Musetti ha battuto la stellina Alcaraz in finale a Rothenbaum

L’outsider Lorenzo Musetti ha vinto il torneo Rothenbaum di Amburgo, Bernarda Pera ha festeggiato nella categoria femminile. Il direttore del torneo Reichel ha tratto una conclusione positiva.

L’italiano Lorenzo Musetti cade a terra dopo la sua vittoria al Rothenbaum Hamburg. (Immagine: dpa)
(Foto: Daniel Bockwoldt/dpa)

Amburgo – Mentre la sua prima vittoria nel tour ATP è stata confermata dopo quasi tre ore di tensione, Lorenzo Musetti si è sdraiato sulla sabbia e si è toccato la testa.

Il 20enne esterno italiano sembra non crederci nella finale degli European Open, quasi imbattibile in termini di tensione, dopo un duro 6:4, 6:7 (6:8), 6 :4 la lotta contro il favorito Carlos Alcaraz (Spagna) ha vinto. Musetti ha dedicato la sua vittoria nella sua prima apparizione a tennis al Rothenbaum Hamburg a sua nonna.

Musetti: “Questo è un grande momento per me”

Il numero sei del mondo Alcaraz, che si trova anche lui per la prima volta nella città anseatica, ha mancato il sesto colpo di stato a cui mirava nel tour ATP davanti a 7.500 fan con temperature intorno ai 30 gradi. Il favorito di 19 anni era inizialmente lontano dalle prestazioni dei giorni precedenti. Nel primo set ha servito due volte a Musetti, che ha commesso meno errori e ha colto quasi ogni occasione.

Anche Alcaraz è stato rapidamente in svantaggio per 2-0 nel secondo tempo, ma ha continuato a spingersi e improvvisamente è tornato al suo precedente disperato bisogno. Ha parato due match point e si è salvato nel tie break, dove Musetti non è stato in grado di utilizzare altri tre match point. Per l’italiano è bastata una pausa nel decisivo, che ha sfruttato il suo sesto match point dopo 2:46 ore. “Questo è un grande momento per me”, ha detto con orgoglio il numero 62 del mondo.

Pera continua la sua marcia della vittoria

Il giorno prima, l’outsider Bernarda Pera (USA) ha continuato la sua marcia per la vittoria a Rothenbaum. In finale, il 27enne non ha dato alcuna possibilità al favorito del torneo Anett Kontaveit dell’Estonia con un punteggio di 6:2, 6:4 e ha vinto il suo secondo torneo in una settimana dopo Budapest. “È stata una delle prestazioni più impressionanti che abbia mai visto”, ha dichiarato l’ambasciatore del torneo Andrea Petkovic. Il 34enne di Darmstadt è stato l’unico degli undici concorrenti individuali maschili e femminili tedeschi a sopravvivere al primo turno e ha saltato i quarti di finale a causa di Kontaveit. “I record della Germania sono contrastanti”, ha detto Petkovic, “ma ci sono più grandi star rispetto al 2021”.

Anche prima della fine del primo evento di doppio di Rothenbaum in 44 anni, la direttrice del torneo Sandra Reichel ha tratto conclusioni positive. “È vero competere qui con donne e uomini in tornei in una settimana. Abbiamo provato la sensazione di un mini-Grand Slam”. Ha elogiato i leader mondiali di alto livello, economicamente si è accontentato di 55.000 spettatori in nove giorni. “Sarà nero, ma non otteniamo molto”, ammette l’Austria. Crede che un torneo combinato si giocherà anche nella città anseatica nel 2023. “Penso che i segnali siano buoni”. Tuttavia, quello che è successo dopo che si è svolto.

© dpa-infocom, dpa:220724-99-140786/4

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.