Patxi Zabaleta: “L’Europa deve offrire una soluzione democratica per Ucraina o Euskadi”

Patxi Zabaleta ha partecipato alla formazione dell’HB e ha perso 800 voti per diventare sindaco di Iruñea dopo la morte di Franco. Poi guidò abertzale che lasciò alla violenza gli stranieri. Mantieni più democrazia. Per il Sahara e l’Ucraina, ma anche per i baschi.

Cos’è per te Aberri Eguna? In cosa pensi che consista? Qual è il motivo per festeggiarlo?

Aberri Eguna è una giornata di autoaffermazione, né di solito ha un significato politico maggiore o qualsiasi altro particolare senso di giustificazione, perché oggi le richieste si fanno in modi diversi, sia culturali che sociali o lavorativi. È una bella giornata con molto significato, ma non credo ci sia un motivo particolare per celebrarla. È come chiedersi quale sia il motivo per festeggiare Sanfermines. Hanno i loro interessi, ma un’altra cosa è che ci deve essere un motivo per festeggiare. Di sicuro quest’anno, dopo tutto quello che è successo, accadrà lo stesso con Korrika o i Sanfermines, che dopo diversi anni senza festeggiare a causa della pandemia stanno proseguendo con uno spirito diverso, sulla ripresa.

Perché non c’è una celebrazione dell’unità come in altri paesi o come precedentemente cercata in Euskadi?

Ebbene, forse non c’è unità di festa perché non c’è un obiettivo comune per festeggiare insieme. Proprio come a Korrika, tutti coloro che sostengono i baschi si uniscono, tutto si riunisce, ad Aberri Eguna le celebrazioni non devono attirare coloro che non vogliono venire. Se PSN e le aziende che sono arrivate ai tempi di Franco non sono arrivate, hanno perso. E possiamo anche noi. Le due formazioni si confusero. Non tanto quanto i partiti socialisti francese o italiano, che a malapena esistono più, ma la socialdemocrazia ha molto a cui pensare, e potrebbe non avere il tempo di farlo ad Aberri Eguna in questo momento.

Quali sono le principali sfide che devono affrontare i baschi e quali sono le loro principali aspirazioni per il futuro?

La sfida principale dei baschi è l’autodeterminazione. Nel caso dell’Ucraina, penso che se l’Europa, in quanto territorio di popoli liberi, avesse una proclamazione dell’autodeterminazione nel suo programma, potrebbe dire ai russofoni e agli ucraini che nel regno dell’autodeterminazione devono trovare una soluzione per risolvere la loro diversità, come devono fare gli ebrei ei palestinesi. È molto difficile, ma cosa offre a chi è in conflitto come soluzione pacifica da un punto di vista politico? Ogni. Cosa propongono Sánchez e compagnia? Bene, queste sciocchezze sull’unità territoriale dell’America. Dove ti porta questo nel caso della Jugoslavia, ad esempio, che è stata la reclusione del popolo? Incapace di capire cosa è successo e cosa accadrà. L’Europa non offre una soluzione e noi. Come i Saharawi o molti altri, non abbiamo diritto all’autodeterminazione. Devi andare da questa parte. Per tutto questo, voglio che andiamo avanti e facciamo passi nella nostra libertà e affermazione di noi stessi. In altre parole, che abbiamo più spazio per il basco, che diventi sempre più la lingua ufficiale… Questo è il mio desiderio, che siamo più liberi e più baschi.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.