Novak Djokovic Australia Cina ZOI 2022

Yang Shu, vicedirettore delle relazioni internazionali presso il comitato organizzatore delle Olimpiadi invernali di Pechino 2022, ha sottolineato che la Cina non consentirà la diffusione di opinioni politiche sui giochi di quest’anno.

Tutto ciò che diranno i partecipanti alle Olimpiadi, e ciò che è nello spirito delle Olimpiadi, sarà sicuramente possibile e il diritto ad esso sarà difeso. Tuttavia, esprimere un atteggiamento contrario allo spirito olimpico, e soprattutto esprimere un atteggiamento contrario alle leggi e ai regolamenti cinesi, sarà soggetto a determinate sanzioni. La politicizzazione dello sport va contro la Carta Olimpica – ha sottolineato Yang Shu durante la conferenza stampa.

Il ministro dello Sport australiano Richard Kolbeck non ha gradito questa affermazione. Ha invitato tutti gli atleti australiani a esprimere liberamente le proprie opinioni politiche a Pechino.

È interessante vedere che gli atleti non hanno tali diritti nel suo paese, ma è per questo che vuole che la Cina rispetti le sue regole di propaganda.

Il Comitato Olimpico Internazionale ha chiarito che tutti gli atleti hanno il diritto alle opinioni politiche e la libertà di esprimerle attraverso i social media e le interviste ai media. E se qualcuno minaccia gli atleti australiani per quello che stanno per dire, ci preoccupa molto tutti e ovviamente non c’è alcun supporto da parte del governo australiano. ha detto Kolbeck.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.