L’appello zelante del Papa a sostegno della politica familiare

«Abbiamo perso il senso del dare”, ha temuto venerdì, a Roma, durante lo “Stato generale di natalità”, che mira a rilanciare la demografia in Italia.

Come raramente è accaduto dall’inizio del suo pontificato nel 2013, papa Francesco ha lanciato un monito a sostegno delle famiglie. Ha reagito alla drammatica situazione demografica in Italia ma anche in Europa: “Ora sono importanti le politiche, l’economia, l’informazione e la cultura che guidano la natalità” lei dice. Perseguire questo obiettivo è passato “Attraverso la politica della famiglia allargata, non basata sul consenso immediato ma sul bene comune a lungo termine”.

Ne ha parlato venerdì mattina, a Roma, durante le “Condizioni generali di nascita” alla presenza di Mario Draghi, presidente del Consiglio dei ministri italiano. Si è anche congratulato con il governo italiano, che ha recentemente adottato una nuova politica demografica consistente nel pagare 250 euro a figlio e al mese fino all’età di 21 anni. Fino ad allora gli aiuti erano di soli 130 euro al mese per famiglia, ma non per tutti.

Nel 2020 l’Italia ha toccato il livello più basso di sempre con 1,24 figli per donna. Ciò significa 400.000 nascite all’anno. In confronto, la Francia ha 753.000 nascite all’anno. L’Italia è ormai il Paese più antico d’Europa – 45 anni in media – perdendo ogni anno l’equivalente di una città di oltre 200.000 abitanti.

«Cosa ci attrae, famiglia o fatturato? “

Da qui lo spirito del grido di Franois. Parla tanto da solo “Al vecchio continente che non è più per la sua grande storia ma per la sua età avanzata” dagli italiani: “Se la famiglia non è al centro del presente, non ci sarà futuro, se la famiglia ricomincia, tutto ricomincerà. “

Così rimproverò senza mezzi termini: “Penso con tristezza alle donne che al lavoro devono nascondere la pancia per non mostrare di essere incinte! Come potrebbe una donna vergognarsi del dono più bello che la vita ha da offrire! Non sono le donne che dovrebbero vergognarsi, ma la società, perché la società che non accoglie la vita, smette di vivere… Abbiamo perso il senso del dare. Dobbiamo trovare il coraggio di dare, il coraggio di scegliere la vita! “ Poi ha posto questa importante domanda: “Dove sono i nostri tesori, i tesori della comunità, i bambini o le finanze?” Cosa ci attrae, famiglia o fatturato? “

Ha poi avvertito: “Non saremo in grado di spingere la produzione e proteggere l’ambiente se non ci prendiamo cura delle loro famiglie e dei loro figli. La crescita sostenibile passa attraverso questo”. E per ricordare: “La storia ci insegna che durante la fase di ricostruzione dopo le guerre che hanno devastato l’Europa e il mondo negli ultimi secoli, non può esserci rinascita senza un’esplosione di nascite e senza la capacità di trovare fiducia e speranza nelle nuove generazioni”.

«Mantenersi giovani non significa fare selfie e ritocchi”

Denunciato anche papa Francesco “Una cancrena di mentalità” mettere a rischio il futuro: “È molto importante che i giovani si relazionino a modelli di alto livello, che modellano i loro cuori e le loro menti”. O, “Triste vedere che l’unico modello da emulare è ancora bello, giovane e in forma. I giovani non crescono con i fuochi d’artificio, maturano se sono attratti da chi ha il coraggio di inseguire grandi sogni, di sacrificarsi per gli altri, di fare del bene nel mondo. “ Dunque “Mantenersi giovani non significa fare selfie e ritocchi, ma poter un giorno guardarsi negli occhi dei bambini. Tuttavia, a volte circola il messaggio che realizzarlo significa guadagnare denaro e avere successo e che avere figli sarà un vicolo cieco che non dovrebbe essere un ostacolo alle proprie aspirazioni personali”..

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.