L’incidente è stato orchestrato dalle autorità e la polizia ha riattaccato il telefono

Dobrica Veselinović del movimento Let’s Not Drown di Belgrado ha dichiarato che l’incidente durante il posto di blocco di sabato è stato “assolutamente” organizzato e che l’assenza della polizia è stata una “questione politica” perché era sotto il controllo del presidente Aleksandar Vučić.

“Il governo sta deliberatamente ritirando la polizia, come è successo a Sabac, e inviando teppisti, piccoli criminali e membri del Partito progressista serbo per creare il caos”, ha detto Veselinovic all’evento H1 di Novi e.

Concludendo che la polizia è ancora una sorta di garante della sicurezza, ha paragonato la situazione della protesta alla controversa demolizione di un edificio nel distretto di Savamala a Belgrado, nella notte del 2016.

“La gente ha chiamato la polizia sul ponte e hanno riattaccato. Proprio come a Savamala”, dice Veselinović.

Ha considerato il blocco in tutta la Serbia un “evento storico”, e quando gli è stato chiesto se si aspettava che più persone si radunassero sabato prossimo, ha detto: più persone e più luoghi.

Alla domanda se il governo avesse permesso che il blocco avesse luogo fino a quando “l’energia si indebolisce”, Veselinovic ha detto che ci sono stati due passaggi istituzionali: un referendum sulle modifiche costituzionali e le elezioni del 3 aprile del prossimo anno.

“Penso che questa energia sarà convertita in altri tipi di energia e cambierà il nostro Paese”, ha detto.

Parlando della retorica nei media filo-governativi, in cui i manifestanti sono chiamati fascisti, terroristi e minoranze che terrorizzano la maggioranza, ha affermato che le conseguenze potrebbero essere conflitti tra cittadini, che devono essere prevenuti “a tutti i costi”.

Crede che gli eventi di sabato, quando c’è stato un piccolo incidente isolato, hanno mostrato che “i teppisti non possono vincere”.

“Potranno fare il danno, ma sta a noi impedirlo”, ha detto.

Quando gli è stato chiesto di commentare la visita del presidente a Gornji Nedeljice, dove ha promesso modifiche alla legge sugli espropri, Veselinović ha affermato che Vučić “ha calpestato le istituzioni del presidente”.

“Il dialogo che sta cercando di simulare deve riguardare studi di impatto, piani spaziali e simili, e non lo vediamo da anni, quindi è puro PR”, ha detto.

Credeva che la legge sui referendum e sulle acquisizioni fosse la ragione delle proteste, ma che la causa fosse “l’insoddisfazione per come e dove viviamo e l’insoddisfazione per il governo del SNS”.

“Penso che tutti coloro che vi partecipano dovrebbero esserne orgogliosi”, ha detto Veselinovic.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.