L’intelligenza artificiale può diagnosticare la demenza con un solo test

Gli scienziati stanno testando un sistema di intelligenza artificiale ritenuto in grado di diagnosticare la demenza dopo una singola scansione cerebrale.

Può anche prevedere se le sue condizioni rimarranno stabili nel corso degli anni, se peggioreranno lentamente o se avrà bisogno di cure immediate, ha scritto. BBC.

Attualmente, sono necessarie diverse scansioni e test per diagnosticare la demenza.

I ricercatori affermano che la diagnosi precoce con il loro sistema può migliorare significativamente gli esiti dei pazienti.

Riconoscimento del modello

“Se interveniamo precocemente e il trattamento può essere iniziato prima e rallentare la progressione della malattia e allo stesso tempo evitare ulteriori danni”, ha affermato la professoressa Zoe Kurtzi dell’Università di Cambridge e associata del Centro nazionale per l’intelligenza artificiale di Alan. Istituto Turing” e ha aggiunto:

“È possibile che i sintomi compaiano molto più tardi nella vita o non compaiano mai”.

Il sistema del professor Kurtzi ha confrontato le scansioni cerebrali di coloro che erano preoccupati di poter sviluppare la demenza con migliaia di pazienti affetti da demenza e le loro cartelle cliniche pertinenti.

L’algoritmo può identificare modelli nelle scansioni che nemmeno i neurologi professionisti possono vedere e confrontarli con i risultati dei pazienti nel loro database.

Nei test preclinici, è stato in grado di diagnosticare la demenza anni prima che si sviluppassero i sintomi, anche quando non c’erano segni evidenti di danno sulle scansioni cerebrali.

Lo studio, presso l’Adenbrook Hospital e altre cliniche in tutto il paese, verificherà se funziona in un contesto clinico, insieme ai metodi convenzionali di diagnosi della demenza.

Si prevede la partecipazione di circa 500 pazienti nel primo anno.

I loro risultati andranno al loro medico, che può, se necessario, suggerire un corso di trattamento.

“Questa malattia è assolutamente devastante per le persone”, ha detto.

“Quindi, quando do queste informazioni ai pazienti, tutto ciò che posso fare è avere più fiducia nella diagnosi, oltre a fornire loro maggiori informazioni sulla possibile progressione della malattia per aiutarli a pianificare la loro vita”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.