qual è lo spettacolo? Chi sono i grandi nomi? Cos’è il SuperG?

Super velocità, panorami mozzafiato… Non c’è da stupirsi che il momento clou delle Olimpiadi invernali sia lo sci alpino. I più grandi nomi cadono dalle montagne su due sottili pezzi di legno pesantemente lavorato, intrecciati tra le porte, in una corsa al fondo.

I precisi margini significano che solo cinque pattinatori hanno difeso con successo i loro titoli olimpici, suggerendo che un altro momento esplosivo e imprevedibile ci aspetta a Pechino nel 2022.

Dobbiamo solo guardare indietro ai quattro anni dietro la più grande onda d’urto nella storia delle Olimpiadi invernali. Tutti hanno fatto le valigie e si stanno preparando a incoronare Anna Feith (Austria) come campionessa di Super G, quando la sconosciuta pattinatrice Ester Ledecká (Repubblica Ceca) si precipita improvvisamente in vetta alla classifica.

sciare in alpino

Hector rivendica la sua prima vittoria in Coppa del Mondo in sette anni dopo aver infastidito Shiffrin

prima del giorno

Ledeka avrebbe vinto anche vincendo uno slalom parallelo gigante sul suo skateboard più famoso – diventando così la prima persona nella storia a vincere una medaglia d’oro su un altro attrezzo nella stessa partita invernale.

Il campo femminile è tornato in campo per la Cina. Michaela Shiffrin (USA) è già nella conversazione GOAT, anche se ha solo 26 anni, e proverà ad aggiungere ai suoi titoli olimpici di Sochi 2014 (slalom) e Pyeongchang 2018 (slalom gigante).

Dovrà affrontare la dura concorrenza di Petra Vlová (Slovacchia), detentrice della Coppa del Mondo FIS, che deve ancora tentare il podio alle Olimpiadi. Altrove, ad illuminare le piste sono state affidate anche Lara Gut Bahrami (Svizzera), Alice Robinson (Nuova Zelanda), Sophia Giugia (Italia), Corinne Sutter (Svizzera) e Marta Pacino (Italia).

Nella competizione maschile, c’era un buco nella forma di Marcel Hirscher. Ora che il mitico austriaco si è ritirato, nuovi nomi devono venire alla ribalta…

“C’è molta pressione” – Shiffrin sul ritorno alle Olimpiadi

qual è lo spettacolo?

Lo sci alpino è un termine generico per una serie di gare. Offerto a Pechino:

  • ridurre
  • super bello
  • slalom gigante
  • medr
  • totale
  • squadra (mista)

ridurre: Una cosa conta: la velocità. Bene, rimane in piedi. Ci sono botole attraverso le quali gli sciatori possono passare, ma seguono il naturale andamento delle piste e servono principalmente a prevenire ingannevoli scorciatoie. È noto che i pattinatori raggiungono velocità di 100 mph, mentre le loro salite possono raggiungere l’85% e i loro salti possono spingere gli atleti fino a 60 metri prima di colpire di nuovo il ghiaccio. Si tratta di trovare la strada migliore rimanendo aerodinamici. Evviva.

SuperG: alias supergigante avvolgente. Piste emozionanti unite alla complessità dello slalom gigante. Buone notizie per gli atleti: il dislivello non è così netto come il gradiente. Ora la cattiva notizia: gli esami non sono ammessi. Invece, i pattinatori hanno 90 minuti per godersi le piste la mattina della gara e poi memorizzarle tutte. Cosa potrebbe andare storto?

slalom gigante: Si svolge in due tornei nello stesso giorno, aggiungendo tempo troverai i nostri campioni. Più tecnico del superG, ma anche così la velocità è altamente consigliata.

mezzo: Forse il più difficile di tutti. Molte curve brevi sono raggruppate in un cancello al secondo, che ha richiesto il massimo livello di abilità tecnica, concentrazione e coraggio che ci aspettavamo. Come lo slalom gigante, lo slalom ha due metodi diversi, sommando il tempo al risultato finale.

