Morta Lucía Hiriart, vedova del dittatore cileno Augusto Pinochet | Internazionale

All’età di 99 anni, Lucía Hiriart, vedova di Augusto Pinochet, morì nel suo dipartimento nella parte orientale di Santiago del Cile. La madre di cinque figli del dittatore, morto nel dicembre 2006, da quando è morto il marito, si è immersa nel suo mondo privato e le notizie su di lei si sono conosciute solo per i suoi continui problemi di salute, quando è stata curata e c’erano bugie permanenti . notizia della sua morte. Tuttavia, questo mercoledì sono state confermate le informazioni sulla donna che ha avuto un ruolo importante nel golpe. Lo stesso Pinochet ha scritto nelle sue memorie che è stata sua moglie a incoraggiarlo a partecipare al crollo della democrazia nel 1973, contro Salvador Allende. “Una notte mia moglie mi ha portato nella stanza dove dormivano i miei nipoti e mi ha detto: ‘Saranno schiavi perché non puoi ancora deciderti’, ha scritto il generale nelle sue memorie, La strada percorsa.

La morte di Hiriart arriva tre giorni dopo l’elezione polarizzante tra Gabriel Boric e José Antonio Kast, un candidato che non ha rotto con il regime di Pinochet. “Ha aperto le riforme economiche e ha dato più spazio al settore privato, che è stato il fondamento del progresso del nostro Paese negli ultimi quattro decenni”, ha assicurato il candidato di estrema destra a EL PAIS.

La morte della vedova di Pinochet potrebbe avere un impatto su La Moneda negli ultimi giorni di questa corsa. In quel momento, parenti e amici intimi della vedova di Pinochet sono arrivati ​​a casa sua nella zona di Lo Curro, mentre in Plaza Italia, in centro, si stavano avvicinando i manifestanti contro il regime di Pinochet. Parallelamente, Kast e Boric iniziano la loro campagna ufficiale chiudendo con due eventi a Santiago, dove potrebbero esserci riferimenti a notizie.

Prima del rally, Boric Ha caricato un messaggio sul suo account Twitter: “Lucía Hiriart è morta senza punizione nonostante il profondo dolore e la divisione che ha causato al nostro Paese. I miei rispetti alle vittime della dittatura di cui faceva parte. Non celebro l’impunità o la morte, lavoriamo per la giustizia e per una vita dignitosa, senza cadere nella provocazione o nella violenza”. Kast, nel frattempo, sta parlando alla radio DNA. “Lo lascio come un fatto umano, vedo persone che festeggiano e la morte di qualcuno è sempre qualcosa di doloroso per la famiglia, indipendentemente dal ruolo storico che può aver giocato. Non lo conoscevo, non era una persona vicina alla famiglia, non avevo legami. Alcuni vorranno intraprendere un’azione politica”, ha detto Kast, rassicurando che non deve andare al funerale perché “sarà privato”. “Se è un funerale privato, è proprietà della famiglia”, ha detto.

Lucía Hiriart proviene da una famiglia democratica e antimilitare che componeva l’élite politica dell’inizio del XX secolo. Figlia di un senatore, all’età di 16 anni conobbe Pinochet, allora 23. Era un semplice militare che rimase affascinato dalla ragazza, che sposò nel 1943 e conduceva una classica vita militare con i loro cinque figli, tre donne e due uomini.

Unisciti a EL PAÍS per stare al passo con tutte le notizie e letture illimitate.

Cliente

Di origine basco-francese, la first lady del regime ha dato la sua visione personale di come dovrebbe essere il Cile attraverso il CEMA, una rete di centri materni in cui alle donne povere vengono insegnate diverse professioni, su cui Justice ha indagato diversi anni fa. La fondazione era stata creata nel 1954, ma Hiriart ne prese il controllo dall’inizio della dittatura, assumendone il presidente.

Nel corso degli anni, è diventata la sua stessa soldatessa e il suo principale strumento per impartire un carattere di fondamentalismo morale al governo di suo marito. Poco prima dell’arrivo della democrazia, nel 1990, il regime modificò gli statuti in modo che la CEMA rimanesse nelle mani della moglie del comandante dell’esercito, posizione che Pinochet prese dopo aver lasciato La Moneda. Nel 1996 c’è stata una nuova trasformazione normativa: la CEMA è rimasta nelle mani di Hiriart nonostante il congedo del marito dall’Esercito, avvenuto finalmente nel 1998. Dopo una lunga indagine da parte dei Giudici, lo scorso settembre il Consiglio di Difesa dello Stato ha chiesto lo scioglimento e l’annullamento della persona giuridica del CEMA dopo aver recuperato l’eredità per lo Stato circa 18 milioni di dollari.

“È la stessa cosa che succede sempre. Se n’è andato circondato dai suoi parenti, mentre noi eravamo codardi uccisi”, ha detto il deputato di centrosinistra Tkatael Jiménez, figlio dell’omonimo leader sindacale, brutalmente assassinato dalla dittatura nel 1982″. Non sapremo mai in modo affidabile il suo ruolo nella CEMA e nelle violazioni dei diritti umani durante la dittatura del marito. E spero che questo sia un momento di riflessione, perché il Cile ha una memoria molto fragile. Speriamo che possa essere un promemoria della gravità che sta accadendo nel nostro Paese e in vista di una decisione importante come le elezioni presidenziali del 19 dicembre”, ha aggiunto.

La sua ultima apparizione a un evento di massa è stata l’11 dicembre 2019, a una messa nei 13 anni dalla morte del marito. Hiriart, considerato una figura chiave nei 17 anni di dittatura, è apparso pubblicamente sui media il 21 aprile dello scorso anno, quando ha firmato un necrologio in memoria dell’ex ministro recentemente scomparso di Pinochet, Sergio Onofre Jarpa. Il piccolo testo termina con la sua firma: “Lucía Hiriart R., vda. Pinochet e la famiglia”.

Iscriviti qui per bollettino da EL PAÍS América e ricevere tutte le chiavi informative attuali nella regione.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.