. La comunicazione e la condivisione delle informazioni sono una parte così importante dei Prague Offspring che è impossibile metterli da parte solo come aggiunta musicale.

Il nome dell’evento può essere tradotto in ceco come filiale di Praga. Fa rapporto a sua madre Festival, dimostra la capacità di convivere, ma nasconde anche il nome della band Offspring, molto popolare negli anni ’90 del secolo scorso e che ha contribuito al revival del punk californiano. È stato un piccolo passo da lui alla compositrice residente, l’austriaca Olga Neuwirth, che era costantemente impegnata nelle sue radici punk.

Non li ha dimenticati nemmeno durante un dibattito introduttivo con lui e il compositore ceco Martin Smolka, guidato dal drammaturgo del festival Josef Třeštík. Neuwirth e Smolka hanno ciascuno temperamenti e background diversi. Oggi, il 62enne ceco ricorda un anno o due quando, in gioventù, rifiutò l’educazione del padre, anche lui temuto compositore ed educatore. Ma presto tornò ai classici. Una donna austriaca di quindici anni più giovane di lei è cresciuta in una famiglia di jazzisti e il punk è ancora una parte importante del suo pensiero.

La diversità delle personalità si riflette anche nella musica. Allo stesso tempo, si scopre quanto sia rischioso includere entrambe le canzoni in un programma. Inoltre, il cantante austriaco è stato rappresentato dalla musica dal 2000 al 2008, quando ha realizzato composizioni molto più radicali di oggi. C’è una differenza diametrale tra la suite dell’opera ventennale Lost Highway, che conclude il concerto di sabato al Dox, e l’orchestra Keyframes for a Hippogriff, che ha debuttato lo scorso anno con la Filarmonica di Berlino di Jakub Hrůša.

Per Olga Neuwirth, il punk è una questione di pensiero radicale, fiducia in se stessi e autoaffermazione intransigente. Di certo non era contraria a collaborare con grandi istituzioni come la Filarmonica di Berlino o l’Opera di Stato di Vienna, che, come prima donna della sua storia, le aveva commissionato un’opera teatrale. L’austriaco non ha dimenticato di menzionare che durante le prove con un’orchestra prevalentemente maschile, è stato accolto con molta umiliazione e che appartiene a una generazione pionieristica di compositori che hanno dovuto e spesso devono ancora superare questi ostacoli.

Il concerto di venerdì è iniziato con la sua composizione da camera Incidento/fluido per pianoforte e lettore CD. Ha sfruttato appieno la dinamica del pianoforte preparato e ha introdotto Olga Neuwirth come compositrice di impulsi acuti e contrastanti. La prima mondiale di Angelic Stairs di Smolka ha portato sul palco l’orchestra del Klangforum Wien e allo stesso tempo ha portato il pubblico in un mondo di strutture sottili, cambiamenti ritmici e fastidiose deviazioni dall’armonia generale. La canzone emerge dal morbido tintinnio di percussioni, pianoforte e arpa trasformandosi in un po’ di movimento minimalista. Le corde facevano vibrare i loro spiriti, tanto che alla fine tutto tornò a tacere.

Una composizione di Olga Neuwirth (nella foto) incidendo / fluido, realizzata da Keith Kirchoff. Foto: Harald Hoffmann. | Video: Keith Kirchoff

Il concerto per tromba e orchestra intitolato… Miramondo multiplo… ha visto Olga Neuwirth come una compositrice che ha aggiunto molto significato all’intensità che evoca la percezione visiva.

Riferimenti o citazioni dirette da opere passate suonano ironici, addirittura tossici e non evocano alcuna traccia di nostalgia. Le sue composizioni hanno anche elementi autobiografici: l’autore una volta ha imparato a suonare la tromba, ma ha dovuto rinunciare dopo l’incidente.

La musica di Olga Neuwirth sembra che la compositrice abbia messo insieme tutto ciò su cui è riuscita a mettere le mani lungo la strada, e quello che ha scoperto è stato costruire collage complessi e dall’aspetto pericoloso. Martin Smolka, d’altra parte, sembra arrivare a una quantità sconcertante di ingredienti e li taglia gradualmente, levigandoli fino alla loro forma più pura.

Sembra quasi naturale che si debba inserire una composizione equilibrante tra Smolka e Neuwirth. La funzione di ponte musicale è adempiuta dall’avanzatissimo A Stir Among the Stars e Making Way della compositrice italiana Clara Iannotta.

La parte del sabato del programma inizia prima di mezzogiorno con una tavola rotonda sulla musica contemporanea in Europa. Tra i partecipanti al dibattito c’erano drammaturghi di musica contemporanea di uno dei più grandi festival di musica classica a Lucerna, in Svizzera, il direttore artistico Klangfor Wien, direttori di festival a Lubiana, in Slovenia e Bludenz, in Austria, e rappresentanti della Primavera di Praga.

Il festival mostra quindi il livello a cui vuole muoversi in questo senso, ma offre anche un’opportunità di contatto tra i manager d’arte nazionali ed esteri. La partecipazione del ministro della Cultura dell’ODS Martin Baxa a questo dibattito potrebbe essere molto più fruttuosa della sua presenza al concerto di venerdì.

Miroslav Srnka, compositore e membro del Prague Spring Arts Council, parla tra le immagini della discussione di sabato.

