L’allenatore dell’Olanda Louis van Gaal ha un cancro alla prostata

Il duello tra la prima e la seconda – Viktoria Plzeň e Slavia Praga – non è stata una dimostrazione di bellezza calcistica, la squadra di casa e la capolista sono state eccessivamente caute e alla fine si sono accontentate dei punti. Il centrocampista Pavel Bucha in se stesso mostrare stava soffocando il senso di colpa e aveva un rossore davanti agli occhi. Pilsen Havel è sana, il Carnevale slavo durerà per alcuni mesi. Aprile è fuori per gli slavi. Lo Sparta è in lotta anche per il suo regista, che vuole il titolo. La lotteria di Doha non ha deluso i fan cechi.

Il leader prudente e l’irascibile Bucha

Il duello tra il primo e il secondo, Pilsen e Slavia, suona incerto, la corsa al titolo resta aperta e culmina, per la gioia dei tifosi, nella sovrastruttura. Sarà un lusso, perché lo Sparta può parlare anche da sottofondo.

Se vincono, Viktoria può riprendersi e creare una promettente posizione di partenza per il titolo. Ha giocato in casa, dove di solito giocava contro i suoi avversari, ma non ha osato attaccare il calcio contro lo Slavia. Stava solo aspettando di vedere cosa avrebbe fatto il suo avversario, non ha iniziato un attacco finché non ha perso. Ha raccolto i punti per un pareggio, che sembra un po’ codardo, viste le ambizioni della capolista.

Sì, ha giocato in dieci, a fine partita, una decina di minuti in una partita frammentata. Pavel Bucha, il protetto di Slavia, rivide davanti ai suoi occhi Rudo, che ancora non riusciva a dimenticare che non gli avevano offerto un contratto di lusso all’Eden. Solo la gentilezza dell’arbitro polacco lo ha tenuto in campo più a lungo dopo tanti interventi brutali. Motivazione sì, ma anche quella deve venire dal buon senso.

Havel no, Carnevale si. Congratulazioni si, Carnevale no

Dietro le quinte, entrambe le squadre affrontano la partita prima della partita. Il difensore Pilsen Milan Havel si è scusato per l’infortunio causato dalla partita (amichevole) di preparazione della nazionale contro il Galles, mentre Lukáš Masopust, giocatore dello Slavia recentemente recuperato, è arrivato dall’altra parte.

Nella battaglia di campionato per il primo posto in classifica Havel partendo dalla formazione base, Masopust sarà a disposizione dell’allenatore Trpišovsk tra pochi mesi, salterà l’ottava finale di Conference League contro il Feyenoord Rotterdam Olanda. Un approccio stravagante alla virtù di rappresentare la propria patria, un approccio peculiare di rappresentanza a un club che fornisce individui capaci.

Slavi di aprile di successo

Tutti gli slavi hanno scherzato il 1 aprile – la canzone del vecchio club di Praga. Quest’anno sono tornati alla tradizione biancorossa e hanno pubblicato sul sito web del club l’azione spaventosa della UEFA, insegnando ai giocatori veloci – così come ai cavalli – a sopportare il peso (handicap) in modo che le loro fughe di notizie non vanifichino i difensori lenti. . Lo Slavia TGV Yuri Sor avrà almeno dieci piastre di piombo sulle sue scarpe da calcio.

La rabbia di molti grandi tifosi slavi: che razza di assurdità sta pensando la UEFA!? Non guardano il calendario, spiegando che la UEFA (e altre autorità calcistiche di alto livello) si sono divertite tutto l’anno, anche con decisioni serie.

Lo Sparta combatte per Rosicky

Quando Tomáš Rosický era ancora allo Sparta, ha fatto molto per questo, ha vinto tre titoli con lui (1999, 2000, 2001), lo ha aiutato a guardare in Champions League e, lasciando mezzo miliardo al Borussia Dortmund, lo ha assicurato per almeno due anni. Dopo la sua incursione nella sua carriera, è tornato rapidamente al Letná e dal 2018 è direttore sportivo.

E il piccolo Mozart poteva ancora trovare in lui la responsabilità. Ha detto che se lo Sparta non avesse vinto il titolo quest’anno (lo scorso 2014), avrebbe suscitato discussioni con la dirigenza del club sull’opportunità di continuare a ricoprire incarichi importanti. I suoi seguaci sono motivati ​​a fine campionato. Hanno anche combattuto per lui.

Cervo calmo a Doha

A Doha, capitale del Qatar, dove quest’anno si disputeranno i Mondiali a cavallo tra novembre e dicembre, si è svolto il sorteggio per il girone base. Senza la partecipazione dei cechi, la nazionale è caduta ai playoff in Svezia (anche chi non è avanzato, ha perso in Polonia).

Per i tifosi cechi, un atto festivo senza nervosismo, tensione, eccitazione o delusione. Ma i fan cechi meritano già un dramma simile. L’ha vissuta l’ultima volta sedici anni prima della Coppa del Mondo 2006 in Germania…

Fonte: Lega fortunata, FIFA

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.