Non abbiamo possibilità contro la Cina. West sta perdendo tecnologia, afferma il capo IT, che lascia il Pentagono

“Tra 15 e 20 anni, non abbiamo alcuna possibilità contro la Cina. Ora è un affare fatto, penso che sia finito”, ha detto Chaillan. “Se la guerra è necessaria o meno, non importa”, ha aggiunto.

Chaillan, trentasettenne, lavora al Pentagono come direttore dello sviluppo software. Ha iniziato a lavorare per il ministero nel 2018, annunciando il suo ritiro sul social network professionale LinkedIn.

Secondo lui, gli Stati Uniti non sono affatto pronti ad affrontare la guerra informatica. Molte agenzie federali operano a “livello scolastico” quando si tratta di sicurezza informatica.

Chaillan ha anche una spiegazione per questo. Secondo quanto riferito, giganti tecnologici statunitensi come Google si sono rifiutati di collaborare con il governo su questioni etiche relative all’intelligenza artificiale.

Al contrario, le aziende cinesi stanno investendo molto nell’intelligenza artificiale e non si occupano affatto del lato etico, ha affermato Chaillan.

Dobbiamo iniziare a fare qualcosa subito, avverte

Ha aggiunto su Twitter che non pensava che l’Occidente fosse destinato a perdere, ma doveva svegliarsi presto se non voleva perdere. Ha affermato che gli Stati Uniti e i loro alleati devono battere la Cina diventando più intelligenti, più efficienti e più progressisti.

Nelle prossime settimane Chaillan testimonierà davanti al Congresso degli Stati Uniti. Secondo le informazioni disponibili, anche i documenti riservati dovrebbero essere condivisi con i legislatori.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.