L’avventuriero ha girato il mondo due volte di fretta, l’aereo e il suo Undertaker lo hanno fermato News Company

Gli indigeni di Sušice sono riusciti a percorrere più di 300.000 chilometri in nove anni. Ha visitato 86 paesi e ha provato molte professioni in tutti i continenti abitati. In questi anni ha viaggiato con lui la sua consorte Corey, con la quale non mancano certo le grandi esperienze. Lo stesso Slavek Král ha esagerato di essere un professionista senza fissa dimora che viveva in uno zaino. Parla dei suoi viaggi con umorismo nelle sue lezioni e riesce anche a scrivere le sue esperienze migliori e più spaventose in The Hitchhiker’s Guide to the Globe.

È stato in grado di fermare una serie di strani modi sulla sua strada. Fu fermato da Undertaker, carrozza, nave e aereo. Andava anche con soldati o contrabbandieri. Ha anche descritto le sue avventure in il tuo blog.

“Ricordo molto bene la mia prima tappa. All’epoca avevo quindici anni ed ero una matricola al liceo. Gli studenti del secondo anno dicevano che stavano facendo l’autostop a casa, quindi sono andato a provare anch’io. Nessuno mi ha preso. Ho riprovato a diciotto anni , e io e il mio amico siamo andati in Italia. L’ultima volta che ho fatto l’autostop è stato qualche giorno fa dal festival Cestomejdan”, a partire dall’esploratore narratore Re di Slavek.

Per gli studenti poveri, questa forma di viaggio è una grande opportunità per vedere il mondo risparmiando. Col tempo è diventato uno stile di vita. “Mi piacciono le persone e le loro storie. Incontro semplicemente persone fantastiche e non importa se sono ricche o povere. Non sai in cosa ti imbatterai ed è un’avventura. Il mio primo viaggio in Italia mi ha mostrato che è possibile Siamo partiti alle otto del mattino e nel giro di poche ore stavamo nuotando in mare”. descrivere.

“Non ho molti progetti prima del viaggio.”

Alcuni punti sulla mappa, zaino, bandiera ceca e pollice in alto. Non aveva nemmeno bisogno di altro per il viaggio. Prima della spedizione, Slávek Král ha stabilito quanto tempo desiderava trascorrere sulla strada e ha chiesto alla gente del posto tutto ciò di cui aveva bisogno.

“I bambini in Africa sono molto curiosi e vogliono imparare”, ha detto il viaggiatore

“Ho anche alcuni eventi di volontariato lì per fermarmi almeno temporaneamente e fare qualcosa di significativo. È così che puoi viaggiare tutto il tempo. Ho viaggiato cinque sei mesi e due anni e, tutto sommato, sono tornato più ricco di quanto ero “quando sono via. Cerco di lavorare in 40 posti in 19 stati di tutti i continenti abitati. Colleziono kiwi, lavo auto, stoviglie, sono anche apicoltore, insegnante di inglese e gestore di ostelli”, contare.

“Guidando, conosci davvero la cultura locale.”

L’hotel è carino, ma non sarai tra la gente del posto, dicono gli avventurieri. Grazie all’autostop parla con le persone, riceve ottimi consigli e spesso lo lascia dormire a casa o lo invita a cena. Ma non tutti i paesi sono un paradiso paradisiaco. Porta le peggiori esperienze, ad esempio dalla Spagna, dal Portogallo o dal Brasile.

“In Brasile le persone hanno molta paura dei pedoni. C’è molta propaganda pericolosa e notizie false ovunque. Per me, il viaggio peggiore è tra Rio de Janeiro e San Paolo, dove la gente pensa davvero che tutti là fuori volessero ucciderli. Il La prima domanda dei piloti non era dove stavo andando, ma se non volevo far loro del male. Era ovviamente spaventato. Al contrario, il posto più ospitale per i tracker era il Paese insulare”. riassume il tracker.

