Le informazioni riservate rimarranno nascoste e Moncloa non ha spiegato cosa fare con GAL

La riforma del Francoist Official Secrets Act, 1968, una legge che copriva l’oscurità sulla transizione o GAL, non soddisfaceva le aspirazioni di quasi tutti. Ieri Pedro Sánchez ha ricevuto parole di disappunto dal suo compagno di inaugurazione e suo stesso alleato in Consiglio dei ministri, United We Can, per aver scelto un mandato fino a 50 anni, prorogabile di altri quindici anni, per rivelare alcune informazioni, top secret. Gli chiedevano ambizione e cambiamento, e tutto indicava che avrebbe dovuto farlo nel processo parlamentare, a meno che non avesse votato per PP. Questo lasso di tempo di 50 anni è un grosso ostacolo. Tuttavia, nella sessione di ieri, il ministro presidenziale, Félix Bolaños, ha presentato la bozza iniziale della legge sull’informazione riservata come un testo con una scadenza “ragionevole”, e ha chiesto alle parti di concentrarsi su ciò che era importante. Non spiegò cosa sarebbe successo alle informazioni riservate che erano state nel cassetto per anni. Naturalmente, non ci sarà la declassificazione automatica. Ciò accadrà caso per caso, ha affermato, perché i numeri sono “grandi” e non è possibile prendere decisioni globali. E, per di più, la legge non entrerà in vigore fino a sei mesi dopo l’approvazione.

Violazioni dei diritti umani come la morte di Mikel Zabalza nel 1985 in seguito al suo arresto nella caserma della Guardia Civile a Intxaurrondo, la morte di diversi lavoratori il 3 marzo 1976 a Gasteiz, la morte di Germán Rodríguez a Sanfermines nel 1978 a seguito dell’accusa di amnistia striscione, l’azione del GAL dal 1983, o Il tentato colpo di stato del 1981 aveva passato quarant’anni nel cassetto. Se sono così riservati, hanno ancora anni davanti a loro. Tutto ciò che riguarda il GAL continua a essere un argomento delicato per il PSOE e la memoria di Felipe González è ancora fresca, assicurando che il Democratic Memory Act non gli suona bene. L’unica cosa che Bolaños ha detto è che ci sarebbe stato un “regime transitorio” che prevedeva che il segreto sarebbe rimasto, a meno che la declassificazione non fosse approvata d’ufficio o su richiesta di qualcuno con un interesse diretto. Saranno i ministri o le autorità competenti a prendere le decisioni, ma sempre “salvaguardano la sicurezza nazionale e l’integrità e la vita delle persone che possono essere citate negli atti”. Gli è stato chiesto esplicitamente del GAL e 23-F, ma non ha affrontato nessun caso particolare.

Bolaños ha aggiunto che una classificazione potrebbe essere fatta in futuro, data la fine di un conflitto militare o la morte di una persona. Verrà valutata l’idoneità della persona che potrà accedere al segreto. Ed è stata messa in atto una procedura affinché le persone direttamente interessate possano appellarsi alla Camera per le controversie amministrative della Corte Suprema, un processo che, ad esempio, è accessibile ai parenti di Mikel Zabalza, ma in realtà non è una novità perché già Lui li ha convocati ad andare in tribunale. Ora decidi solo quale giudice.

Il governo Sánchez ha difeso che questa riforma mette lo Stato allo stesso livello degli altri paesi della NATO, poiché abbandonerebbe la legge franchista in cui i segreti sono classificati a vita. Tuttavia, in realtà, quello che ha fatto il governo spagnolo è un movimento minimo: ha scelto la fascia di anni più alta dei paesi limitrofi, per lasciare le questioni segrete sotto copertura per mezzo secolo, periodo rinnovabile anche per altri quindici anni. . Bolaños, tuttavia, afferma che paesi come Danimarca, Francia o Italia non hanno il termine, la Svezia ha una durata di 70 anni e la Germania 30, “ma per tutte le informazioni riservate”. Moncloa ha scelto di assegnare quattro categorie (segrete, segrete, segrete e ristrette) e devono andare dai 50 ai 4 anni. Nei primi due, inoltre, i termini possono essere prorogati. E la pubblicazione può essere parziale, con paragrafi censurati.

