Lo fa Cristina Kirchner: il 43,8% ritiene di essere lei la responsabile della crisi interna del governo

Il nuovo lavoro del consulente Giacobbe & Associati e un’indagine su 2.500 casi in tutto il paese. Ciò ha prodotto un risultato clamoroso: la stragrande maggioranza, il 43,8 per cento dei consultati, ha convenuto che il vicepresidente Cristina Kirchner in gran parte responsabile della crisi interna vissuta da Frente de Todos, che si è intensificata dal Congresso, su richiesta Albert Fernandez, concordare un accordo con Fondo monetario internazionalela dimensione CFK, Istituto Patria e La Campora sono apertamente contrari.

Secondo il sondaggio, l’opzione più preferita quando si cerca la causa dello scioglimento dell’ordine al potere è questa: “Il responsabile è Cristina Kirchner, che vuole trattare con Alberto”. D’altra parte, il 21,9 per cento ha distorto un’altra risposta: “Il responsabile è Alberto Fernández, che governa male”. Il 19 per cento ha scelto questa opzione: “Alberto e Cristina hanno opinioni divergenti, ma questo non è importante”.. Intanto il 14,9 per cento ha votato a favore di questa interpretazione complottista: “La lotta tra Alberto e Cristina non esiste, è finzione”. E lo 0,4 per cento non sapeva o non ha risposto.

La responsabilità del CFK nella crisi del partito al governo coincide con le letture fatte Casa Rosada, dove Albertism si lamenta della mancanza di tutoraggio dal vicepresidente in passaggi chiave come l’accordo con il FMI, e ripetuti insulti pubblici al presidente, sotto forma di lettere, video e discorsi dagli spalti.

prenditi una pausa da davanti a tuttiche nella forma non è stata ancora del tutto perfezionata, ha un nuovo capitolo oggi, quando l’influente leader camporista Andrés “El Cuervo” Larroque afferma che “Il governo è nostro”, e che Alberto “non l’avrebbe portato al comodino”. Immediata la risposta del presidente: “Nessuno possiede il governo, il governo è del popolo”.

La crisi del partito al governo non ha prodotto nulla.

di RN

Galleria di immagini

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.