“Le teste cadranno” se la Ferrari delude nel 2022

Il designer ed esperto di Formula 1 Gary Anderson si aspetta che la Ferrari torni al suo vecchio modo di lasciare andare le persone se non riescono a consegnare entro il 2022.

La Ferrari si è trovata a passare dalla lotta per la vittoria nel 2019 al semplice tentativo di segnare punti nella stagione successiva, un enorme calo per la famosa squadra di Maranello.

In passato, potrebbe essere stato sufficiente per i membri chiave dello staff perdere il lavoro, ma la Ferrari rimane fiduciosa nel suo attuale equipaggio per il 2021, una mossa che ha dato i suoi frutti mentre la Scuderia ha prosperato, assicurandosi la terza posizione nel Campionato Costruttori. . . dopo una stagione in cui Charles Leclerc ha conquistato due pole position, oltre a un podio per il secondo posto a Silverstone.

Carlos Sainz ha aggiunto altri quattro podi al bottino della Ferrari, assicurandosi P2 a Monaco e P3 ai Gran Premi di Ungheria, Russia e Abu Dhabi.

Ma con le nuove regole ora in vigore per la stagione 2022, uno dei più grandi cambiamenti alle regole che la F1 ha subito tra le stagioni, la Ferrari sta valutando la possibilità di essere di nuovo una contendente al titolo.

Tuttavia, se ciò non si concretizza, Anderson si aspetta che alcuni membri del personale finiranno senza lavoro.

In un articolo per The Race che delineava la stagione 2022, Anderson ha scritto: “La Ferrari sembra essere superficialmente la squadra più stabile di tutti gli ultimi 20 anni data la sua identità coesa, ma non è proprio così.

“In realtà, le Ferrari sono probabilmente le più instabili perché per molti anni la loro filosofia è stata quella di riuscire o ritenere qualcuno responsabile del fallimento e metterlo da parte.

“Il nuovo senior management della Ferrari sembra aver risolto questo problema ora. Non molte riprese con solo poche persone che evacuano di lato.

“Mattia Binotto è ancora in carica e, come team leader, supervisiona efficacemente anche gli aspetti tecnici. Fare entrambe le cose è uno sforzo, ma la struttura dietro, che è stata modificata più volte negli ultimi anni, dovrebbe iniziare a diventare un problema. Ora è il momento per la Ferrari di fare ammenda per la sconfitta.

“Dopo l’ultimo grande cambio di regole nel 2017, sono rimasto molto colpito da ciò che ha fatto la Ferrari. La Ferrari ha trovato una soluzione per il pontone più corto prima di chiunque altro, e quindi ha una visione all’interno dell’azienda per rispondere alle situazioni mutevoli.

“Qualcosa lo ha contrastato e ha dovuto lasciare il 2020 per riprendersi dall’aver spinto troppo oltre i limiti della sua interpretazione delle regole per i propulsori ibridi. Si è più o meno ripreso dalla stagione 2021, ma i limiti dello sviluppo non sono stati a favore della squadra.

“La Ferrari dovrà scavare più a fondo ora perché tutta l’Italia vede questo cambiamento come un’altra opportunità per la Ferrari di avere successo. Altrimenti, torneremo molto rapidamente ai vecchi metodi di lavoro e vedremo cadere le teste. “

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.