L’autrice Jenn Díaz presenta il suo nuovo romanzo a Maiorca

Racconti di scrittori e politici Jenn Diaz (Barcellona, ​​1988) che con il suo nuovo romanzo, Els possessius (Amsterdam), ha risolto due conti pendenti. Da un lato, perché ha sempre voluto scrivere romanzi epistolari e, dall’altro, per il desiderio di raccontare la storia di Emma, ​​una ragazza che si autoisola in casa. Dopo averlo presentato giovedì a Món de Llibres (Manacor), farà lo stesso oggi, alle 19:00, alla Llibreria Lluna (Palma).

“Sono stato attratto da questo genere perché, come i diari aperti, hanno un punto riflessivo e intimo, ma le lettere sono indirizzate a qualcuno e offrono un quadro comunicativo che non hai né al telefono né di persona. Voglio anche raccontare la storia di Emma, ​​una ragazza che si sta autoisolando a casa. Si è sposato molto bene con i tempi che stavo attraversando, perché mi sono appena separato ed ero in movimento. In effetti, è così che inizia il libro, con una lettera di Agneta a Emma, ​​che le dice di essere circondata da scatoloni in un piccolissimo appartamento. Io stesso ho vissuto la stessa cosa in un appartamento del Raval. Quindi, il personaggio vive la sua vita”, ha detto Díaz, anche lui rappresentante del Parlamento della Catalogna per la sinistra repubblicana.

Els possessius Il fondamento sono le relazioni familiari ed emotive basate su undici personaggi che si scambiano lettere. Questo mezzo, ormai quasi estinto, permette a tutti di dare la propria versione dello spettacolo. “Ognuno racconta la propria storia dal proprio punto di vista e le undici storie diventano una storia. Tutti i tabù, il silenzio, l’autoinganno e le trappole comunicative sono assenti possibilità nei romanzi in prima o terza persona. È vero che è stata una sfida per me e potrebbe rendere difficile la lettura, ma ha anche fornito molto gioco”, ha detto. “Le lettere sono durate due anni e mezzo. Durante questo periodo, i personaggi si sono comportati in modi diversi, a volte possono essere più o meno giusti, come capita a tutti noi nella nostra vita e nelle nostre relazioni. Una persona per natura non è né buona né cattiva, ma ha un volto e un momento di verità diversi”, ha spiegato.

Contesto

lettore di Els possessius Non ci sono timestamp o nomi di luogo da trovare, il che porta a ciò che gli sceneggiatori stavano veramente cercando: concentrarsi sulle emozioni e sui sentimenti di ogni personaggio. “In club del libro molti mi hanno chiesto quando e dove si sono svolti gli eventi, hanno bisogno di contesto, ma sinceramente sono dettagli che non mi interessano. Per alcuni scrittori, questo tipo di descrizione e informazione può essere molto rilevante, ma è troppo per me. Non l’ho fatto consapevolmente, il risultato è stato così”, ha detto. “Anche se è vero che ho messo apposta diverse marche. Ad esempio nella prima lettera ci sono dettagli come un’auto, un telefono costoso, oppure si parla di divorzio e affidamento, una forcella provvisoria che può avere vent’anni, che non è del tutto immortale», ha spiegato.

La prima indicazione che non si trattava di una storia ambientata nel presente era il modo di comunicare attraverso le lettere. «Ora ci inviamo l’audio e, inoltre, possiamo renderlo ancora più veloce. Non abbiamo nemmeno il tempo di comunicare. Non c’è lettera scritta così silenziosamente, la più vicina è l’e-mail. Non credo che possiamo più comunicare per posta, ma sarebbe sicuramente una bella rivoluzione”, ammette. Dopotutto, molti atteggiamenti o modi di affrontare i problemi non sono lontani da ciò che è possibile oggi.

“Tra cento anni, anche se il contesto cambia, penso che alcune cose sembreranno le stesse. Nel caso di Natalia Ginzburg, ad esempio, c’è chiaramente un background bellico o postbellico, o una certa situazione personale in Italia negli anni ’60, ma parla di sentimenti universali e sia il luogo che il tempo rimangono indisturbati. Ovviamente le cose sono cambiate. Il divorzio offre alle donne più opzioni legali, sociali e culturali. Ovviamente, l’amore è cambiato prima, perché non vivi con qualcuno se non vuoi”, ha spiegato.

In effetti, l’universo di Ginzburg permea questo libro e soprattutto Città e casa. «Questo è uno dei lavori che rileggo di più. Quando ho deciso di scrivere questo romanzo epistolare, l’ho riletto e ho avuto l’idea di copiare la stessa data della sua. Questo è un modo per rendergli omaggio. Ho sempre scritto in modo intuitivo, ma in questo caso avevo questo copione, queste linee guida e ho dovuto aggiustare tutto”, ammette.

Politico

I personaggi si scrivono lettere l’un l’altro nel “tentativo di ridurre la distanza emotiva” ed è il mezzo che offre questa intimità, sia all’editore che al destinatario. Su di lui esposizione e la sua privacy, Díaz assicura di non sentirsi particolarmente esposto, né come politico né come scrittore e avverte che “al giorno d’oggi, la maggior parte di noi è più esposta che mai, in gran parte a causa dei social network”. “Non sono molto umile. Nella narrativa devi anche liberarti da certe paure per poter scrivere liberamente. In Parlamento sai che devi salire sul podio, ma non mi dispiace. Essere aperti o sentirsi vulnerabili è più un punto di forza che una debolezza. Non mi dà fastidio”, ha detto.

Da corsa

Nel 2015 Jenn Díaz ha pubblicato il suo primo romanzo in catalano e, nel 2016, ha vinto il prestigioso Mercè Rodoreda Premium con Vita familiare (Arco). Poi, il “posto vacante” che ha coinciso con la sua carriera politica da deputato, il silenzio che ha rotto nel saggio Donami forza. Come e perché è la femminilizzazione della politica (Ara Llibres, 2020). “Non lo è davvero silenzio perché, nonostante abbia passato quegli anni senza pubblicare un libro, non ho mai scritto più discorsi o conferenze in tutta la mia vita”, spiega.

“Io ho paura supponendo che il fatto di essere rappresentativo avrebbe cambiato la mia scrittura e il mio carattere, che fossero più politicamente corretti o che il mio stile fosse più vicino al discorso politico rispetto alla voce parlata con cui avevo lavorato nei miei romanzi. Temevo che il deputato avrebbe mangiato l’autore”, ammette. «Sono più vicino all’essere uno scrittore che un semplice rappresentante. Voglio solo essere uno scrittore. Ho tre pagine di qualcosa di nuovo. Sono stati scritti per due mesi e non li ho ancora toccati. Quando d’estate, quando l’attività parlamentare si interrompe, avrò due settimane libere, andrò subito a trovarli”, ha detto Díaz, dopo aver ammesso che, dopo un giro letterario dell’isola, sabato avrebbe assistito a un concerto con Fonti Antonia in Inca.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.