Lo svedese ha portato i veterani per i lavori di ristrutturazione, l’ufficio li ha contrassegnati come spazzatura e ne ha ordinato lo smaltimento

Le auto storiche possono essere considerate un retaggio tecnico in tutte le parti del mondo sviluppato. I proprietari li coccolano, costruiscono musei per loro, li mostrano alle mostre. E possono raggiungere proporzioni e fama gigantesche, come le fiere americane a Pebble Beach e The Quail durante Monterey, la California’s Car Week, il British Speed ​​Festival a Goodwood o il Concorso d’Eleganza Villa d’Este italiano.

Le auto presentate a questi eventi sono state straordinariamente rinnovate e costano decine o addirittura centinaia di milioni di dollari, e sarebbe difficile per chiunque chiamarle spazzatura. Apparentemente tranne che per le autorità svedesi, come mostrato nel caso recentemente pubblicato di Janne Karlsson dalla Svezia, che gestisce Old Cars lekärr a Tidaholm, nel sud della Svezia.

Ha importato alcuni veterani dal Montana, USA, come prima della ristrutturazione. Ne fece spedire sei in container a Göteborg. Ha investito un totale di circa 150 mila corone svedesi (circa 372.000 corone ceche) in viaggi, acquisti di auto e trasporti. Ma quando deve pagare per il compito, iniziano i guai.

“Ho ricevuto una chiamata da un funzionario doganale che mi ha chiesto se avevo un permesso per importare rifiuti”, ha detto Karlsson al sito di notizie svedese Samnytt, non credendo alle sue orecchie. I funzionari doganali hanno quindi presentato il caso al consiglio regionale, che ha stabilito che tre auto del 1959 – una Dodge Coronet, una Buick LeSabre e una Ford Galaxy – erano rifiuti pericolosi per l’ambiente e dovevano essere smaltite.

1959 Dodge Coronet (illustrazione fotografica)

Foto: Profimedia.cz

Naturalmente, Karlsson non era d’accordo. “Non è il colore, la superficie che determina se un’auto è buona o meno”, ha risposto. Ha importato le auto come progetti di ristrutturazione, quindi potrebbero sembrare spazzatura a un occhio non iniziato. Tuttavia, dopo la ristrutturazione, saranno tecnicamente in perfette condizioni, anche se la patina rimane in superficie; Karlsson dice che gli piacciono le auto patinate. In Svezia, questo stile è chiamato “raggare”.

È molto probabile che il Consiglio di amministrazione commetta errori nel prendere decisioni. Si fa riferimento al Regolamento dell’Unione Europea n. 1013/2006, che disciplina la circolazione delle auto incidentate. Dice esplicitamente che se le carcasse o le auto immobili vengono importate nell’UE per le riparazioni, tali importazioni sono consentite. Ed è quello che è successo a Karlsson.

“Attivisti ambientali seduti in ufficio fino all’osso, ignorando completamente la legge”, ha detto Karlsson con rabbia. Ha fatto appello e sta cercando di raccogliere un milione di corone svedesi (circa 2,48 milioni di corone) per la sua lotta con le autorità sul sito di crowdfunding GoFundMe. Dopo sei giorni di campagna elettorale, circa l’undici percento.

Buick LeSabre del 1959 (illustrazione fotografica)

Foto: Profimedia.cz

Ha dichiarato sull’etichetta che non era l’unico con il problema che “il governo ha deciso che si trattava di un rifiuto e non di un’auto, nonostante il fatto che la Camera di Commercio abbia stabilito che si tratta di un’auto e deve essere autorizzata attraverso Dogana”. Ha messo in guardia contro l’impostazione di un approccio simile come precedente.

Il ministro svedese della Cultura e della Democrazia, Amanda Lind, si è interpellata su questo tema. Sten Bergheden, un membro del parlamento dell’ex distretto di Skaraborg, che ora comprende la regione di Västra Götland, che comprende anche la città di Tidaholm, ha definito tale pratica inaccettabile, affermando che il ministro competente dovrebbe riesaminarla.

“Mantenere le vecchie auto e riportarle alle condizioni originali è un lavoro importante e preserva il nostro patrimonio culturale. … L’acquisto di un’auto da un altro paese, che viene poi rinnovata, è qualcosa che va avanti da molto tempo in Svezia e grazie a questo oggi abbiamo molte buone auto da tutto il mondo”, ha detto Bergheden al sito web di il quotidiano Lidköpingsnytt, che ha anche riportato il caso. .

Anche l’Associazione svedese dei veicoli storici (Motorhistoriska riksförbundet) richiama l’attenzione sulla questione sul suo sito web, che riunisce duecento club e centomila membri individuali. Non ha risparmiato critiche e ha scritto che l’Agenzia svedese per la protezione dell’ambiente stava cercando di fatto di fermare l’importazione e l’esportazione di auto storiche da e verso il paese e che le autorità doganali e regionali “non sono riuscite a distinguere gli oggetti di ristrutturazione importati dai rifiuti”.

Ha anche scritto di averlo chiesto al direttore dell’agenzia all’inizio di giugno, ma non si sa ancora se sia stato così. Dopotutto, i fan delle vecchie auto e della storia dell’auto possono solo sperare che Janne Karlsson e soci portino a termine con successo la lotta.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.