Le Mans e il Rally: un pilota anfibio che può fare entrambe le cose!

Il passaggio di Sébastien Ogier dai rally alle gare di durata tipo Le Mans non è un fenomeno in sé. Ci sono stati più grandi concorrenti nella storia che hanno combinato diverse discipline.

La visualizzazione degli archivi offre molti ciclisti che sono in grado di adattarsi rapidamente e guidare velocemente con qualsiasi cosa. Con l’aiuto di server stranieri, abbiamo scelto un nome mondiale interessante, che è completato da Tomáš Enge.

cecchino francese

Il romanzo di Alexander Dumas si adatta ai quattro corridori francesi in questa selezione. Tre tiratori esperti Jean-Claude Andruet, Bernard Darnich e Guy Fréquelin sono completati dal più giovane. Come i romanzi di d’Artagnan, Sébastien Loeb divenne famoso.

Andruet è stato storicamente il primo campione del Campionato del mondo di rally al Rally di Monte Carlo del 1973. A quel tempo, aveva già esperienza con la 24 Ore di Le Mans che ha corso per la prima volta nella stagione 1967. Un risultato eccezionale è arrivato nel 1976, quando ha guidato la Porsche Carrera al sesto posto nel Gruppo 5 e il suo compagno di squadra era il fondatore della Dakar Rally Thierry Sabine.

Darniche è stato anche uno dei vincitori dei Campionati del Mondo nella sua stagione inaugurale (1973), quando trionfò in Marocco. È noto soprattutto per la guida al buio e ha vinto spesso prove speciali notturne al Col de Turini, la mitica tappa del Rally di Monte Carlo, da dove ha preso il via dieci volte. Queste capacità lo hanno aiutato anche a Le Mans, dove ha vinto sei podi, di cui due di classe.

Fréquelin vinse una competizione al Campionato del Mondo di rally – in Argentina nel 1981, dove l’allora presidente della Ferrari F1 e presidente della FIA Jean Todt era il suo navigatore a Talbot Sunbeam. Con la fabbrica Alpine Renault A442A è stato un membro dell’equipaggio, che è arrivato quarto a Le Mans nel 1978. Fréquelin in seguito è diventato capo del team ufficiale Citroën di successo in un rally. Ha anche fondato e sostenuto la carriera di Sébastien Loeb.

Il nove volte campione di corse automobilistiche Loeb è stato al centro dell’attenzione nelle ultime settimane. È arrivato secondo al Rally Dakar, ha vinto il Rally di Monte Carlo nove giorni dopo e ha vinto la Race of Champions due settimane dopo. Ha detenuto numerosi record ai Campionati del mondo di rally e ha iniziato due volte a Le Mans. Nel 2006 è arrivato secondo in classifica assoluta con il Pescarolo Judd.

Mondo delle macchine 08/2022 Mondo delle macchine 08/2022

Tracce slave

I due hanno più cose in comune. Sia Tomáš Enge che Robert Kubica sono slavi. L’unico del loro paese ad aver iniziato nel Gran Premio di Formula 1 e ad avere esperienza di rally e gare di durata come Le Mans.

Enge ha completato tre eventi di Formula 1 nel 2001 e, dopo aver interrotto la F1, si è concentrato su Le Mans. Nel 2003 hanno vinto la categoria GTS con l’olandese petr Kox e l’inglese Jamie Davies con la Ferrari 550 GTS Maranello. Sei anni dopo, con Jan Charouz e Stefan Mück dalla Germania, conquistarono il quarto posto come miglior vettura (Lola Aston Martin) con motore a benzina.

Le sue sei vittorie nelle qualificazioni sono ancora uno dei record di Le Mans. Ha iniziato con l’auto WRC otto volte. Il suo miglior risultato è stato il sesto posto al Barum Rally, che faceva parte dei Campionati Europei.

Kubica è famoso per il suo spettacolare incidente in Canada nel 2007, dove ha colpito una barriera alla velocità di 300 km/he l’incidente ha causato un sovraccarico fino a 75 G. L’infortunio di Kubica è stato solo una lussazione alla caviglia. Un anno dopo, ha vinto il suo unico evento di Formula 1 sulla stessa pista.Nel febbraio 2011, ha quasi perso la mano destra in un incidente al Rally di Andorra.

Ha completato tre stagioni complete nelle corse automobilistiche per tornare in Formula 1 nel 2016. Attualmente è il terzo pilota in casa della Sauber Alfa Romeo. Ha anche gareggiato nella compagnia di Le Mans e l’anno scorso ha vinto la European Le Mans Series come membro dell’equipaggio. L’anno scorso ha debuttato anche nella famosa 24 Ore e ha perso nella categoria LMP2 nell’ultimo giro della gara per la rottura del pedale dell’acceleratore.

