Podcast senza frasi – Mikael Pancak

La carriera sportiva di Mikael Pančák è stata abbastanza rispettabile. Ha vinto tre volte il campionato mondiale di hockey in linea, ha giocato per la squadra nazionale di hockey su ghiaccio e ha lavorato in Svizzera, Italia, Cina e soprattutto Austria. Ma ha avuto la sua più grande lotta con se stesso quando, a 36 anni, ha ammesso definitivamente che da uomo viveva nel corpo di una donna, Věra Pančáková. E questo deve cambiare.

Ascolta i podcast con Mikael Pančák. | Video: nessuna frase in più

“Lo sapevo nel mio cuore, ero un ragazzo sin da quando ero un ragazzino. Ma non l’ho ammesso a me stesso fino all’età di 36 anni, ed è allora che ho pensato: ‘Farai qualcosa al riguardo, o la tua anima lo farà appassire sempre di più e arriverai al punto in cui non puoi”, ha detto Pančák nel podcast, che sta preparando il progetto No Phrases in collaborazione con il quotidiano online Aktuálně.cz. Puoi leggere l’intera storia QUI.

Nell’hockey, niente risolve chi sono

Il percorso di Pančák per completare la trasformazione mentale e fisica in un uomo è lungo e spinoso. Come lui stesso ammette, non ha trovato comprensione nella sua stessa famiglia e prima di risolvere la questione della sua identità ha preferito utilizzare lo sport, prima all’atletica, poi all’hockey.

“Nell’hockey, non rompono mai chi sono, ho persone fantastiche intorno a me. Volevo vincere fin da piccolo ed essere il primo in tutto”, dice “Panči”, come suona il suo soprannome di hockey.

Ma i problemi sono sorti quando la sua famiglia è stata de facto sfrattata dalla sua casa all’età di diciannove anni. Improvvisamente si ritrova senza casa, senza alcun sostegno.

Tuttavia, a quel tempo, la sua famiglia di hockey lavorava, il che lo ha aiutato a far fronte a tempi difficili. Ben presto iniziò a vivere con la nonna e dopo alcuni anni si trasferì all’estero, in particolare in Svizzera.

Questo è stato seguito da un trasferimento in Italia e poi alla Red Bull Academy di Salisburgo. Anche nel santuario del gigante delle bevande, non guadagna solo con lo sport e deve lavorare in una brigata per guadagnarsi da vivere.

Ma è questo fatto che lo aiuta a colmare le contraddizioni interne che sente come uomo che vive in un corpo di donna.

“Il vantaggio è che la testa è abbastanza concentrata e occupata da non essere in grado di fare nient’altro”, afferma Pančák. “Ma quelle emozioni e la solitudine sono sempre più grandi. E anche se ho trofei e amici intorno a me, sono ancora solo. E quella solitudine ti tira giù. E diventa sempre più forte ogni anno. E da quel bambino positivo” Joker, c’è qualcun altro”.

Supporto dalla fidanzata

Così, su incoraggiamento del suo allora fidanzato all’età di 36 anni, ha finalmente deciso di cambiare sesso in modo da poter riconciliare il suo cuore con il suo fisico. Ci sono voluti alcuni anni e tutti i risparmi sono stati realizzati, ma dopo dieci operazioni, una lunga convalescenza e trattamenti ormonali impegnativi, ciò che aveva sognato fin dall’infanzia finalmente si è concretizzato. Věra Pančáková diventa un uomo.

“Quando mi sono svegliato dopo il primo intervento, ero assolutamente sicuro di aver preso la decisione migliore della mia vita. Tutti intorno a me piangevano ed ero felice”, ricorda Pančák.

“È come se non sentissi da diversi anni, poi i tappi per le orecchie si staccano e all’improvviso inizi a vedere il mondo in modo diverso”, l’allenatore delle giovanili del Litvínov descrive la sua sensazione di trasformazione.

Puoi ascoltare in dettaglio la sua storia di vita nel podcast allegato No Phrases Plus o nel documentario tedesco “Trans – I got life”, in cui Pančák interpreta uno dei sette ruoli principali.

“Vogliamo mostrare alla società che è più tollerante, quindi non c’è tempo per qualcuno di preoccuparsi di perdere un fidanzato, una famiglia o un lavoro perché dice chi è o sente qualcun altro”, ha aggiunto Pančák.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *