Luca Guadagnino: “Non ho bisogno di essere incluso né mi sento escluso, non voglio far parte della cosiddetta normalità” | icona

Regista e ora designer Luca Guadagnino.

Un nuovo progetto del regista Luca Guadagnino sono due stanze che si fronteggiano attraverso una quarta parete invisibile che può diventare uno specchio, questa è la simmetria. Entrambi presentano elementi simili e dettagli opposti. Ad esempio, un camino è ceppo, pietra lombarda molto rara, e altre sono ceramiche dal colore quasi fluorescente. La poltrona da un lato è rivestita in blu e l’altro lato è rosso. Sono, come si addice a un maestro narratore, stanze con una propria trama drammatica: a storia di suspense interni. Non sorprende che gli italiani menzionino Hitchcock quando descrivono il potenziale narrativo della decorazione.

“Sono rimasto affascinato dalla capacità di Hitchcock di integrare lo spazio nel suo motore di conoscenza visiva. In Psicosi tutto è architettura, dagli interni delle auto alle lobby dei motel”, ha spiegato in videoconferenza da Boston, dove stava girando Sfidante, il suo nuovo film con Zendaya, Josh O’Connor e Mike Faist. Lo shooting gli aveva impedito di essere a Milano durante la Design Week e, quindi, in questa doppia stanza ipnotica, questa è la lettera di presentazione allo Studio Luca Guadagnino, il suo studio di interior design e architettura. L’ha fondata nel 2017, dopo due conversazioni. Uno di loro era con la giornalista Dana Thomas, che gli fece visita nella sua casa di Crema per intervistarlo T. Rivista.

Progetto dello Studio Luca Guadagnino presentato durante la Milano Design Week.
Progetto dello Studio Luca Guadagnino presentato durante la Milano Design Week.Giulio Ghirardi

“Mi ha chiesto del mio più grande desiderio e gli ho detto che, in quel momento, diventare un designer d’interni”, ricorda. L’altro è stato l’imprenditore Federico Marchetti, che dopo aver letto l’intervista gli ha commissionato di ristrutturare la sua casa sul lago di Como, anche se non ha uno studio speciale”, ha detto. “È stato un processo molto istruttivo”.

Ad Accanto al fuoco, il suo esordio come interior designer, Guadagnino ha reso omaggio al padre, ha spiegato. In sostanza, l’architetto Carlo Scarpa, nome chiave dell’architettura italiana del dopoguerra, e lo spazio da lui realizzato per la retrospettiva di Antonello da Messina nel 1953. I pannelli plissettati che rivestono le pareti della stanza e si intersecano nel soffitto della stanza progettata di Guadagnino disegna sull’icona della fantasia Italia it. Un immaginario in cui Guadagnino ha dato un contributo rilevante – dalla grandezza borghese di Milano in Io sono l’amore (2009) nel paradiso ancestrale chiamami con il tuo nome (2017)–, anche se allergici all’estetica.

Cucina a casa di Federico Marchetti, progetto disegnato da Luca Guadagnino.
Cucina a casa di Federico Marchetti, progetto disegnato da Luca Guadagnino.Giulio Ghirardi

“Questa è una visione riduzionista di quello che faccio, perché non lavoro solo in Italia e non parlo solo dell’Italia”, ha risposto. “Certo, amo il mio paese e non vivrei da nessun’altra parte, ma non credo sia il mio ruolo. Devi vedere le cose attraverso la nozione di una realtà che non può essere compiacente e sempre immersa nella bellezza. Può essere nostalgico, malinconico o politico, ma non si limita a cristallizzare un senso di bellezza”.

in serie Siamo noi (HBO) affronta le questioni relative all’identità o al genere in modo molto libero e molto contemporaneo. Questa sensibilità può essere trasferita all’interior design? “Questa è una domanda che porta a un pendio scivoloso”, ha risposto. “Non ho bisogno di essere incluso e non mi sento isolato, perché non voglio essere incluso in quella che si chiama normalità. Allo stesso tempo, non ho alcun interesse a sistematizzare l’idea di genere in chiave anglosassone. Sono più interessato alla sovversione, al cambiamento, alla contaminazione, al disagio. Per me, esso strano ha a che fare con l’imprevedibile. Ed è un argomento troppo complicato per parlarne alla leggera. Tutto quello che posso dire è, ad esempio, che abbiamo realizzato un camino molto geometrico con la ceramica. E quando scatti la ceramica, la forma cambia leggermente e non corrisponde alla geometria che hai progettato. Inoltre, è verniciato con colori vivaci che vanno dal rosa al giallo, ma anche grigio. Quindi forse posso dire che questo camino riflette i nostri sentimenti di sfiducia nei confronti della programmazione”.

Lo scatto
Lo scatto “Call Me By Your Name” mostra l’amore di Guadagnino per il design e l’interior design.

Tuttavia, è riluttante a tracciare parallelismi tra i suoi film e gli interni. “L’unico effetto è che, con l’interior design, mi rilasso dallo stress delle riprese”. Sei felice di aver deciso di aprire il tuo studio? “Beh, felicità è una parola che non dovremmo dire perché evoca malinconia. È da una poesia di Sandro Penna. Questa è la mia risposta”.

Puoi seguire ICON su Facebook, Twitter, Instagramo iscriviti qui per bollettino.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.