Vecchio lupo esperto

Markku Alén non assomiglia di certo al freddo finlandese, il suo carattere è più di un temperamento italiano. È un perdente da una parte. Nella stagione 1978, ha segnato il maggior numero di punti nel Campionato del mondo di rally, ma il campionato è stato successivamente valutato solo per la concorrenza del marchio. I piloti hanno iniziato a essere classificati per la prima volta un anno dopo. Nel 1980 è stato membro dell’equipaggio Lancia Corse con gli italiani Piercarlo Ghinzani e Gianfrank Brancatelli. Il modello Montecarlo turbo fu il cannone Lancia che scelse per combattere contro la Porsche nel Gruppo 5 da due litri. Tuttavia, la gara si è conclusa per loro dopo quattro ore a causa di un guasto alla pompa dell’olio.

Röhrl è stato leggermente più fortunato nelle sue due apparizioni a Le Mans. Con una Porsche 924 GTP e Jürgen Barth vinse la sua classe nel 1981. Nel frattempo eccelleva nelle corse automobilistiche diventando due volte campione del mondo, nella stagione 1980 con la Fiat 131 Abarth e nel 1982 con la Opel Manta 400. In 1987, ha vinto la famosa Pikes Hill Race.Peak americana, ha iniziato nella serie di auto da turismo DTM nel 1990 e nel 1991 e ha vinto diverse gare. Tornò a Le Mans nella stagione 1993, ma non terminò la gara su una Porsche 911 Turbo. Oggi è un’ambasciatrice del marchio tedesco.

La morte li trova

Erano entrambe leggende e la morte li ha trovati prima del loro tempo. Il finlandese Henri Toivonen brucia tra i rottami della sua auto al Rally di Corsica del 1986. Il britannico Colin McRae è un campione del mondo di rally ed è morto vicino a casa sua in un incidente in elicottero, che stava guidando, anche se non aveva la licenza. In quel momento morì anche suo figlio di cinque anni.

Scot McRae è una delle figure iconiche di World Rally. È diventato campione del mondo nel 1995, ha vinto un totale di 25 eventi di campionato ed è stato nominato diversi giochi per computer. Nel 2004 esordisce a Le Mans nel team Prodrive con una Ferrari 550 GTS Maranello in equipaggio con lo svedese Rickard Rydell e l’inglese Darren Turner. Il suo compagno di squadra all’epoca era Tomáš Enge, che correva con le vetture di entrambe le squadre. L’equipaggio con McRae ha conquistato il terzo posto nella categoria GTS.

Toivonen ha iniziato con i kart, iniziando in Formula 3 e guidando una Porsche 956. Pochi giorni dopo il suo diciannovesimo compleanno, ha fatto il suo debutto in Coppa del Mondo nella sua nativa Finlandia. Anche se ha vinto solo tre gare di Coppa del Mondo, è un’icona simile a Colin McRae dieci anni dopo.

Nella diciottesima prova del Rally Corsica 1984, la sua Lancia Delta S4 volò fuori strada e si schiantò in pendenza. Il serbatoio del carburante sotto il sedile è stato danneggiato ed è esploso. L’auto ha preso fuoco con l’autista Henri Toivonen e il navigatore Sergio Crest. Solo poche ore dopo, la dirigenza FIA decise di eliminare le superpotenze del Gruppo B iniziando la stagione 1987.

Biglietto da visita maestro

In ordine alfabetico, classifichiamo la dozzina di piloti di nostra scelta. Sul loro equilibrio nel rally
a partire dai Mondiali (con Enge agli Europei), il numero di vittorie e punti guadagnati viene ordinato in ordine.

Nome Data di nascita Rally Le Mans
Marco Alen 15.2.1951 129/19/840 non ha finito la Le Mans degli anni ’80
Jean-Claude Andreet 13.8.1942 29/3/43 5 vittorie alla 24 Ore di Le Mans, una vittoria assoluta alla 24 Ore di Spa
Bernard Darniche 28.3.1942 38/7/87 2 vittorie nella classe di Le Mans
Tommaso Enge 11.9.1976 2/0/ / non definito vittoria alla 24 Ore di Le Mans, 6 vittorie nelle qualifiche alla 24 Ore di Le Mans
Guy Frequelin 2.4.1945 38/1/150 4 nella 24 Ore di Le Mans 1978, 2 nella classe GTP
Roberto Kubica 7.12.1984 33/0/43 mistr European Le Mans Series
Sebastian Loeb 26.2.174 181/80/1823 2 in 24 ore Le Mans
Colin McRae 5. 8. 1968 – 15. 10. 2007 145/25/626 3° posto nella classe GTS alla 24 Ore di Le Mans
Walter Rohrl 7.2.1947 75/14/494 vincitore di classe alla 24 Ore di Le Mans
Henri Toivonen 25. 8. 1956 – 2. 5. 1986 40/3/194 ha iniziato nel campionato europeo di auto sportive

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.