Non abbiamo scelto Tanjug per la nuova redazione

Dopo la notizia che la Commissione europea (CE) lancerà l’anno prossimo una redazione paneuropea, che includerà Tanjug tra le 16 agenzie di stampa, l’associazione dei giornalisti in Serbia ha protestato. Hanno chiesto secondo quali criteri Tanjug apparteneva a tale redazione, data la sua reputazione e la disinformazione editoriale. La Commissione europea ha dichiarato al portale “Raskrikavanje” di non eleggere membri del comitato di redazione né di formare un consorzio di 16 agenzie di stampa. “Diverse agenzie di stampa hanno deciso di presentare proposte congiunte e hanno incluso i partner che ritengono più rilevanti per il sostegno dell’UE”, ha affermato la Commissione europea in una nota.

La Commissione Europea investirà circa 1,8 milioni di euro nel lavoro di questa redazione in due anni, e oltre a Tanjug, i suoi membri sono DPA Germania, AFP Francia, ANSA Italia, APA (Austria), Belgio (Belgio), EFE e Europa Press (Spagna). ). , TASR (Slovacchia), STA (Slovenia), Agerpres (Romania). Ci sono anche agenzie della regione: FENA (BiH), MIA (Macedonia del Nord), ATA (Albania) e Hina (Croazia), riporta il portale “gridare o urlare”.

A giudicare dalla risposta “Raskrikavanje” ricevuta da KE, diverse agenzie si sono registrate insieme, quindi hanno “superato” il concorso insieme.

Come si suol dire, non hanno scelto l’agenzia di stampa, né hanno formato il consorzio che avrebbe formato la redazione. Hanno annunciato un invito a presentare proposte, offrendo sostegno finanziario alle organizzazioni dei media che, come si suol dire, stanno cercando di migliorare l’informazione sugli affari europei in diverse lingue.

“Diverse agenzie di stampa hanno deciso di avanzare una proposta comune e hanno incluso i partner che ritengono più rilevanti per il sostegno dell’UE. Si tratta quindi di una decisione del tutto personale che non spetta alla Commissione”, hanno sottolineato dalla CE per “Raskrikavanje”, implicando che questo è anche il caso di Tanjug, ovvero che Tanjug fa parte di un’applicazione di gruppo di diverse istituzioni.

Tanjug, tra l’altro, ha sviluppato una cooperazione regionale – insieme alle agenzie HINA, MIA, Agerpres, FENA, ATA e molte altre, fa parte dell’Association of Southeastern European Balkan News Service (ABNA-SE). I membri di questa associazione regionale faranno parte della nuova redazione.

Fonte : Kenzo Tribouillard/AFP

La Commissione, hanno affermato, valuta tutte le proposte pervenute in relazione agli obiettivi e ai criteri pubblicati nella convocazione. Secondo la CE, le agenzie hanno dichiarato nei loro documenti di gara che si sarebbero impegnate a rispettare le rigide leggi editoriali della nuova redazione, “per garantire un’informazione indipendente, imparziale e non influenzata da terzi”.

Su questa base hanno deciso di finanziare un progetto al quale ha partecipato anche Tanjug.

Hanno anche indicato che monitoreranno periodicamente la realizzazione di questo progetto, per determinare in che modo l’agenzia sta adempiendo agli obblighi del progetto e se rispetta i principi della professione.

Tuttavia, non hanno risposto a diverse domande, incluso se avrebbero escluso Tanjug dalla redazione ora che erano a conoscenza di questa controversia: i rapporti sui pregiudizi a lungo termine da parte delle agenzie sostenute dal governo e i molti casi di disinformazione e propaganda su di loro. servizio.

L’agenzia tedesca DPA, che sta guidando il progetto, ha dichiarato che le redazioni avrebbero una legge che richiederebbe alle redazioni di rispettare gli standard e la pena più dura per la violazione di tali standard sarebbe l’espulsione.

“Oggi – sei mesi prima dell’inizio dei lavori di redazione – siamo fiduciosi che anche Tanjug aderirà a questi principi”, ha detto DPA per “Raskrikavanje”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *