Messi felice della “bella” vittoria sull’Italia

I campioni sudamericani dell’Argentina primeggiano nettamente nel duello con l’Italia, campionessa di Coppa dei Campioni. Un giocatore in particolare si distingue e talvolta rappresenta una sfida per la Coppa del Mondo in Qatar.

“Grande”: il Messi dell’Argentina aspetta più avversari dopo aver battuto l’Italia. (Immagine: dpa)
(Foto: John Walton/PA Wire/dpa)

Londra – Un nuovo trofeo per il fuoriclasse, celebrato da compagni e tifosi: Lionel Messi è entusiasta della vittoria per 3-0 dell’Argentina sull’Italia in “Finalsima”.

“E’ stata una finale incredibile, piena di argentini”, ha detto il 35enne dopo che i campioni sudamericani hanno vinto una schiacciante vittoria contro i campioni d’Europa allo stadio di Wembley a Londra. “Quello che abbiamo qui è incredibile”. A quasi sei mesi dal Mondiale di calcio in Qatar, il capitano dell’Albiceleste è fiducioso: “Affronteremo tutti”, ha detto.

I fan argentini erano in inferiorità numerica

Messi e compagni aveva il controllo in campo, mentre i tifosi argentini superavano nettamente gli 87.112 spettatori sugli spalti. “Sapevamo che sarebbe stata una buona partita e un ottimo setup”, ha detto la superstar. I fan facevano il tifo con entusiasmo per la loro squadra e quando Messi ha preso la palla il livello del volume è aumentato in modo significativo.

È quasi come se il calciatore del mondo volesse mettersi in mostra dopo la sua prima stagione piuttosto magra con i campioni della serie francese Paris St. Germain di cosa è ancora capace. Quasi ogni attacco passa attraverso il regista. Ha segnato due gol, ma non è riuscito a segnarne uno. Una volta ha mancato il compagno di club Gianluigi Donnarumma nella porta dell’Italia, una volta ha preso la mira da angolo acuto vicino a una porta vuota.

Capitan Messi al centro dei festeggiamenti per la vittoria

Lautaro Martinez (28), Angel di Maria (45+2) e Paulo Dybala (90+4), appena entrati in panchina, siglano la vittoria, che poteva essere migliore. Il fulcro della vivace festa, però, è stato il capitano. Prima Messi alza il nuovo trofeo, poi i suoi compagni di squadra lanciano in aria la superstar. L’Argentina è ormai uno dei campioni in carica: nel 1993 vinse l’ultima edizione della finale intercontinentale in casa Mar del Plata 5-4 ai rigori contro la Danimarca. Il bianconero ha giocato l’ultima volta a Wembley nel 2000.

Mancini si mostra un discreto perdente

Nemmeno un anno fa c’era l’ultima apparizione dell’Italia allo stadio nazionale inglese. Hanno battuto l’Inghilterra 3-2 ai rigori nella finale del Campionato Europeo. Ma da allora le cose non sono andate bene per gli Azzurri. Il tecnico Roberto Mancini si è dimostrato un discreto perdente.

“Penso che abbiano giocato meglio di noi”, si è congratulato con l’Argentina. Mancini ha indicato un errore di Federico Bernardeschi prima del primo gol e un cartellino giallo per il difensore Leonardo Bonucci. Dopodiché, il difensore, spesso in coppia con l’iconico difensore Giorgio Chiellini, non ha più potuto duellare come al solito. “Ecco perché non ha attaccato come al solito per il secondo gol”. Dopo di che, l’Argentina avrà il controllo. “Hanno giocato molto, molto bene”.

La perdita della 117a e ultima partita internazionale di Chiellini ha anche negato all’Italia la possibilità di espiare l’imbarazzante qualificazione ai Mondiali. Gli Azzurri non erano presenti ai Mondiali in Qatar, quindi la nuova edizione della “Finalsima” è stata esclusa.

© dpa-infocom, dpa:220602-99-515926/4

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.