Migliaia di aerei vuoti sorvolano l’Europa – per cosa? – Affare

Le compagnie aeree europee sono costrette a volare con aerei vuoti o quasi vuoti.


Fonte: elenco Jutarnji

Illustrazione: hxdyl/Shutterstock

Il motivo è che non perdono i diritti sugli slot, sui posti portuali negli hub e nei grandi terminal aeroportuali, dove il traffico dipende dagli slot. E perdono i diritti sugli slot se non sono d’accordo più volte, come specificato dal contratto. La regola si chiama semplicemente: “usalo o perdilo”.

Gli slot regolari per i voli verso destinazioni popolari negli aeroporti più grandi sono molto importanti, anche un servizio prezioso nel settore dei passeggeri delle compagnie aeree. Per preservarlo, ogni compagnia aerea deve garantire un certo numero di ormeggi all’anno, in linea di principio almeno l’80 per cento del totale dei diritti di atterraggio previsti dal contratto tra la compagnia aerea e l’aeroporto. Gli aeroporti fanno molto di più dei taxi aeroportuali per passeggeri e cartelloni pubblicitari.

Tali restrizioni sono state revocate durante la pandemia lo scorso marzo, ma stanno gradualmente tornando. Ora la compagnia aerea perde lo slot se non atterra almeno la metà di quanto specificato nel contratto. La Commissione europea ha annunciato che aumenterà tale percentuale al 64% entro la fine di marzo, secondo quanto riportato dalla lista Jutarnji.

Le compagnie aeree hanno protestato, a cominciare dalle più grandi, come Lufthansa con il suo gruppo, e il gruppo KLM – Air France. Ricordano loro che Omicron ha inflitto loro un nuovo e inaspettato colpo: è altamente contagioso, facendo sì che i passeggeri che non devono volare emettano odori di aeroplano dove è difficile evitare virus nell’aria della cabina. Hanno bisogno di “maggiore flessibilità” perché altrimenti dovranno consumare carburante e inquinare l’atmosfera con esso, anche quando non hanno i passeggeri per raggiungere le quote di atterraggio e decollo necessarie per mantenere i diritti agli slot.

Lufthansa ha annunciato che cancellerà circa 33.000 voli questo inverno perché non c’è interesse da parte dei passeggeri per loro. D’altra parte, ha annunciato che doveva ancora pilotare circa 18.000 aerei de facto vuoti per non perdere gli slot dove si trovavano. Altre compagnie aeree stanno vivendo la stessa cosa, quindi ad esempio, circa 3.000 voli vuoti quest’inverno sono stati annunciati da Brussels Airlines, una compagnia di una città in cui la Commissione europea ha deciso che il numero di voli dovrebbe essere ridotto per mitigare la crisi climatica. . Ma l’UE non è riuscita ad alleviare la pressione aeroportuale sulle compagnie aeree.

Gli aeroporti prestano prima attenzione ai loro vantaggi. E credono che “l’accordo” per ridurre l’utilizzo, del 64 o 50 per cento, precede i sacrifici che fanno. E all’Unione non è venuto in mente di pagare loro un compenso in quel nome e quindi ridurre la sofferenza economica, perché i “membri parsimoniosi” si sarebbero arrabbiati.

“L’Unione Europea ha la garanzia di affrontare la crisi climatica”, ha commentato sarcasticamente l’attivista per il clima Greta Tunberg su Twitter.

Tuttavia, non c’è bisogno di piangere per l’attuale destino delle compagnie aeree, perché ci sono nuove storie di investimento da tutte le parti, per essere meglio preparati ad affrontare la fine della pandemia. Ita, società italiana formata dalle ceneri frantumate di Alitalia, ha annunciato ieri che Lufthansa intende acquisire fino al 40% della sua proprietà.

Pratite na naoj Facebook io Instagram pagina, Indonesia Account e lasciati coinvolgere dalla scienza Viber Pubblico.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.