L’opposizione si è unita in un’ampia alleanza e i candidati per le posizioni più alte stanno aspettando

I partiti di opposizione, che hanno boicottato le elezioni dello scorso anno, hanno firmato un accordo sulla partecipazione congiunta a tutte le elezioni del prossimo anno. La nuova coalizione è composta dal Partito Libertà e Giustizia, Partito Popolare, Partito Democratico, Movimento dei Cittadini Liberi, Movimento Serbo Libero, Movimento per il Cambiamento, Piattaforma Civile, Unione Democratica Vojvodina Ungherese e Sloga Sindacale Unita. .

Per ora, l’ampia coalizione di opposizione pre-elettorale si dice pronta ad opporsi al Partito progressista serbo a tutti i livelli.

“Abbiamo abbandonato alcuni interessi di partito e differenze ideologiche per un tempo più felice e più stabile”. Abbiamo deciso di unirci. “Siamo uniti oggi e rimarremo uniti”, ha affermato il presidente del Partito popolare, Vuk Jeremic.

“Abbiamo ottenuto una vittoria non così piccola qui oggi. Abbiamo superato il nostro orgoglio e il nostro ego”, ha affermato il presidente del Movimento dei cittadini liberi, Pavle Grbovic.

Dopo essersi sconfitti, i membri della nuova alleanza di opposizione fecero una promessa ai cittadini.

“Vi promettiamo che ripristineremo la libertà e la giustizia. Che rispetteremo i diritti umani. Che combatteremo per la libertà dei media e elezioni corrette. Che la magistratura sarà indipendente e la Costituzione e la legge saranno rispettate”, ha affermato Marinika Tepic. .

La corsa elettorale è in corso, anche se le condizioni elettorali non sono cambiate e i membri dell’Assemblea serba libera sono stati invitati a partecipare.

“I serbi si aspettano una lotta da noi. Abbiamo una situazione in cui viene adottata la legge sul referendum e sull’acquisizione. Rio Tinto è alle porte, il governo sta distruggendo le istituzioni di questo stato e non possiamo lasciare che i cittadini e noi stessi fatevi più da parte”, ha detto il vicepresidente del Partito Nuovo, Miroslav Aleksić.

“L’ampia alleanza non attenua l’acutezza della lotta contro il regime. Si concentra su ciò che è importante criticare il regime e dare ciò che il regime non può dare ai cittadini”, ha detto Lutovac.

La campagna, dicono, sarà semplice con finanziamenti statali e donazioni da parte di coloro che li sostengono.

“L’obiettivo di questa campagna è raggiungere ogni luogo in Serbia e parlare con tutti. Ti ricorderò che Zoran Djindjic ha uno stand individuale non lontano da Loznica. Andremo in ogni luogo in Serbia dove ce n’è almeno uno persona pronta a parlare con noi e ad ascoltarci”, ha detto Djilas.

Ufficialmente non è stato raggiunto un accordo su una soluzione personale per i candidati sindaco di Belgrado e presidente della Serbia, ed è stato confermato che Marinika Tepic sarà la prima nella lista congiunta degli elettori.

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *