Macri interpreta il mistero e, per ora, chiede le primarie

Bridge è un gioco di carte che richiede, nelle sue stesse parole, “uno studio sistematico del movimento e il rispetto delle regole e degli avversari”. Appassionato di calcio, al punto da disputare il mondiale a partire dalla prossima settimana a Parma, in Italia, Maurizio Macri sta davanti al panorama politico come se fosse solo un altro gioco. Ha analizzato le diverse mosse possibili senza dare un indizio sul fatto che avrebbe preferito Horacio Rodriguez Larreta Oh Patrizia Bullrich, vede l’evoluzione dei rivali ed è riluttante a dare una definizione concreta del suo futuro personale. Il tutto con un obiettivo chiaro: essere il fattore decisivo.

Nell’universo PRO, la figura di un ex presidente ritrovare la centralità. Mentre il capo del governo di Buenos Aires e capo del partito ha sottolineato il tentativo di posizionarsi nelle elezioni presidenziali, Macri ha giocato un mistero. “Ha detto ai dirigenti provinciali di accettare entrambi, di non scegliere l’uno o l’altro”, ha detto uno di quelli che lo hanno ascoltato in privato. Questo è ciò che lo stesso Macri, che ha ricevuto entrambi a Villa La Angostura in estate e che ora dice a tutti quelli che riceve a casa sua a Martínez, nel suo ufficio a Olivos o sul campo da golf, che la sua priorità è mantenete l’unità insieme per il cambiamento e che la persona nella posizione migliore sarà il candidato.

Più di una persona ne ha sentito parlare usando la metafora dell’astronauta. “È come un viaggio sulla Luna”, ha detto Macri. “Centinaia di astronauti si sono arruolati, tutti altamente qualificati, con una vasta conoscenza in varie discipline. Può essere tutto, ma per vari fattori alla fine diventa uno”, il motivo è.

È quello che vedono vari attori del macrismo scenario futuro incerto. “Bisogna guardare dove sta andando la società, che dipenderà anche da come sarà l’economia. Se radicalizza Bullrich aggiunge più opportunità, ma se si cerca una soluzione più ordinata, sarà Larreta”, ha riassunto una delle fonti consultate.

“Horacio è stato quello che aveva le idee più chiare su cosa fare quando è arrivato; ma Patricia, come arrivarci», disse Macri a uno dei suoi interlocutori. Per ora, non prevedeva a chi si sarebbe appoggiato. Si credeva che alla fine i suoi legami storici e il suo pragmatismo avrebbero prevalso, quindi decise per Larreta, sebbene fosse critico nei confronti del capo del governo sotto diversi aspetti. Altri dicono che sosterrà la spinta e il “talento politico” di Bullrich per anni. Il messaggio trasmesso, tuttavia, è che le definizioni dovrebbero essere fornite in PASO, cosa che non è ben accolta in PRO. Se il radicalismo ha un candidato, considerano la competizione con i due candidati da soli come fonte di divisione. “Macri era fermamente convinto che avrebbero comunque battuto il candidato radicale”, hanno descritto.

E perché non Macri 2023? A coloro che gliel’hanno chiesto, ha detto loro che non voleva e ha persino menzionato problemi familiari come la posizione opposta di Juliana Awada o la necessità di sfruttare al meglio il tempo con sua figlia Antonia. Ma lascia aperta la percentuale. Non chiudere la porta. Ed è quello che sostiene chi sostiene che se i numeri gli garantiscono la vittoria, sarà lui stesso. Perché dovrebbe sostenere qualcun altro se potesse essere di nuovo presidente?

“Vorrà essere un grande presidente o elettore”, ha assicurato uno di coloro che lo conoscevano da vicino. Un altro aveva una visione più critica: “Aspetterà di vedere chi ha più possibilità di venire a governare e lo sosterrà. E vorrà imporsi come un fattore sbilanciato”. Per sostenere che vedono un movimento con negoziati da parte del FMI. “È vero che è attivo, ma non decisivo. Alcuni hanno anche un atteggiamento più duro di lui”, hanno analizzato. Nel suo ambiente, relativizzano: “Ha sempre detto che la sua priorità era l’unità, ed è stata raggiunta”.

Nel frattempo, si è concentrato sulla sua agenda internazionale. Questo fine settimana è tornato dagli Stati Uniti, dove ha viaggiato per tenere la sua classe “Come guidare il cambiamento: 8 lezioni da affari, sport e politica” presso l’Adam Smith Center for Economic Freedom della Florida International University. Verso la fine della prossima settimana si recherà nuovamente a Salsomaggiore Terme, in Italia, dove gareggerà nel mondiale di bridge. E poi si recherà in Qatar, dove svolgerà attività legate al suo ruolo di presidente della FIFA Foundation.

Potrebbe piacerti anche

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.