nel Mediterraneo continuano i naufragi

1è A marzo, la Mezzaluna Rossa libica ha trovato quattro corpi portati a riva sulla costa di Sabratah, nella parte occidentale del Paese. Poi altri tre corpi il giorno successivo. E altri due il 3 marzo… Questi esiliati provenivano dalla nave affondata il 27 febbraio. A bordo i circa cinquanta migranti giunti ad aggiungersi alla lunga lista di morti e dispersi nel Mediterraneo, già 214 censiti dall’Alto Commissario per i Rifugiati (HCR) dall’inizio del 2022. Si sono aggiunti ai 2.000 morti e dispersi del 2021, tra cui 1.500 in uno l’unico micidiale asse del Mediterraneo centrale, tra la Libia e l’Italia.

→ CONTRASTO. In Polonia, mobilitazione generale della Chiesa per accogliere i profughi ucraini

Queste cifre sarebbero ampiamente sottovalutate, secondo la ONG Alarm Telephone, che contatta le navi in ​​pericolo e cerca di allertare i centri di soccorso e soccorso in mare. “Molti naufragi segnalatici da amici o familiari di persone scomparse non sono mai stati ufficialmente conteggiati”, ha testimoniato. Nel 2021 la ONG ha fornito assistenza a 407 navi in ​​difficoltà. Sono 234 in più rispetto all’anno precedente. L’associazione è stata informata di 42 naufragi, spesso in prossimità delle coste libiche, senza essere soccorsi, a meno che non sia troppo tardi.

“La situazione è molto difficile in Libia”

“Sempre più persone stanno cercando di lasciare la Libia, allerta Djamal Zamoum dell’UNHCR. La guerra in Ucraina ha attirato l’attenzione di tutti, compreso l’UNHCR. Ma altre esigenze non devono essere ignorate. La situazione è molto difficile in Libia”.. Ed è peggiorato a causa delle nuove tensioni e della crisi politica lì.

L’anno scorso, 68mila migranti e richiedenti asilo hanno raggiunto l’Italia. Più di 32.000 persone sono state invece intercettate in mare dalla guardia costiera libica a causa di voli aerei e, da maggio 2021, droni dell’agenzia europea di sorveglianza delle frontiere Frontex. Localizza le navi e segnala la loro presenza alle autorità libiche, denunciando Alarm Phone.

Solo il 2,5% dei rifugiati può essere evacuato dalla Libia

Deportate in Libia, queste persone lo sono “ritornato in centri di detenzione che erano, per la maggior parte, inaccessibili alle organizzazioni responsabili degli aiuti umanitari”, Jamal Zamoum si è lamentato. Tuttavia, molti di questi luoghi di detenzione ufficiali e non ufficiali sono luoghi di varie violazioni dei diritti umani, che sono state documentate nel corso degli anni. “Non esiste una soluzione possibile per loro a livello locale”, ha detto il funzionario dell’UNHCR. Diverse migliaia di migranti sono stati anche portati dalla Libia ai confini desertici del Niger, del Ciad, del Sudan o addirittura dell’Egitto, denunciando le organizzazioni per i diritti umani.

Delle 42.000 persone registrate dall’UNHCR in Libia che necessitano di protezione internazionale – e quindi hanno diritto allo status di rifugiato – solo una piccola minoranza ha qualche speranza di lasciare il Paese legalmente. Poiché i potenziali paesi ospitanti sono riluttanti a offrire posti, i programmi di evacuazione e reinsediamento sono accessibili solo al 2,5% di essi. Per i più vulnerabili dei più vulnerabili.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.