CONCORDATO?

Questo testo può essere instradato attraverso l’elaborazione parlamentare. E questa è solo una bozza del Consiglio dei ministri, che deve passare per un secondo turno. In effetti, i ministri United We Can non condividono le scadenze socialiste. Questa è una critica molto comune tra i partner.

Prima di conoscere i dettagli, PNV aveva espresso la sua “delusione” e non era stato informato in anticipo del suo contenuto. Inoltre, da sei anni si batte per le riforme con le sue proposte che sono state ritardate da PP e PSOE con una scadenza per gli emendamenti. La proposta PNV propone un tempo più gestibile: 25 anni per i segreti e dieci anni per i riservati.

Sánchez ha deciso di distruggere questo lavoro e ricominciare con la bozza, portando a una seconda considerazione: il PNV non sa se dare tempo per approvare la legge nel restante anno legislativo e chiede di accelerare i tempi. Bolaños calcola che sarà approvato entro la fine di quest’anno o all’inizio del prossimo. EH Bildu ha scelto di chiedere fermamente a Sánchez di aggiustarlo perché credeva che la sua bozza non avrebbe spiegato il GAL.

PALLONI DAVANTI A ROBLES

Mentre le riforme potrebbero essere un cenno all’ERC dopo lo spionaggio del sovrano, le fughe di notizie suggeriscono un accordo con PP. Ieri, infatti, il popolo ha cercato di sedurre Sánchez chiedendogli di essere d’accordo con loro su questa e altre questioni riguardanti la sicurezza dello Stato e lamentandosi di non essere stato informato.

Un’altra novità sta nella perdita di potere del ministro della Difesa, Margarita Robles, a favore di Bolaños. Questo ministro avrà il controllo sulle informazioni classificate attraverso l’Autorità per la sicurezza nazionale, ANS, che non dipenderà più dal Centro di intelligence nazionale. Ufficialmente è necessario istituire un ministero trasversale, perché le questioni segrete non riguardano solo la sicurezza e la difesa, ma anche l’economia. Robles ha detto che tutti erano soddisfatti. Eppure è difficile dimenticare il ritmo tra i due dopo lo scoppio dello spionaggio, quando Robles ha insistito per mantenere il CNI senza scappatoie. PP crede che Robles sia stato messo da parte per ottenere il sostegno dell’ERC e se ne rammarica. Lo stesso ministro ieri ha voluto la ratifica della legge.

Top secret e segreti saranno classificati e declassificati dal Consiglio dei ministri. Il resto sarà controllato dal ministero, dal segretario di Stato, dal capo di stato maggiore o dal capo dell’esercito. Le informazioni che possono danneggiare lo Stato saranno mantenute riservate e le informazioni non vantaggiose saranno limitate. I deputati potranno accedere ai documenti elaborando le istanze presso la commissione del segreto d’ufficio.

DISEGNO

quattro classi

cose segrete. Si definiscono quattro categorie: top secret (per le informazioni che possono arrecare un danno straordinariamente grave allo Stato, che saranno classificate per 50 anni, prorogabili per quindici anni), confidenziali (per le informazioni che possono causare un danno grave, che saranno classificate per 40 anni , può essere classificato per 40 anni), prorogato per altri dieci anni), riservato (che potrebbe essere contro di te, che sarebbe classificato tra 7 e 10 anni) e riservato (che sarebbe sfavorevole, che sarebbe tenuto segreto per 4 e 6 anni). Sono termini che possono essere rivisti in qualsiasi momento. Bolaños ha detto che erano “ragionevoli” e che Danimarca, Francia e Italia non avevano scadenze. La Svezia compie 70 anni. Germania, 30 anni, ma per tutte le informazioni. Per le informazioni che sono già state classificate, saranno declassificate d’ufficio o su richiesta della parte interessata, ma saranno studiate dall’autorità competente.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.