Mondiali 2022: Arrigo Sacchi chiede un ripensamento nelle cronache calcistiche italiane

Dopo l’umiliante uscita dell’Italia da una partita di qualificazione ai Mondiali, l’ex allenatore della nazionale Arrigo Sacchi ha chiesto un ripensamento generale del calcio italiano.

È “culturalmente arretrato, nessuna nuova idea. Altri paesi si stanno sviluppando, siamo ancora al livello di 60 anni fa”, ha detto il 75enne. Gazzetta dello Sport. La sera prima, i campioni d’Europa hanno saltato i playoff di qualificazione per 0-1 contro un outsider della Macedonia del Nord e, come nel 2018, hanno saltato la Coppa del Mondo.

Sacchi critica il sistema calcio in Italia

“La colpa di questa situazione è almeno dei giocatori e degli allenatori. Il problema è del sistema”, ha insistito l’ex allenatore d’elezione, arrivato alla finale dei Mondiali del 1994 con la Rosa Azzurra. “Il nostro settore giovanile è pieno di giocatori stranieri comprati come frutta e verdura, il club deve molto, la squadra non vince più fuori dall’Italia e nessuno dice niente?” chiese Sacchi. Nessun trofeo di club è andato in Italia dal 2010, quando l’Inter ha vinto la Champions League. “Siamo ritardati, e non solo nel calcio”.

Sacchi spera che l’allenatore Roberto Mancini non venga esonerato solo per reazione. Dobbiamo seguire l’esempio di paesi come la Spagna, il cui successo si basa su riforme fondamentali. “Non dobbiamo attenerci ai vecchi schemi, non dobbiamo pensare di poter risolvere il problema scambiando le persone. L’approccio, l’idea devono essere cambiati”.

dpa

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.