Dormire in tenda, sui divani e nelle stazioni di polizia

Nel suo libro Guida al mondo per autostoppisti Slávek Král presenta più di 170 delle storie più folli, estreme, migliori e peggiori che abbia mai vissuto per strada. Molti di loro amano anche parlare nelle loro lezioni. Una delle sue esperienze insolite è stata quella di accovacciarsi nel deserto.

Non sono riusciti a ottenere un passaggio sul confine tra Cile, Argentina e Bolivia. Si stava facendo buio e le notti nel deserto non sembravano due volte più piacevoli. Ma quando si guardò intorno, vide un container senza la griglia sul finestrino. “Era un ufficio in mezzo al deserto, che per me non aveva alcun senso. Ma ho deciso di dormire lì. Ho pensato che almeno non dovevo buttare giù la sabbia nel sacco a pelo. È arrivato il proprietario al mattino. Era una stazione di polizia. Dopo alcuni istanti della mia spiegazione, la polizia ha appena detto che stavano bene e se n’è andata di nuovo “. raccontare con popolarità nelle lezioni.

Una stazione di polizia emerge da un container abbandonato nel deserto, foto: Slávek Král

Un viaggio con il cane in Giappone assume una dimensione leggermente diversa

Col tempo, Slávek realizzò il suo sogno e acquistò una donna Corey, che, come il suo proprietario, fece il suo primo viaggio in Italia. Questo è stato seguito da un viaggio nei Balcani e oggi il viaggiatore peloso ha visitato 28 paesi. L’unica grande battuta d’arresto finora è stata il viaggio in Giappone. “Siamo arrivati ​​a Vladivostok, dove non ci è stato permesso di prendere il traghetto a causa del francobollo, quindi non siamo andati affatto in Giappone”, il viaggiatore ricorda.

“Dovevo andare in Kazakistan velocemente e ho percorso 7.000 chilometri. Ma il mio visto è scaduto durante questo viaggio. Mi hanno trasferito dal confine alla stazione di polizia, dove hanno controllato tutte le mie foto e i miei rapporti”. Il viaggiatore descrive la situazione sul suo blog fin dalla scena.

Non poteva entrare in cella o in albergo a causa del cane, così ha dormito nel corridoio della stazione di polizia. “Non potevano lasciarmi andare perché non avevo il visto. Così sono stato chiamato in tribunale, dove ho dovuto testimoniare in russo perché era sabato e non avevano un interprete”. continua. Alla fine tutto è stato risolto, ha preso il timbro e ha potuto continuare di nuovo. Ma in una direzione diversa dalla terra del sol levante. “All’epoca era solo una nostra preoccupazione. Si impara a improvvisare molto”, completare la lingua slava.

“Fermare con un cane è un giocattolo nella Repubblica Ceca”.

I cechi sono una nazione di dog sitter, quindi anche i conducenti non hanno problemi a fermare il localizzatore e il suo compagno a quattro zampe. Negli ultimi cinque anni, Slávek Král non ha viaggiato in aereo. Da un lato, vuole ridurre la sua impronta di carbonio e non vuole stressare troppo Corey.

Corey compie il suo primo viaggio da cucciolo, foto: Slávek Král

“Ma ci sono stati in cui non è facile con un cane. Attraversare il confine non è così terribile, ma la mentalità delle persone è molto diversa. Ad esempio, in paesi musulmani come Turkmenistan, Tagikistan o Uzbekistan, le persone non hanno cani come animali domestici. Mi hanno detto di lasciare il cane per strada e poi mi avrebbero preso. Non hanno lo stesso attaccamento ai cani come noi. Per non parlare in questi paesi non posso andare con il mio cane ai mezzi pubblici, negozi, hotel, parchi o spiaggia,Spiega le insidie ​​di viaggiare con un compagno di cani.

Slávek sta attualmente scrivendo il suo secondo libro, che vuole aggiungere con le sue illustrazioni. Ha anche diverse conferenze e festival nel suo calendario. Non lontano da Pilsen, ad esempio, ci sarà una festa a fine agosto Missile da viaggio presso la casa della cultura a Dolní Hradišt. Parteciperò all’evento e nel complesso sarà molto affollato”. ha attratto Slávek Král a un evento che stava organizzando.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.