Non siamo soli nello spazio, crede al capo della NASA

Sappiamo di non sapere nulla. È così che Nelson ha commentato il rapporto della CNN pubblicato la scorsa settimana.

“Sì, ho visto rapporti riservati (compresi allegati inediti – ndr). Questo è fondamentalmente quello che abbiamo pensato. Non sappiamo cosa hanno visto i piloti navali. Sapevano di aver visto qualcosa, l’hanno guardato, hanno puntato il radar su di esso. e improvvisamente ha iniziato a spostarsi rapidamente da un posto all’altro”, ha detto Nelson.

L’ex senatore democratico della Florida è diventato il secondo politico al Congresso attivo a guardare nello spazio nel 1986, dopo Jake Garne. Ora sottolinea che come senatore dal 2001 al 2019 ha parlato spesso con piloti che avevano visto gli UFO.

“Ho parlato con quei piloti all’audizione della commissione per i servizi armati del Senato e sono chiaro che c’è qualcosa là fuori. Non deve essere necessariamente straniero. Ma se la tecnologia è uno dei nostri avversari, allora dobbiamo essere vigili”, Nelson disse.

Tuttavia, ritiene che la tecnologia catturata dagli avvistamenti UFO, o meglio STEAM (fenomeni aerei non identificati), come ora le autorità chiamano fenomeni aerei, non appartenga a nessun rivale politico.

Tuttavia, ha aggiunto con un sospiro che le osservazioni non forniscono prove dirette di visitatori spaziali.

Gli scienziati della NASA saranno coinvolti nel chiarire STEAM

Tuttavia, se parliamo di vita extraterrestre in generale, Nelson ha un’opinione diversa.

“Le persone cercano risposte. E, naturalmente, dal primo Star Trek, le persone non vedono l’ora di sapere cosa c’è nello spazio. Siamo soli? Personalmente, non credo”, ha aggiunto Nelson, aggiungendo che l’universo è molto grande e la possibilità di vita su altri pianeti.

Secondo Nelson, la NASA ora lavorerà anche su una possibile spiegazione per chiarire il vapore osservato.

Molti scienziati scettici credono da tempo che le osservazioni possano essere spiegate da una combinazione di fenomeni naturali e illusioni ottiche.

I fautori della teoria del visitatore, altrove, concordano con i cospiratori, sostenendo che il governo conserva le informazioni più importanti che confermerebbero la loro teoria.

La tanto attesa declassificazione del rapporto non porta molto di nuovo. Almeno agli occhi del pubblico.

Tuttavia, agli occhi delle autorità e dell’esercito, c’è stato un cambiamento significativo. I piloti non sembrano troppo spaventati nel riferire di aver visto vapore. In passato, questo argomento era un tabù tra loro, hanno affrontato il ridicolo e avevano paura di fare carriera.

Ora che le autorità stanno iniziando a prendere sul serio questi rapporti, le probabilità stanno aumentando.

Tuttavia, questa osservazione non avrebbe tale caratteristica. Si è scoperto che questo è un fenomeno comune che ha poco in comune con le civiltà extraterrestri.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *