Per un uovo a colazione, 500 lavoratori in due bagni, dice il presidente

Con la restituzione dei passaporti e il trasloco dalla caserma dove le condizioni di vita sono disumane, la vicenda dell’operaio vietnamita, divenuta nota al pubblico più di una settimana fa, inizia a risolversi in un certo modo. Solo pochi giorni in meno – che il problema non esiste, i rappresentanti del governo e i media che li sostengono lo stanno fingendo. Coloro che riferiscono su questo argomento e cercano risposte – sono dichiarati partecipanti alla campagna contro gli investitori cinesi.

Cinquecento lavoratori in due bagni e altrettante caldaie, spesso senza elettricità e riscaldamento, materassi e armadi, spesso un uovo a colazione, senza documenti personali e assistenza sanitaria – o come direbbe il presidente: qual è il problema?

“Se me lo chiedi, non capisco appieno la necessità di inviare un’ispezione, ma Daria non può resistere alla pressione di Tom, né tutti possono resistere alla pressione dei media”, ha detto venerdì Aleksandar Vucic.

Pressioni dei media o evidenti violazioni del lavoro e persino dei diritti umani di cittadini stranieri sul territorio serbo? Per il ministro delle costruzioni che cede alle pressioni, non c’è nulla da offrire alla politicizzazione.

“Mi sembra che questo, si potrebbe dire, forse un po’ duro, costringere a compromettere i diritti di alcune persone abbia ancora un primato politico”, ha detto Tomislav Momirovi.

E questa non è la prima volta – coloro che si sono interrogati sulla tutela dell’ambiente nei casi di Rio Tinto, della miniera Bor o Zidjin, delle fabbriche di ferro Smederevo o Hestil e Zrenjanin Linglong – sono stati generalmente accusati di minare gli investimenti esteri, anche se solo nel rispetto delle moderne leggi e norme ambientali.

“Per me, la priorità delle autorità statali e del presidente è ottenere l’investimento, come lo faranno – ci penseremo più tardi”, ha detto Dusan Jordovic dell’organizzazione CRTA.

E quando arriva “dopo” e il problema diventa evidente, ci sono dichiarazioni scandalose con cui le autorità hanno cercato di nascondere nei giorni precedenti che tutto era permesso agli investitori stranieri, ha detto a H1 il presidente del sindacato “Nezavisnost” Zoran Stojiljkovic.

“È un peccato, al di sotto di ogni livello di civiltà, noi di UGS Nezavisnost diciamo che suoneremo tutti i campanelli d’allarme e invieremo aiuto alle persone in particolare, in modo che non ci ritroviamo tutti nella posizione di essere vietnamiti di Zrenjanin”. In poche parole, il danno è ridotto”, ha detto Stojiljkovic.

E non sono gli unici – tutto avviene in coordinamento con televisioni e tabloid filo-governativi, ha aggiunto Stojiljkovic – che hanno iniziato a raccontare dei lavoratori vietnamiti solo quando la prima parte di loro è stata trasferita in luoghi con condizioni di vita piuttosto dignitose.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *