Reazione al rialzo nei mercati europei dopo le pesanti perdite di lunedì

Le borse europee hanno chiuso in rialzo martedì dopo le pesanti perdite di lunedì a causa dei timori per un ciclo aggressivo di rialzi dei tassi da parte della banca centrale per contrastare l’aumento dell’inflazione.

Nel complesso, l’indice paneuropeo STOXX 600 è avanzato dello 0,8% a 483,08 punti.

L’indice è sceso dell’1,5% ieri nella sua peggiore sessione in un mese e mezzo in mezzo al rinnovato rally dei rendimenti obbligazionari negli Stati Uniti e in Europa poiché gli investitori si aspettano che gli aumenti dei tassi su entrambe le sponde dell’Atlantico allentino le pressioni inflazionistiche.

Il settore tecnologico ha guidato i guadagni della giornata, balzando dell’1,9% dopo una perdita totale di quasi l’8% nelle ultime sette sessioni.

Nei singoli board, il DAX tedesco è salito dell’1,1% a 15.941,81 punti, il CAC 40 francese ha guadagnato lo 0,95% a 7.183,38 punti, mentre il FTSE 100 britannico ha chiuso in ribasso dello 0,6% a 7.491.37 unità.

Nella regione, il FTSE MIB italiano è cresciuto dello 0,7%, mentre l’IBEX 35 spagnolo è salito dello 0,6%.

Nella giornata macro, le vendite al dettaglio in Italia sono diminuite a novembre, segnalando che la spesa dei consumatori si sta indebolendo dopo l’aumento dei casi di coronavirus dovuto a Omicron. Le vendite al dettaglio sono diminuite dello 0,4% dopo essere aumentate tre mesi fa, secondo le statistiche dell’Istat.

Inoltre, la produzione industriale in Spagna è aumentata notevolmente a novembre dopo il calo del mese scorso, segno di un rafforzamento dell’attività industriale a metà del quarto trimestre. La produzione industriale è aumentata del 4,5% a novembre su base mensile, calendario e destagionalizzato.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.