Prova BGH: acquisizione e leasing in buona fede

Nessuno vuole farsi ingannare dai truffatori quando acquista un’auto. Questo è quello che è successo nel caso della BGH: ora il vero proprietario rivuole l’auto da un acquirente ignaro. Ora tutto ruota attorno alla questione dei guadagni in buona fede.


I truffatori vendono auto usate che non possiedono a rivenditori ignari: chi è il legittimo proprietario ora? La Corte Federale (BGH) tende a cedere l’auto agli acquirenti, come si è visto venerdì in un’udienza a Karlsruhe. Il verdetto non sarà emesso fino al 23 settembre (Az. V ZR 148/21).

La storia sembra molto idiosincratica, ma vendere un’auto del genere in circostanze dubbie tiene occupati i tribunali. Decisivo in questo caso dovrebbe essere 932 BGB su un’acquisizione in buona fede.

Potrebbe non esserci alcuna “perdita”

I concessionari di auto, che sono stati successivamente indagati per frode in più di 100 casi, avevano noleggiato auto, ovvero noleggi temporanei. E la società di leasing ha volontariamente rinunciato all’auto, ha affermato il presidente della Corte Bettina Brückner. Quindi non è “perso”.

Ciò che spicca è in realtà il documento STNK o – come viene ufficialmente chiamato oggi – STNK parte II. L’uomo che ha ritirato l’auto per il concessionario italiano ha detto che gli è stata presentata una targa del veicolo dall’aspetto reale. La società di leasing Mercedes-Benz, proprietaria dell’originale, lo nega. È necessario chiarire chi deve dimostrare cosa a chi.

domande sull’onere della prova

Molto probabilmente, la società di leasing perderà denaro. Brückner ha detto che si aveva l’impressione che le due vittime fossero state qui. Tuttavia, quando è stato creato il BGB, si è convenuto che l’onere della prova dovrebbe essere a carico della persona che ha rinnegato la buona fede. Questa è una società di leasing.

Alcuni avvocati lo trovano ingiusto. Perché il vero proprietario era naturalmente assente quando l’auto è stata rivenduta. Come può dimostrare come ha funzionato l’accordo?

Tuttavia, il più alto giudice civile di BGH sembra pensare che la situazione legale sia chiara. Gli intermediari che ricevono le spedizioni di auto hanno dichiarato che nelle vendite internazionali di auto di solito non ricevono il documento STNK direttamente, ma poi per posta. Brückner ha detto che era una ragione plausibile. Anche il prezzo di acquisto rientra nell’intervallo normale. Quindi non c’è niente a cui dovresti prestare attenzione.

redazione dpa/cp/LTO

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.