Nations League: il direttore della DFB trae conclusioni provvisorie positive sulle notizie calcistiche

A metà di un pacchetto di quattro Nations League, Oliver Bierhoff ha tratto una conclusione positiva e provvisoria anche senza una vittoria.

“Il bilancio sembra molto positivo, anche se ci aspettavamo di più. Siamo sulla strada giusta, la direzione è giusta”, ha detto giovedì a Herzogenaurach l’amministratore delegato delle squadre nazionali e accademiche. Ma c’è ancora “lavoro da fare”.

Dopo i pareggi in Italia e contro l’Inghilterra (entrambi 1:1) di sabato (20:45/RTL) a Budapest contro l’Ungheria il terzo incontro. I quattro gruppi si chiuderanno con la gara di ritorno contro l’Italia a Mönchengladbach (14 giugno).

Utilizza il browser Chrome per utilizzare il nostro lettore video con prestazioni ottimali!

Il direttore della DFB Oliver Bierhoff sul portiere Manuel Neuer dell’FC Bayern.

Bierhoff caldo per le Final Four

“L’obiettivo chiaro è quello di ottenere i tre punti contro l’Ungheria. Questo è il nostro obiettivo. Abbiamo grandi ambizioni”, ha detto Bierhoff. L’obiettivo è vincere il girone e qualificarsi per le Final Four del prossimo anno, “perché abbiamo amichevoli solo nel 2023”, ha detto Bierhoff: “Due partite competitive farebbero una buona squadra”.

In qualità di host, la selezione DFB si qualifica per EM 2024 e non deve giocare nessuna partita di qualificazione.

Utilizza il browser Chrome per utilizzare il nostro lettore video con prestazioni ottimali!

Il direttore della DFB Oliver Bierhoff su Karim Adeyemi del Borussia Dortmund.

La donna DFB invita il bonus record

Inoltre, il direttore della DFB spiega ancora una volta perché i calciatori tedeschi raccolgono meno degli uomini in termini di possibili vittorie EM, nonostante il bonus record. “Guadagno e fatturato sono molto diversi nel torneo maschile rispetto a quello femminile”, ha detto l’amministratore delegato della nazionale e delle accademie, ma ha aggiunto in merito alla preparazione: “Abbiamo fatto di tutto perché loro avessero le stesse condizioni”.

L’allenatore della nazionale Martina Voss-Tecklenburg può aspettarsi un bonus record agli Europei in Inghilterra (dal 6 al 31 luglio). Se le elezioni DFB vinceranno il loro nono titolo europeo, ogni giocatore riceverà 60.000 euro. Ci sono 30.000 euro per raggiungere la finale e 20.000 euro per ogni giocatore che raggiunge le semifinali. Se la squadra femminile della DFB sopravvive alla fase a gironi e passa ai quarti di finale, sono garantiti 10.000 euro.

Utilizza il browser Chrome per utilizzare il nostro lettore video con prestazioni ottimali!

Il direttore della DFB Oliver Bierhoff sull’infortunato Marco Reus del Borussia Dortmund.

Bierhoff: La parità di gioco è più importante per le donne

“Crediamo che migliorando abbiamo dimostrato di voler promuovere il calcio femminile”, ha detto Bierhoff. Dopo i negoziati, Voss-Tecklenburg ha parlato di “buoni risultati” e “sviluppi positivi”.

Secondo Bierhoff, le donne non si aspetteranno di più in questo momento. La parità di gioco è più importante per loro della parità di retribuzione, hanno dichiarato i campioni d’Europa del 1996: “Lo supportiamo e spero che tutta la Germania si unirà a questo torneo”.

Bierhoff ritiene responsabili i giocatori nazionali

Prestando attenzione a questioni sociali come i diritti umani nel paese che ospita la Coppa del Mondo, il Qatar, Bierhoff ha ancora una volta ritenuto responsabile la nazionale tedesca: “Devono affrontarlo, prendere posizione e prendere posizione”.

Ma Bierhoff ha anche sottolineato che i “giovani” della squadra rappresentavano “una parte della società”: “Alcuni sono più interessati e impegnati. Altri sono tranquilli”. Pertanto promuove anche la “comprensione” per le stelle.

Prima della Nations League, c’era un forum di dialogo con esperti del Qatar per il team DFB presso i partner adidas. Eventi informativi con attivisti per i diritti umani di Amnesty International e Human Rights Watch erano all’ordine del giorno a marzo. L’obiettivo e il dovere è “attirare l’attenzione dei giocatori su questa situazione”, ha insistito Bierhoff.

L’immagine dei calciatori nazionali è cambiata radicalmente, le richieste della società sono aumentate nel senso che “devono fare i conti con altri problemi”, ha detto il campione d’Europa 1996: “Negli anni ’60 e ’70 si diceva ancora: ‘Gioco a calcio, il resto non mi interessa.’ Non funziona più”.

SID

Tutte le altre notizie importanti dal mondo dello sport le trovate in News Update.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.