Miroslav Srnka, compositore e membro del Prague Spring Arts Council, parla tra le immagini della discussione di sabato. | Foto: Primavera di Praga / Petra Hajská

La cosiddetta lezione di lettura è stata emozionante un sabato pomeriggio. Il Klangforum Wien con il direttore Bas Wiegers ha suonato tre brani scelti dagli studenti di HAMU Praga e JAMU Brno senza alcuna formazione preliminare. Pavel Abacký, Soňa Vetchá e Patrik Kako hanno avuto la meravigliosa opportunità di incontrare grandi artisti incentrati sulla musica contemporanea.

Tutti e tre hanno ascoltato il loro lavoro in condizioni difficili ma allo stesso tempo molto ben fatte e hanno ricevuto importanti feedback dal direttore e da alcuni membri dell’orchestra. Possono discutere brevemente i dettagli dell’interpretazione e anche imparare quali requisiti sono difficili da soddisfare, anche con le migliori intenzioni, e cosa deve essere fatto per far leggere bene la partitura ai musicisti. Le lezioni di lettura hanno un’atmosfera meravigliosa, per nulla contraddittoria: il connubio tra professionalità e cordialità sembra essere la cosa più naturale del mondo.

Un po’ più tardi, agli strumentisti che hanno seguito un corso di perfezionamento con i membri di Klangfor è stata data un’opportunità simile.

Le lezioni serali dell’architetto Petr Hájek, autore della sala da concerto Dox, sono state incorporate nel concerto di sabato. Il suono della sua capriata della galleria faceva parte di uno spettacolo di 15 minuti e 15 secondi di Martin Janíček e Filip Jakš nella città di Galegion, che, tuttavia, è iniziato solo nella seconda metà della serata.

Il concerto è iniziato, come venerdì, con una composizione da camera di Olga Neuwirth. Il suo virtuoso Spleen III per sassofoni baritono solisti spazia dai suoni degli animali al fruscio silenzioso e al battito delle mani meccanico. Soprattutto, però, ha preparato le basi per la prima mondiale di cinque composizioni minori, commissionate per l’occasione dalla Primavera di Praga.

Fade No More di Jakub Rataj si mescola all’intenso battito cardiaco o ai movimenti respiratori delle parti rotanti, che sembrano provenire da un altro mondo. Forse è necessario fare più lavoro per collegare i due principi.

Un caso speciale è la composizione Dream of Others di Lucie Vítková, che combina la notazione comune con una partitura grafica e istruzioni testuali. Gli scrittori che vivono negli Stati Uniti sono stati a lungo coinvolti nella possibilità di produrre musica senza una gerarchia e Klangforum suona le sue composizioni anche senza direttore. Vítková la pensava in modo così diverso che il suo lavoro sulle frontiere dell’esperimento sociale si discostava dai cinque primi ministri. Tuttavia, nel contesto di altre persone, fa anche un’impressione frammentaria e poco chiara.

In questa foto del concerto di sabato, il Klangforum Wien suona una partita di Bass Wiegers.

In questa foto del concerto di sabato, il Klangforum Wien suona una partita di Bass Wiegers. | Foto: Primavera di Praga / Ivan Malý

La composizione Peripety – Dissolution dello scrittore tedesco Konstantin Heuer suona come un’ironica ricostruzione della musica da film di Ennio Morricone. Ian Mikyska si basa sul suo Dissolving; Stabilire una graduale dissoluzione della struttura minimalista verso forme più semplici: il principio, tuttavia, inizia a essere presto prevedibile.

Harmony and Tremor dello slovacco Adrián Demoč porta avanti un lavoro intransigente con accordi calmi e comunicativi, che, anche con il loro aspetto discreto, hanno un fascino magico.

Demoč ha dedicato le sue composizioni al regista David Lynch, il cui film Lost Highway ha ispirato anche Olga Neuwirth. Libretto del premio Nobel, la scrittrice austriaca Elfriede Jelinek, ha scritto il libretto per l’opera omonima. Una suite d’opera per sei solisti, elettronica dal vivo e un’orchestra chiude il programma del concerto dei Prague Offspring.

Il suo primo anno ha chiarito che questa non era una gabbia immaginaria in cui il festival avrebbe incluso il suo lavoro attuale. Questo è un altro progetto di Visions and Dreams di quest’anno, che combina con successo la musica vecchia con la nuova musica presso l’Abbazia di St. Agnes e ha presentato in anteprima opere di Michal Nejtek, Jan Ryan Dřízal e Jiří Gemrot.

I Prague Offspring si stanno muovendo verso laboratori creativi e generosamente progettati che lavorano su un coinvolgimento più naturale della vita musicale ceca in un contesto internazionale. Innanzitutto al “livello macro” dell’organizzazione, ma anche nell’acquisizione di esperienza e nella creazione di contatti personali. L’esecuzione di nuove partiture, masterclass e una serie di anteprime di composizione più piccole dovrebbe essere al centro dei progetti futuri e creare continuità. Questo è successo quest’anno: la Primavera di Praga con Klangfor che ha selezionato le partiture degli studenti utacký da cui ha suonato, dalle quali ha ordinato le composizioni per il prossimo anno.

Il festival sta volgendo al termine. Meritano attenzione altre due esibizioni del direttore Francois-Xavier Roth e un eccellente concerto di un solista di Kiev. L’Orchestra Filarmonica di Vienna con il direttore Andris Nelsons concluderà venerdì la Primavera di Praga di quest’anno.

Concerto

Discendenti di Praga
(Organizzato dal Festival di Primavera di Praga)
DOX Center for Contemporary Art, Praga, 27 e 28 maggio.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.