Omicron – Il vaccino protegge dalla nuova variante, afferma lo sviluppatore di vaccini Pfizer

Il coronavirus continua ad evolversi, ma ciò non significa che dobbiamo avere un altro vaccino per ogni variante, ha affermato Catalin Cariko, pioniera nella tecnologia dell’mRNA e dirigente tedesco di BioNTech che ha sviluppato il vaccino Pfizer.

In un articolo pubblicato sul quotidiano italiano Corriere della Sera, il biochimico di origine ungherese ha sottolineato che tutti i vaccini attuali prendono di mira aree di proteine ​​spike utilizzate dal coronavirus per attaccare le cellule umane.

Questa regione non può mutare finché non perde la sua capacità di attaccarsi alle cellule umane, il che significa che gli anticorpi offerti dal vaccino potrebbero essere in grado di neutralizzare il ceppo Omicron, ha detto Cariko.

Leggi anche: Vaccino MRNA – Pioniere della tecnologia “Premio Nobel”

Quello che segue è un articolo di Katalin Kariko ripubblicato dall’agenzia di stampa Atene-Macedonia:

“Per scoprire quanto sia pericolosa la variante Omicron, abbiamo bisogno di più dati e abbiamo bisogno di tempo. Non sappiamo, ad esempio, quante persone infette in Sudafrica siano state vaccinate, quante si siano ammalate, in che misura. Stiamo assistendo a un aumento del numero di casi in tutto il mondo. Ma ci sono già tante varianti: un’altra sudafricana, un’altra giapponese, una britannica, una indiana, una latinoamericana. Questo virus continua a crescere. Questo non significa che dovremmo avere un altro vaccino per ogni variante. Potremmo scoprire che l’efficacia contro le infezioni è diminuita, ma la protezione contro le malattie rimane molto alta.

Sono ottimista, non credo che il vaccino si rivelerà inefficace contro l’Omicron. Ripeto, però, continuiamo la prova. Ed una cosa è creare uno pseudovirus in un laboratorio che ha questa mutazione e un’altra è vedere la vita reale. Tuttavia, la chiave è in Sudafrica, che ha il maggior numero di dati.

Un altro fattore che non è ancora noto è se la variante Omicron sarà in grado di sostituire altre varianti, come accaduto con la Delta. Come vedrete, non si parla più delle altre varianti.

Dobbiamo fare le dovute precisazioni. La protezione del vaccino contro le infezioni è ridotta. Ma i vaccini ci proteggono ancora dalle malattie, perché acquisiamo l’immunità cellulare. In poche parole, se gli anticorpi non sono più presenti nel sangue – cioè non sono più presenti nel cavo orale – quando inaliamo il virus, il nostro corpo non lo riconoscerà e potremmo avvertire alcuni sintomi. Ma se il virus è più lontano, il sistema immunitario reagirà.

Nelle proteine ​​spike, la parte più importante è il sito di legame del recettore (RBD): attraverso questo il virus si attacca alla cellula. Vacciniamo le persone per produrre anticorpi contro l’ago, ma ciò che conta, tuttavia, è proteggersi dall’RBD. I virus non sono in grado di modificare il modo in cui entrano nelle cellule. Questo virus ha un’immaginazione limitata!

Per questo dico che il virus non può “penetrare” il vaccino. Ma chi può dirlo con certezza? I virus possono mutare in modi diretti ad altri recettori? Questo non è il caso della variante precedente.

Per quanto riguarda i negazionisti del vaccino, è necessario lavorare. È facile biasimarli, dire che sono stupidi. Ma questo non aiuta. Dobbiamo educare le persone, dire loro cos’è la biologia molecolare, come vengono sviluppati i vaccini. Certamente preferiamo avere tempo, ma quando l’ospedale di Brooklyn è pieno di camion di cadaveri, non abbiamo quel lusso. Tuttavia, l’uso dell’mRNA è già abbastanza avanzato per molte malattie.

Cosa ci vuole per diventare uno scienziato? Immaginazione. Credi in te stesso. E per poter, ogni volta che vieni buttato a terra, rialzarti”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.