Monza: Berlusconi torna nel calcio d’élite in Italia | Sport

La leggenda dell’immortalità, la fama di ottenere sempre ciò che voleva fare – anche se gli è costato – ha sempre accompagnato Silvio Berlusconi per tutta la sua giovinezza. Il Cavaliere divenne tre volte presidente del Consiglio, ricostruì la politica italiana con artefatti elettorali a metà tra partito e società pubblicitarie, sfuggì a decine di querele, fu condannato per frode fiscale e dimostrò che, a differenza di quella che credeva essere l’Africa – poeta e cantante Gill Scott-Heron, Revolution andrà in onda in televisione. Almeno il tuo. Tuttavia, a 86 anni, nessuno pensava che il titolare Mediaset, da poco fidanzato con Marta Fascina, la 32enne rappresentante di Forza Italia che lo ha sempre accompagnato sugli spalti, sarebbe stato in grado di realizzare i sogni di un pugno di giocatori. tifosi. Il Calcio Monza, acquistato solo tre anni fa mentre soffriva di soffocamento per debiti in Serie C, domenica si è assicurato la promozione in Serie A per la prima volta nella sua centesima storia e dopo aver battuto il Pisa nella finale play-off. Un’impresa che consentirebbe al tycoon di sedersi nei box dei club di prima divisione in Italia.

Berlusconi ieri si è recato a Pisa per vedere una partita con la sua ragazza in tribuna. È stato visto divertirsi, soffrire, battere le mani e persino addormentarsi nei minuti di recupero senza vedere nessuno dei gol del Pisa. Titolare e architetto rossonero che ha fatto la storia con Arrigo Sacchi e Fabio Capello, ha deciso nel 2017 di cedere il club rossonero, che è al di là del titolo, gli permette anche di presentarsi come qualcuno che è considerato capace di politica. Il nuovo proprietario sarà un cinese che quasi pensava che esistesse davvero. Il Cavaliere ha poi ricevuto 740 milioni, una cifra molto alta per la prestazione del club e molti hanno pensato che fosse parte di un’operazione di riciclaggio di denaro. Al di là di ogni sospetto, la mossa lo ha liberato da un altro mal di testa dopo un turbolento periodo di prova, problemi politici e scarsi risultati calcistici. Ma il calcio è strano, e dopo tre anni non riusciva a togliersi dalla testa l’odore dell’erba bagnata, adrenalina in area e scendere nello spogliatoio a dettare la formazione all’allenatore ea raccontare barzellette. ai calciatori. Annoiato nella sua casa di Arcore, a soli tre chilometri da Monza, ha ricevuto una telefonata dall’amico Adriano Galliani. L’ex amministratore delegato del Milan non ha bisogno di spingersi troppo.

Silvio Berlusconi, questa domenica a Pisa, dove la sua squadra, il Monza, ha vinto la promozione in Serie A.Gabriele Masiero (EFE)

Fininvest, il conglomerato societario di Berlusconi, ha acquistato Monza dall’imprenditore Nicola Colombo a settembre 2018 per 3 milioni di euro. L’attuale presidente è Paolo Berlusconi, fratello minore dell’imprenditore, ed è allenato da Giovanni Stroppa, ex milanista, che è riuscito a gestire piccole squadre con progetti interessanti come il Crotone (passato anche in Serie A) o il Südtirol. Anche se forse la cosa davvero interessante è che in un progetto co-progettato i due rocker di 162 anni di questo business rock insieme. Il naso di Galliani va accoppiato, come in passato, al libretto degli assegni di Berlusconi (negli ultimi tre anni il Milan è costato 225 milioni di euro). Il club ha investito oggi circa 70 milioni di euro tra giocatori e infrastrutture come lo stadio, con una capacità di 9.999 spettatori. Nessuna entità in quella categoria l’ha mai fatto. Perdite significative ogni anno. E la serie A, mentre fornirà entrate, ci costringerà a continuare a pompare denaro.

La firma cade con uno scopo. Nel Monza c’erano Kevin Prince Boateng e anche Mario Balotelli, esonerato da Cristian Brocchi, l’allenatore dell’epoca, dopo aver verificato che il suo cervello aveva prosciugato il suo talento tempo fa. Anche così, i membri della squadra del Monza, avverte Berlusconi all’arrivo, devono essere tagliati da uno schema: abito, immagine e comportamento esemplare. La prima frontiera che gioca in squadra è essere italiani e giovani. Ma a parte questo, aveva in programma di averli ben curati, un’azienda in cui lui stesso progettava di fornire parrucchieri gratuiti a tutti i giocatori. “Lo avranno per sfoggiare acconciature classiche, non potranno portare barba o tatuaggi e le loro divise o vestiti saranno tagliati in modo ordinato”. Il Cavaliere vuole anche che il gruppo esemplare italiano chiami gli arbitri “da signori”. Ma Berlusconi non si è mai preoccupato della forma, ma dei risultati. E i tatuaggi sono ancora sulle braccia dei giocatori, ma il Monza è già in Serie A.

Il suo sogno adesso, non c’è modo di nasconderlo, è quello di ripetere l’impresa fatta al Milan, affondata anche quando lo ha comprato. Quella stessa estate tirò fuori un libretto degli assegni e portò la squadra rossonero giocatori come Roberto Donadoni, Daniele Massaro, Dario Bonetti e Giovanni Galli. Berlusconi si presenta alla vecchia struttura dell’Arena di Milano in elicottero con la voce di CCavalcata della Valchiria di Richard Wagner. Può sembrare un pazzo stravagante, ma il successo del Milan è stato un trampolino di lancio per le sue vittorie politiche. Chissà se, a 85 anni, può ancora farsi una promessa e mantenere alcune promesse calcistiche, in qualche modo approderà sul vecchio Brianteo.

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook voi Twitteroppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.