Mick Junior segue le orme del grande Schumacher

Il 22enne pilota tedesco sarà un sostituto della famosa casa italiana per la stagione 2022. Questo non vuol dire che la F1 sia qualcosa di nuovo per lui: ha già avuto la sua stagione inaugurale lo scorso anno e il miglior risultato è stato il 12° posto. Tuttavia, quella prima si svolge in casa contro l’Haas, la squadra finale della Coppa Costruttori 2021. La Ferrari sarà un campionato completamente diverso.

Mick Schumacher condividerà la sua posizione di pilota di riserva alla Ferrari con il 28enne italiano Antonio Giovinazzi. L’anno prossimo correrà principalmente in Formula E. Tuttavia, coprirà le spalle dei piloti abituali della Ferrari Charles Leclerc e Carlos Sainz nei dodici Gran Premi di Formula 1 se per qualsiasi motivo non potranno partire.

Seguendo le orme del padre

Il giovane Schumacher non poteva e non aveva vita facile. Immagina: il figlio di diversi campioni del mondo di F1, che ha anche scelto le auto da corsa come suo più grande hobby. Il 29 dicembre 2013, durante una splendida vacanza sulla neve in Francia, assiste al grave incidente di suo padre all’età di 14 anni. L’apparentemente normale caduta sugli sci della famiglia sconvolge la vita, ma Mick non è turbato. Tutto questo ha plasmato il ragazzo ed è quello che è oggi. Alla vigilia di una grande carriera da pilota di F1, seguendo le orme del padre.

Se ti piace quello che fai, allora stai andando bene.

Michael Schumacher

Ma diamo un’occhiata a come Mick Schumacher è cresciuto mentre andava in kart, la Ferrari Academy, per vincere i campionati di Formula 3 e 2.

Ne Schumacher, Betscho ale

Era nato nel 1999, quando suo padre aveva vinto due (su sette) nel Mondiale di F1 e aveva avuto un grave incidente a Silverstone. Presto iniziò a girovagare per la macchina da corsa. Niente gli ha impedito di farlo, ma suo padre lo ha sostenuto.

Ma la famiglia si rese presto conto della pressione che avrebbe esercitato sul ragazzo. Ed è per questo che originariamente la segnalava a eventi sportivi sotto il cognome Betsch, che era il nome da nubile della madre di Corinna Schumacher. Certo, questo poteva servire solo come protezione per il momento, anche perché il figlio di Schumacher ha continuato a migliorare. Pertanto, presto Mick Betsch doveva diventare “Mick Junior”.

Nell’anno critico del 2013, dopo l’incidente di suo padre, Mick non ha tirato fuori il suo sport preferito. Ha guidato un go-kart in quel momento ed è rimasto con loro per altre due stagioni. Non è stato fino al 2015 che ha lasciato il mondo delle “piccole auto” e ha fatto il suo debutto nella Formula 4 tedesca. Dopo un’ottima stagione da rookie, ha conquistato un ottimo secondo posto nella serie F4 tedesca e italiana. E questo lo ha portato alla competizione che allora si chiamava European F3.

Vittoria in F3

Mick Schumacher migliora le sue capacità agonistiche, ma allo stesso tempo, soprattutto con l’aiuto di sua madre, evita consapevolmente un’eccessiva promozione del suo cognome. Quindi, è sopravvissuto alla sua prima stagione in F3 in modo relativamente pacifico e ha finito per finire 12° assoluto. Tuttavia, l’anno successivo, non aveva scelta. Dopo una dura battaglia con lo stesso vecchio inglese Dan Ticktum, ha vinto il titolo e ha mostrato tutte le sue qualità.

Nel 2019 è arrivato un altro punto di riferimento. Il giovane Schumacher passa alla Formula 2 e firma un importante contratto con la Ferrari Driver Academy per giovani talenti. Ha completato il suo primo test drive di F1 in Bahrain nel bel mezzo della stagione agonistica per la Scuderia e il team cliente Alfa Romeo. Ha ottenuto un tempo incoraggiante ed è arrivato secondo dietro Max Verstappen, anche se era l’unico nuovo arrivato al test.

Quell’anno ha anche vinto la sua prima vittoria in Formula 2 in una gara sprint in Ungheria. Ha concluso ottavo nella gara principale di domenica e ha concluso 12° assoluto in campionato. Stava già vincendo la classifica generale nella seconda stagione, quando conquistò anche il primo posto a Monza e Sochi. Nella finale in Bahrain, ha lottato per un titolo indimenticabile con l’inglese Callum Ilott. Tuttavia, entrambi i piloti non hanno terminato a causa di una gomma a terra e Schumacher si è assicurato il titolo con 14 punti.

Il lavoro del padre

Il 2020 potrebbe essere qualcosa di significativo per Mick. La Ferrari ha voluto concedergli la prima gara in formazione ufficiale di F1 al Nurburgring presso il monoposto del team Alfa Romeo. Ma tutto è stato rovinato dalle cattive condizioni atmosferiche.

L’anno scorso ha esordito in F1 con il monoposto Haase, un grave incidente in allenamento per il Gran Premio d’Ungheria senza conseguenze. Il 2022 potrebbe essere un’altra pietra miliare nella vita di Micke. Come ha detto di recente in un documentario di Netflix, sta cercando di seguire il consiglio di suo padre: “Se ami quello che fai, allora lo fai bene”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.