L’Italia inizierà a implementare le tessere sanitarie nei bar, nei cinema e nei musei il 6 agosto

Prima modifica:

Il governo italiano ha deciso di generalizzare l’uso delle tessere sanitarie, le cosiddette “carte verdi”, per consentire l’accesso a ristoranti, musei o stadi. Si sta valutando la possibilità di renderlo obbligatorio nelle scuole, negli uffici e nei trasporti.

Dal nostro corrispondente a Roma, Federico Guiglia.

Da venerdì prossimo, 6 agosto, un certificato sanitario per il coronavirus sarà come un permesso speciale per circolare liberamente in Italia. Va mostrato per andare al cinema e a teatro, per entrare nei musei e negli stadi, ma anche per mangiare al ristorante o sedersi al bar.

Per non parlare dell’obbligo di viaggiare in treno o in aereo, anche se il governo italiano, che ha recentemente introdotto questo provvedimento, sta studiando come recepire l’obbligo in tre settori: scuola, trasporti e lavoro.

“Invitare a non vaccinarsi è invitare alla morte”

Il messaggio del presidente del Consiglio Mario Draghi è che bisogna essere vaccinati. Quasi la metà della popolazione italiana ha completato il programma vaccinale. Ma a Torino, ad esempio, migliaia di persone hanno manifestato senza mascherina contro questo nuovo provvedimento, criticato come decisione dittatoriale.

L’obbligatorietà del certificato sanitario è stata adottata dal governo per evitare chiusure, vista la crescente piccola ondata di contagi e l’aggressiva variante Delta. “Invitare a non farsi vaccinare è invitare a morire”, ha detto Draghi, fugando ogni dubbio che Matteo Salvini, alleato di estrema destra del governo di unità nazionale, non fosse stato vaccinato.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.