L’obesità è influenzata dalla qualità, non dalla quantità di cibo consumato

L’obesità non deve essere il risultato dell’ingestione di troppo cibo, secondo un giudice di scienziati americani che ha collegato l'”epidemia di obesità” americana ai carboidrati raffinati che devastano il metabolismo.

Secondo un gruppo di esperti guidato da David Ludwig, endocrinologo dell’Harvard e del Boston Children’s Hospital, il vero problema non è mangiare troppo.

Ritengono che la causa principale dell’obesità siano “le moderne abitudini alimentari caratterizzate da un consumo eccessivo di alimenti ad alto indice glicemico, in particolare carboidrati altamente lavorati e rapidamente digeribili”.

Spiegano che il consumo di grandi quantità di carboidrati raffinati influisce su una serie di cambiamenti ormonali e metabolici che inducono il corpo a immagazzinare energia in eccesso sotto forma di grasso.

Gli scienziati affermano che la qualità del cibo che una persona consuma, e non la quantità, influenzerà se una persona aumenterà di peso e alla fine svilupperà l’obesità.

Tipici esempi sono le patatine fritte, le patate al forno, l’impasto di farina bianca, il riso, vari tipi di fiocchi e le bevande zuccherate.

“Questi tipi di alimenti causano risposte ormonali che alterano fondamentalmente il nostro metabolismo, favorendo l’accumulo di grasso, l’aumento di peso e l’obesità”, hanno scritto i ricercatori sull’American Journal of Clinical Nutrition.

“Per comprendere l’epidemia di obesità, dobbiamo capire come il cibo che mangiamo influenza i nostri ormoni e il nostro metabolismo”.

Gli scienziati riconoscono che la fine dell’obesità contribuisce all’attuale stile di vita sedentario e alla mancanza di attività fisica.

Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), oltre il 40% degli adulti negli Stati Uniti è obeso, il che significa che è “ad alto rischio di malattie cardiache, diabete di tipo 2, alcuni tumori e ictus”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.