L’Italia pronta a schierare 3.400 soldati nell’ambito della Nato

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato venerdì (25 febbraio) che l’Italia è pronta a schierare altre 3.400 truppe nei paesi della NATO dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

L’Italia inizialmente era disposta a mobilitarsi1.400 uomini e donne dell’esercito, del mare e dell’aria“, poi altri 2.000 soldati, ha detto alla Camera Mario Draghi. Questo potere sarà utilizzatonell’area di responsabilità della NATO“, Lui ha spiegato. Diverse centinaia di truppe italiane erano già schierate in Lituania e Romania.

Aiuti da 110 milioni di euro

«L’Italia e la Nato vogliono lanciare un messaggio di unità e solidarietà al tema dell’Ucraina e alla difesa dell’architettura di sicurezza europea“, secondo Mario Draghi. “La nostra priorità oggi dovrebbe essere rafforzare la sicurezza del nostro continente ed esercitare la massima pressione sulla Russia affinché ritiri le sue truppe e torni al tavolo dei negoziati.”, stima Mario Draghi.

Ha anche annunciato aiuti per 110 milioni di euro all’Ucraina”a fini umanitari e di stabilizzazione macrofinanziaria“, nonché assistenza per l’equipaggiamento militare”in particolare nel settore minerario e fornitura di dispositivi di protezione». «In questi giorni l’Unione Europea ha dato prova della sua determinazione e unità. Siamo pronti per un’azione più dura se l’ultima si rivela insufficiente.”, ha concluso il capo del governo italiano.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.