Slalom Spiega: Perché è così difficile?

totale: Ciò significa che gli atleti affrontano una salita e uno slalom – entrambi su tracciati diversi da quelli utilizzati nelle singole discipline – con due falli che insieme danno una valutazione complessiva. Sebbene il calo di solito duri il doppio, è il risultato/errore nello slalom che di solito decide il podio.

Slalom parallelo a squadre miste: Chi non ama gli spettacoli misti? I pattinatori affrontano lo stesso percorso, correndo fianco a fianco. Quattro pattinatori di ogni paese – due uomini e due donne – prendono parte a una serie di battaglie testa a testa. La squadra che vince 4-0 o 3-1 passa al turno successivo. In caso di pareggio 2:2, vince la squadra con il miglior tempo complessivo.

Nota: Accedono alle finali di slalom e slalom gigante solo gli atleti che hanno completato il primo percorso ed evitato la squalifica. L’atleta ha a disposizione un giro in pista e un supergigante.

Partecipanti del team GB e prospettive di medaglia

Siamo stati tutti bloccati da Dave ‘Rocket’ Ryding prima. Prima di Pyongyang 2018, abbiamo parlato di lui come candidato per la medaglia di slalom maschile. Ha finito nove.

Quattro anni dopo, ci ha fatto credere di nuovo. È salito sul podio ai Mondiali di Adelboden a gennaio e si è classificato quinto ai Mondiali di Val d’Isère a dicembre.

È ancora la più grande speranza della Gran Bretagna per lo sci alpino, quindi non abbiamo avuto altra scelta che saltare di nuovo sul treno del razzo. Nessun atleta britannico può vantare una medaglia olimpica nello sci alpino, anche se Alan Baxter ha vinto una medaglia di bronzo nello slalom di Salt Lake City nel 2002, solo per essere stato spogliato dei test per la presenza di una sostanza vietata.

“Performance eccellente!” – Rari podi ad Adelboden

Quali sono le regole?

Non perdere il cancello! Vittoria più veloce! Questo è fondamentale.

Chi ha vinto l’ultima medaglia d’oro olimpica nello sci alpino?

A Pyongyang 2018 sono state assegnate 11 medaglie d’oro in varie discipline dello sci alpino.

I titoli maschili sono stati vinti da Axel Lund Svendal (Norvegia – Discendente), Matthias Mayer (Austria – Super G), Marcel Hirscher (Austria – Slalom Gigante e Comunità) e Andre Mehrer (Slalom).

Il titolo femminile è stato vinto da Sofia Goggia (Italia – Discesa libera), Ester Ledecká (Repubblica Ceca – Super G), Michaela Schiffrin (USA – Slalom Gigante), Frida Hansdotter (Svezia – Slalom Slalom) e Michelle Gezen (Svizzera – Combinata).

La Svizzera ha vinto la gara a squadre.

Qual è la differenza tra super g e tilt?

Piste per i coraggiosi. La traiettoria è più verticale e più lunga (fino a 4,5 chilometri), mentre il Super-G – noto anche come slalom super gigante – richiede velocità e agilità tecnica con più colpi di scena.

Il Super-G ha un altro trucco: i pattinatori non possono esercitarsi. Hanno invece 90 minuti al mattino per valutare il ciclo e memorizzarlo. Risultati? Il caos è inevitabile.

—-

Guarda tutti gli eventi in diretta da Pechino 2022 tramite Eurosport, l’app Eurosport e Trova +

sciare in alpino

“Alcuni dei migliori sci che abbia mai avuto” – Schiffrin domina Courchevel

Ieri alle 13:55

sciare in alpino

Goggia aggiunge alla Val d’Isere il Goggia Super Gold Medal. Titolo mondiale

19/12/2021 alle 16:40

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.