PAT’S SHOCKING Confessione: ho pianto a Milano

L’ex giocatore rossonero crea una guida ai migliori riconoscimenti calcistici per i giovani calciatori

Il calciatore brasiliano Alexandre Pato ha pubblicato la sua confessione, che dovrebbe essere una guida alla carriera per ogni giovane giocatore e per i suoi genitori.

Nella rubrica “Players Tribune”, Pato descrive quali problemi ha incontrato da quando si è trasferito dal suo nativo Brasile al Milan e cosa gli è mancato di più di quei giorni d’infanzia.

Ho lasciato la casa troppo presto. Troppo presto. Quando hai 11 anni, non sei mai pronto. Esci e insegui i tuoi sogni, ma sei solo ed è troppo facile perdersi per strada. Abbiamo vinto il Mondiale U19 ed è stata una bella storia in Brasile. Sette anni prima non avevo mai giocato in una squadra di 11 giocatori ea quel punto ero già campione del mondo. Posso entrare in qualsiasi squadra: Barcellona, ​​​​​Ajax, Real Madrid… Perché sono andato al Milan? Hai mai provato a giocare in quella squadra su “PlayStation”? Kakà, Sedorf, Maldini, Nesta, Gattuso, Shevchenko… Sono la squadra migliore che si possa immaginare. Voglio solo sapere quando è il prossimo volo per Milano“Disse Pato.

Le aspettative sono alte – avevano detto che sarei stato il migliore del mondo, che avrei vinto il Pallone d’Oro. Amo l’attenzione, voglio che parlino di me. Ma sogno troppo. Anche se lavoro molto, la mia immaginazione mi porta altrove: mi immagino già con in mano il Pallone d’Oro. Vivo nel presente, ma la mia testa è bloccata nel futuro”.

Gli infortuni sono iniziati con il trasferimento nei grandi club.

Dal 2010 soffro costantemente, ho perso la fiducia nel mio corpo. Avevo paura di quello che la gente avrebbe detto di me, sono andata ad allenarmi e ho pensato: non posso farmi male. Se mi faccio male, non voglio dirlo agli altri. Ci sono stati momenti in cui mi sono slogato la caviglia e ho continuato a giocare. Sta gorgogliando come una palla, ma non voglio deludere la squadra. Voglio accontentare tutti. mi sento solo“.

Pato pensa che oggi la sua carriera prenderà una strada diversa a causa delle tendenze prevalenti tra i giocatori:

Oggi, ogni giocatore ha un gruppo di persone intorno a sé. All’epoca esisteva solo con Ronaldo. Non ho parenti al mio fianco. La mia famiglia è ancora in Brasile. Ho un agente, ma lui non si occupa di tutto come agente oggi. Il Milan ha medici e personale, ma deve seguire 25 o 30 giocatori. Non possono stare con me tutto il tempo. Non so come funziona il settore. Non ho relazioni pubbliche per combattere le bugie che vengono raccontate su di me dai media. “Non capisco cosa significhi costruire un rapporto con i media”, ha detto Pato.

“Ho viaggiato in tutto il mondo, non vedo l’ora di provare a giocare di nuovo. piango e piango. Avevo paura che non avrei mai più giocato a calcio. Così sono tornato a Corinto. Sono venuto come una celebrità e quando guadagni molti soldi in Brasile, i fan ti chiedono molto”.

In una delle partite in Brasile gli è capitato di sbagliare un rigore, e poi…

“E’ stato davvero un brutto rigore, ma non è vero che mi hanno battuto. I fan, invece, vogliono uccidermi. Sono andato a San Paolo con sicurezza. I fan hanno fatto irruzione in casa mia con coltelli e mazze da baseball. È spaventoso”.

Dopo la puntata in Indonesia, un altro invito è arrivato dall’Europa, dal Chelsea.

Quando il Chelsea si è avvicinato a me sognavo ancora di giocare in Europa. Ma, anche lì non capisco come funzioni. Pensavo che il Chelsea mi avrebbe prestato per sei mesi e poi avrei firmato per tre anni. Non capisco che possano dire ‘no’ dopo un prestito. Se l’avessi saputo, sarei andato altrove. Mi sono allenato bene e l’allenatore mi ha permesso di giocare solo due volte. Non capisco perché. Non ha funzionato neanche al Villarreal. Ma quando mi sono trasferito in Cina, è avvenuta una rivelazione. Ho rotto con il mio ragazzo e sono andato a vivere con un amico, perché volevo concentrarmi su me stesso, ma non mi sono mai guardato”.

Andare in Estremo Oriente ha portato un grande cambiamento nella vita dei brasiliani.

“E da allora mi sono concentrato sulla mia salute mentale. Sono andato da uno psicologo, ho imparato a trovare piacere nel duro lavoro. Ho capito che il calcio è il mio lavoro – quando giocavo a Milano ci sono stato tutto l’anno senza conoscere l’italiano. Quando mi sono trasferito in Cina, ho subito imparato la lingua, la cultura e il cibo cinese. Il bambino poi cresce. Io gioco. E la vita è cambiata. Quando sono tornato in Brasile, ho parlato con la mia vecchia amica Rebecca e le ho chiesto se voleva che ci conoscessimo meglio. Ci siamo incontrati e l’ho voluto per me. La seconda volta che ci siamo incontrati, mi ha detto ‘andiamo in chiesa’ e poi ho trovato nella Bibbia tutte le risposte che stavo cercando. Quel giorno, la mia vita è cambiata per sempre”.

Anche Pato oggi si chiede se la sua carriera avrebbe potuto essere diversa.

Potrebbe essere una carriera diversa? Chiaro. Ma è più facile pensare a cosa posso fare. Quando sei lì, non vedi l’intera immagine. Quindi non me ne pento. Vedo il positivo. Potrei non essere il miglior giocatore del mondo, ma ho un rapporto con la mia famiglia. Sono il mio uomo. Ho una moglie che amo. Ho vinto un sacco di palle d’oro per me stesso. Se la vita è un gioco, vinco io”, ha concluso Pato.

Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.