L’ultimo minuto del conflitto Russia-Ucraina, in diretta | La Svizzera abbandona la sua tradizionale neutralità e aderisce alle sanzioni dell’UE contro la Russia | Internazionale

Perché l’Ucraina non fa ancora parte dell’Unione Europea?

“L’Ucraina è uno di noi e noi vogliamo essere nell’UE”. Il presidente dell’Ucraina, Volodímir Zelensky, si è precipitato questo lunedì a raccogliere la sfida di una frase pronunciata il giorno prima dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Nel suo discorso alla nazione in un video diffuso sul suo social network, Zelensky ha chiesto a Bruxelles di accettare il suo Paese come membro “immediatamente” attraverso “nuove procedure speciali”.

Il portavoce principale della Commissione europea, Eric Mamer, si è precipitato lunedì per abbassare queste aspettative. Rispondendo alle domande dei giornalisti durante la videoconferenza stampa in diretta che ha accompagnato queste informazioni, Mamer ha ricordato che per entrare nell’UE c’è un “processo” che deve essere seguito.

L’Ucraina, secondo Paese nell’estensione del Vecchio Continente – un Paese “nel cuore dell’Europa”, ha confermato il portavoce – non solo non è vicina all’ingresso nell’Ue, ma nemmeno alle sue porte. A differenza di altri paesi precedentemente sotto il controllo sovietico, come l’Albania e la Macedonia del Nord, l’Ucraina non è stata riconosciuta come candidata ufficiale per entrare a far parte di un club comunitario nonostante il desiderio del 68% degli ucraini di farlo, secondo un sondaggio dell’agenzia demografica Rating Group , uscito il 17 febbraio. Nel 2014, durante le proteste di Euromaidan – innescate dal rifiuto dell’allora presidente, il filorusso Viktor Yanukovich, di firmare un accordo di associazione con l’UE – furono uccisi cento manifestanti. Durante la protesta, le bandiere europee sono state issate nelle mani di molti manifestanti.

L’accordo di associazione dell’Ucraina con Bruxelles è entrato in vigore nel 2017. Nel 2019, il paese ha elencato l’adesione all’UE nella sua Costituzione come orientamento strategico della sua politica estera. Kiev ha adattato la maggior parte delle sue leggi e delle sue politiche economiche alle linee guida di Bruxelles. Tuttavia, l’ex repubblica sovietica continua a non soddisfare uno dei criteri essenziali per avviare formalmente le procedure di adesione: che richiede di disporre di “istituzioni stabili che garantiscano lo stato di diritto”. L’Ucraina non soddisfa questo requisito perché secondo un rapporto del 2021 della Corte dei conti dell’UE è definita “corruzione grave”.

Il documento ricorda che l’Ue sostiene da oltre 20 anni il programma di riforme dell’Ucraina, di cui fa parte la lotta alla corruzione, definito come un “grande ostacolo” e “contrario ai valori dell’Ue”. Secondo l’articolo 2 del Trattato di Unità, per diventare membro, un Paese deve rispettare questi valori.

“La grande corruzione” è “endemica” in Ucraina e “oltre a ostacolare la concorrenza e la crescita, mina il processo democratico”, afferma il documento, che allude anche alla “conquista dello Stato” da parte di “blocchi formati da potenti politici”. ed élite economiche, di struttura piramidale e radicate in tutte le istituzioni pubbliche ed economiche”.

Anche le aspirazioni ucraine stanno subendo – come altri paesi dell’Europa orientale – resistenze da parte di Stati membri come Francia e Paesi Bassi, al fine di rallentare l’ingresso di nuovi membri nei club comunitari e dare priorità ad “approfondire e migliorare la nostra Europa”, nelle parole del Presidente francese Emmanuel Macron nel maggio 2018.

Il caloroso intervento di domenica di Ursula von der Leyen ha anche confermato che a Bruxelles ci sono due posizioni in merito all’ammissione di nuovi membri: la posizione della Commissione, che sostiene l’allargamento dell’Unione ad Est, e la posizione del Consiglio – dove il membro gli stati siedono -, il cui attuale presidente è Donald Tusk, ha riconosciuto nel 2018 che l’inclusione di nuovi paesi complicherebbe importanti processi decisionali che spesso richiedono l’unanimità.

Dopo l’invasione russa, due paesi dell’Unione dell’Europa orientale, Polonia e Lituania, hanno chiesto che l’Ucraina sia riconosciuta come potenziale membro del club comunitario. Tuttavia, la dichiarazione odierna del principale portavoce della Commissione non indica che l’ondata di solidarietà con l’Ucraina si è tradotta a Bruxelles offrendo all’Ucraina una via preferenziale per l’adesione all’Unione europea. (NAZIONE)


Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.