Nadal combatte per le semifinali di Melbourne

Rafael Nadal ha lottato duramente per passare alle semifinali. Foto: Andy Brownbill/AP/dpa (Immagine: dpa)
(Foto: Andy Brownbill/AP/dpa)

Melbourne – Sorridente ma determinato, Rafael Nadal ha respinto le accuse di bonus da top star dopo aver vinto le semifinali degli Australian Open.

Con una dimostrazione di forza per cinque set e oltre quattro ore nonostante un problema allo stomaco, lo spagnolo ha evitato una fine imminente per il conquistatore Alexander Zverev. Grazie a 6:3, 6:4, 4:6, 3:6, 6:3 contro Denis Shapovalov del Canada, il 35enne è un passo più vicino al record del Grande Slam. La filippica di Shapovalov secondo cui Nadal ha ricevuto un trattamento preferenziale dall’arbitro non lo ha affatto infastidito martedì a Melbourne.

“Non ho mai sentito di avere un vantaggio in campo e ho davvero pensato che si sbagliasse”, ha detto Nadal: “È ancora giovane. Tutti commettiamo errori nelle nostre carriere. Ho commesso molti errori quando ero giovane.” Shapovalov avrebbe probabilmente capito in seguito che non aveva ragione oggi.

Shapovalov rimprovera

Quando Nadal si è sentito come se stesse prendendo troppo tempo dopo il primo set prima di spuntare sulla linea di fondo per prepararsi a tornare, Shapovalov si è scatenato. “Siete tutti corrotti”, ha rimproverato il 22enne arbitro brasiliano Carlos Bernardes quando Nadal non ha ricevuto l’avvertimento che riteneva necessario per i tempi supplementari.

“Penso che Denis fosse infastidito in quel momento perché l’arbitro ha chiamato ‘tempo’ e mi ci sono voluti circa 30 secondi in più per cambiare”, ha detto Nadal. “Penso che al momento sia giusto se Carlos mi dà tempo”. Shapovalov, con parecchi distaccamenti, riprese l’espressione corrotta. “Non è giusto come Rafa sia riuscita a farla franca”, ha detto. Il comportamento dell’arbitro è stato un “grande scherzo”. Quando gli è stato chiesto se pensava che a Nadal fosse riservato un trattamento preferenziale, il canadese ha risposto: “100 per cento”. Nadal sta trascinando di nuovo il tempo.

Problemi di stomaco a Nadal

La tensione in cinque set che avrebbe dovuto esserci in questa partita è stata imprevedibile a lungo. Contro i semifinalisti di Wimbledon, Nadal si è comportato molto meglio con la sua presenza e costanza rispetto a Zverev nella sua sconfitta negli ottavi di finale. I vincitori del Melbourne 2009 hanno condotto 2-0 in set prima di scioccare. Nella calda Melbourne, i problemi di stomaco lo affliggono e perde la sua sovranità. “Ero completamente devastato. È stata una giornata difficile. Molto caldo”, ha spiegato Nadal.

La questione delle sue condizioni fisiche è stata discussa prima dell’inizio del torneo. Tuttavia, Nadal era per lo più al sicuro durante le prime fasi. Tuttavia, i suoi problemi di martedì non hanno nulla a che fare con l’infortunio al piede che lo ha tenuto fuori per mesi alla fine della scorsa stagione. Le pillole per lo stomaco nel quarto set hanno aiutato poco, ha spiegato Nadal nell’intervista al vincitore.

Quando Shapovalov, 13 anni più giovane di lui, sembrava avere il sopravvento, Nadal si è portato subito in vantaggio nella finale, complice anche un piccolo errore dell’avversario. Nadal è scomparso dall’arena per pochi minuti prima della quinta sessione. “Ha la sensazione di giocare non solo contro i giocatori, ma anche contro gli arbitri”, si è lamentato Shapovalov.

Berrettini in semifinale

Quando la palla è stata giocata l’ultima volta, il canadese ha fracassato la sua racchetta. Nadal annuì, allungò le braccia al cielo e inclinò la testa all’indietro. Ora può fare la storia del tennis. “Due mesi fa non sapevamo se sarei tornato in tour. È stato un regalo per me poter giocare di nuovo a tennis”.

13 anni dopo l’unica vittoria di Melbourne finora, solo due vittorie separano Nadal dal prossimo trofeo. Al posto del campione del record serbo Novak Djokovic, espulso, il numero cinque del mondo giocherà la semifinale di venerdì contro il finalista di Wimbledon Matteo Berrettini. Sempre in cinque set, la prima semifinalista maschile italiana di Melbourne ha sconfitto il francese Gael Monfils 6:4, 6:4, 3:6, 3:6, 6:2.

Se Nadal vincerà domenica, si assicurerà il suo unico record con il 21esimo titolo del Grande Slam. Il fatto che Djokovic e il suo rivale svizzero Roger Federer (entrambi 20 vittorie) fossero assenti per ragioni molto diverse gli ha spalancato le porte.

Ashleigh Barty sta cercando di fare il suo debutto in finale a Melbourne giovedì. Nei quarti di finale ha sconfitto Jessica Pegula, un’americana classificata 21, 6-2, 6-0. Barty vuole anche scrivere un capitolo di successo molto speciale e diventare il primo australiano a vincere l’Australian Open da Chris O’Neil nel 1978. In semifinale, Barty ha incontrato l’ex finalista degli US Open Madison Keys degli Stati Uniti, che ha battuto l’Open di Francia ceco campionessa Barbora Krejcikova 6- 3, 6-2.

© dpa-infocom, dpa:220125-99-839727/6


Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.