Primo grande sciopero in Italia contro il bilancio 2022 del presidente del Consiglio Mario Draghi

Giovedì due dei sindacati di maggioranza italiani hanno chiesto uno sciopero di otto ore in quasi tutti i settori, tranne istruzione e sanità, e manifestazioni per protestare contro il Bilancio 2022. È stato il primo grattacapo per il presidente del Consiglio Mario Draghi, che deve continuare i negoziati con loro per evitare proteste Inoltre.

Le proteste sono state indette da due dei tre principali sindacati del Paese, la Confederazione Generale dei Lavoratori Italiani (CGIL) e il Sindacato Italiano (UIL). L’altra, la Cisl, ha deciso di non aderire e sabato organizzerà una manifestazione.

Decine di migliaia di lavoratori si sono radunati nelle piazze delle cinque città del Paese, tra cui Roma, Bari o Milano, con messaggi in particolare contro Draghi, che accusano di aver reso “insoddisfacente” il Bilancio.

Dal governo lo sciopero è stato ritenuto “immotivato e ingiustificato”, criticato da tutti i gruppi politici, compreso il Partito Democratico (PD) progressista.

ALTA PARTECIPAZIONE IN FABBRICA

Lo sciopero, che si è svolto in tutti i settori ad eccezione della sanità, dell’istruzione e dei servizi essenziali come il servizio postale, non ha causato particolari problemi al trasporto urbano, che operava con servizi ridotti, ma senza una chiusura totale come è avvenuto in altri occasioni.

Secondo la FIOM, il sindacato che si occupa di metallurgia, la partecipazione agli scioperi è stata dell’80% e del 70% dei lavoratori italiani di Acererías in sciopero per 8 ore, così come del 90% degli operai di questo settore: 60% degli operai delle officine Lamborghini e 95 % di lavoratori in Berretta, tra l’altro.

In piazza del Popolo a Roma, dove erano presenti i dirigenti sindacali e si erano radunati diverse migliaia di lavoratori, il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, ha assicurato che “c’è stata una divisione tra politica e lavoratori” e ha aggiunto che “si sono espressi per coloro che vogliono vedere la giustizia sociale.” restaurati in questo Paese e riportano l’attenzione sul mondo del lavoro”.

«Ci ​​hanno chiamato lunedì prossimo per parlare di pensioni e delle riforme che chiedevamo da tempo. Oggi è l’inizio della mobilitazione, non tutto finisce con la Legge di Bilancio. Siamo all’inizio per cambiare tutto. Ciò che è stato fatto negli ultimi anni è stato sbagliato”, ha aggiunto.

Landini ha criticato a priori che si è parlato di “budget espansivo”, assicurando che le risorse non arrivino a tutti.

“Abbiamo vinto la prima battaglia, abbiamo costretto il Paese a interrogarsi. Ci hanno detto che va tutto bene, che il Pil è cresciuto del 6%, ma il Paese deve vedere chi resta”, ha detto il segretario della Uil. , Pierpaolo Bombardieri, in un discorso a Plaza del Popolo.

MOTIVO DELLA PROTESTA: PENSIONAMENTO E PRECARITÀ

Al centro di questa disoccupazione ci sono le pensioni, le politiche industriali, la necessità di far fronte alla delocalizzazione e alla precarietà, la salute, la scuola e un bilancio che “non ridistribuisca la ricchezza, non riduca le disuguaglianze e non porti a uno sviluppo strutturale equilibrato e a un’occupazione stabile .”

L’obiettivo è modificare il Budget per il 2022, che resta da approvare in Parlamento, entro la fine di quest’anno e che è allineato ai milioni di euro del Recovery Fund dell’Unione Europea.

Uno dei punti più dibattuti che ha portato alla rottura con Draghi, uscito dal tavolo delle trattative con i sindacati, è stata la riforma del sistema pensionistico, detta “Quota 102”, che consentirebbe a chi ha 64 e 38 anni di essere registrato. I sindacati vogliono poter accedere alle pensioni a partire dai 62 anni e chiedono anche riforme molto più complicate.

Attaccano anche i tagli all’Irpef che Draghi ha annunciato e che, a suo avviso, “danno un po'” all’85% dei pensionati, che guadagnano in media 35.000 euro lordi all’anno e che guadagneranno solo 320 euro.

Chiedono invece riforme fiscali progressive, in cui redditi alti pagano di più, assistenza sanitaria nazionale “di successo” e misure nel Bilancio che rafforzino la giustizia sociale, distribuiscano la ricchezza e riducano il divario economico tra il nord ricco e il sud povero.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *