Lo spirito olimpico prende vita. Gli highlander furono d’accordo ed entrambi presero l’oro

Ad un’altezza di 237 centimetri, l’emozionante finale della competizione ad alta quota alle Olimpiadi di Tokyo si è finalmente fermata. I risultati di una delle regine dello sport sono stati quindi almeno sorprendenti, perché dopo la partita, due atleti erano in cima alla classifica. Dopo oggi, i membri della squadra nazionale del Qatar Mutaz Issa Barshim e il climber italiano Gianmarco Tamberi sono orgogliosi del titolo di campioni olimpici.

Entrambi i saltatori stanno cercando di eguagliare almeno il record olimpico stabilito dal golfista americano Charles Austin dalle Olimpiadi di Atlanta del 1996. Ma sia Tamberi che Barshim hanno fallito tre volte a 239 centimetri e di solito hanno dovuto saltare. La nazionale del Qatar ha poi chiesto alla giuria se fosse possibile che i due concorrenti potessero dividersi l’oro.

Con l’approvazione dei giudici, grande eccitazione è esplosa da entrambe le parti. “È incredibile. È un sogno da cui non voglio svegliarmi”. tifo Barshim. La due volte campionessa del mondo ha vinto il suo terzo metallo prezioso nella sua terza Olimpiade, questa volta finalmente l’ambito oro. Allo stesso tempo, ha confermato un trend in crescita nelle sue prestazioni, conquistando il bronzo a Londra nel 2012 e l’argento a Rio quattro anni dopo.

Allo stesso tempo, questa stagione è stata come un incubo per Barshim. È apparso in minima parte, e quando ha preso parte, è partito da perdente. L’unica cosa che può convincerlo è che ha avuto la stessa stagione prima dei Doha Gold Championships nel 2019. Ma le Olimpiadi sono state uno spettacolo completamente diverso, all’altezza della barra 227 centimetri, ha saltato tutto al primo tentativo.

Il suo rivale italiano, che, come i catalani, ha lottato con gravi infortuni nella sua carriera, ha fatto lo stesso. A causa di una rottura del tendine della caviglia, Tamberi ha perso la partita di Rio.

Anche i ricordi del suo infortunio fanno parte della celebrazione di Tamberi. Dopo il crollo dello Stadio Olimpico di Tokyo, per terra è stata ritrovata parte dell’intonaco Tamberi con la scritta “Viaggio a Tokyo 2020”, mentre il 2020 è stato cancellato e riscritto per il 2021. Inoltre, la distribuzione della medaglia d’oro del 1912 , diverse discipline atletiche hanno premiato due vincitori, scrivere BBC.

Inoltre, l’eccitazione italiana è raddoppiata pochi minuti dopo. Una delle discipline reali, i cento metri sprint, è stata dominata dal figlio di madre italiana nato in Texas Lamont Marcell Jacobs. Dopo il salto in alto, anche qui si riscrive la storia. Il velocista, che vive nella terra d’origine della madre dall’età di due anni, è diventato il primo italiano nella storia a dominare i 100 metri alle Olimpiadi.

Tre atleti sono riusciti a dominare l’asticella a 237 centimetri nella gara di domenica, ma il bielorusso Maksim Nědosekov ha finito per prendere solo il bronzo a causa dello sforzo minore. La presentazione di JuVaughn Harrison del talento “anfibio” americano si è conclusa con una delusione.

Prima delle Olimpiadi di Tokyo, l’atleta americano ha annunciato un attacco all’oro nel salto in lungo e in alto. Tuttavia, domenica, ha avuto problemi a un’altezza di 227 centimetri. Alla fine non ha superato i 233 centimetri ed è arrivato settimo. Avrà la possibilità di rimediare domani pomeriggio, quando cercherà di vincere la medaglia d’oro nel salto in lungo.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.