L’allenatore della Spagna incontra l’Italia per la prima volta: quando Luis Enrique si fa sanguinare il naso a Foxborough – sport

Luis Enrique scende, allarga le braccia e si rotola sul prato. Pochi istanti dopo balzò in piedi, cercò uno scontro con l’avversario, gli afferrò il viso e cadde di nuovo. Il sangue gli schizzò dal naso, l’espressione sul suo viso era un’accusa singolare. Ma non c’è stato nessun rigore al Foxborough Stadium il 9 luglio 1994. L’arbitro Sandor Puhl dell’Ungheria non voleva vedere Enrique abbattuto dal gomito dell’italiano Mauro Tassotti poco prima. Nell’area di rigore italiana, nei tempi supplementari dei quarti di finale del Campionato del Mondo negli Stati Uniti, quando il punteggio era di 1:2 dal punto di vista della Spagna – il punteggio finale dopo.

“Voleva uccidere l’arbitro e Tassotti, e poi anche me, quando l’ho preso”, ha detto il fisioterapista spagnolo Senen Cortegoso di un Luis Enrique arrabbiato. “Lucho”, come vengono chiamati in Spagna, all’epoca aveva 24 anni, un po’ di energia, eccitato, orgoglioso – e si è rotto due volte dopo il fischio finale. Nel cuore per l’ingiustizia che aveva colpito lui e la Spagna, e fisicamente perché il gomito di Tassotti gli aveva schiacciato il naso.

L’immagine di Luis Enrique che piange, seduto sull’erba con la maglia coperta di sangue, è rimasta impressa nella memoria collettiva di un’intera generazione di tifosi spagnoli. “Abbiamo perso, non importa quanto siamo stati bravi”, ha detto José Mari Bakero a Tagesspiegel. Lui stesso ha giocato 65 minuti contro l’Italia nel 1994 e in seguito ha visto Enrique uscire dalla panchina come sostituto. In effetti, gli spagnoli hanno spesso avuto squadre forti negli anni ’80 e ’90, ma hanno fallito quando contava. Felicemente nei quarti di finale e ancora meglio ai rigori.

Dall’altra parte ci sono gli italiani, che raramente giocano bene ma sono spesso lontani. 1994 alla finale della Coppa del Mondo, 2000 alla finale della Coppa dei Campioni. Nel 1982 e nel 2006 è bastato anche per il titolo mondiale. “L’Italia è il nostro partner in questo. La tua squadra ha sempre avuto questa fiducia e voglia di vincere che noi non avevamo”, ha detto Bakero, ricordando quella volta. Fino al 2008, la Spagna non aveva mai vinto una partita ufficiale agli Europei o ai Mondiali contro l’Italia.

[Lesen Sie hier alle wichtigen Entwicklungen der EM im Tagesspiegel-Liveblog]

Per 14 anni la Spagna ha sofferto per il gomito di Tassotti a Foxborough. Gli stessi italiani divennero presto vittime dei carnefici. Secondo le immagini tv, il difensore rossonero è stato poi espulso dal Mondiale 94: “Sono stato squalificato per otto partite e quella è stata la fine della mia avventura in Nazionale. Ho sbagliato e il destino mi ha dato il conto. Me ne pento ancora oggi”, ha detto Tassotti, allora 34enne, l’anno scorso al quotidiano spagnolo “El Pais”, non senza amarezza.

Nel 2021 potrebbe esserci anche un duello tra Enrique e Tassotti in EM. L’allenatore italiano è vice allenatore dell’ucraino Luis Enrique, quarti di finale, alla guida della nazionale spagnola. Ma ora è andata diversamente: l’Italia – ovviamente – aspettava in semifinale. E l’asturiano che ora ha 51 anni è irremovibile e ostinatamente va per la sua strada. In patria, questo gli è valso molte critiche, con quasi tanti bersagli verbali sul viso di Enrique quanto il gomito di Tassotti nel 1994.

Prima del duello in semifinale, quasi tutta la Spagna si era radunata dietro Luis Enrique, 27 anni dopo la sua ultima partita contro l’Italia, ora ha l’opportunità di prendersi la sua rivincita personale. I segnali sono cambiati: la Spagna ha ormai superato l’Italia. Nel 2008 e nel 2012 la squadra è diventata campione d’Europa e nel 2010 anche campione del mondo.

Nel 2008 la Spagna ha finalmente sconfitto la sua maledizione italiana nel Campionato Europeo

Il motivo dell’era dei grandi titoli sono stati i quarti di finale del Campionato Europeo all’Ernst Happel Stadium di Vienna nel 2008. A quel tempo, per 120 minuti non è successo quasi nulla, ci sono stati i calci di rigore in cui la Spagna è stata finalmente in grado di batterli . imprecare. “Sappiamo che se battiamo l’Italia, possiamo battere tutti. Allora vinceremo il torneo”, ricorda il terzo portiere Andres Palop su questo giornale. Lui e molti altri in Spagna non dimenticheranno quello che ha detto l’allenatore Luis Aragones prima della partita: “Preparati a vincere”.

Forse questa vittoria e il successivo titolo europeo hanno anche reso Luis Enrique più leggero. Nel 2011 c’è stata una riconciliazione con Tassotti. Enrique era l’allenatore della Roma all’epoca, ex assistente del suo avversario al Milan. Prima del match tra i due club si sono stretti la mano: “Ora sono 17 anni e questo significa anche che abbiamo 17 anni in più. Non ho problemi con lui”, ha detto Enrique all’epoca.

Riconciliazione. Luis Enrique (a sinistra) e Mauro Tassotti si stringono la mano nel 2011. “Sono passati 17 anni e questo significa…Foto: Solaro/AFP

Nel 2012 Italia e Spagna si sono incontrate due volte nella finale del Campionato Europeo. Un 1:1 nel turno preliminare è stato seguito da una dimostrazione di forza con la vittoria per 4-0 dell’Iberia in finale. La Spagna è all’apice della sua creatività calcistica, il suo nemico preferito viene smantellato secondo tutte le regole dell’arte del passaggio corto.

Intanto i rapporti di forza si sono leggermente spostati verso l’Italia. All’EM 2016 ha battuto la Spagna 2-0 agli ottavi di finale nella finale in corso, ispirando l’Italia con il grande calcio. La Spagna, invece, ha rimbombato nel torneo quasi l’Italia, in cinque partite c’è stata una sola vittoria dopo 90 minuti. Ma prima della semifinale di martedì al Wembley Stadium di Londra (21:00 / ARD e MagentaTV) c’è un cauto ottimismo. “Naturalmente sarebbe ridicolo non pensare di raggiungere la finale quando sei in semifinale”, ha detto Enrique, che improvvisamente ha creduto di poterlo fare a casa.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können]

Prima del torneo sembrava molto diverso. Ci sono state distrazioni, soprattutto da Madrid, perché Sergio Ramos era stato espulso da Enrique e, tra l’altro, nessuno dei giocatori del Real faceva parte della rosa. Enrique impone ancora una volta la sua testardaggine asturiana, come ha spesso fatto nella sua carriera. A Roma ha combattuto contro la leggenda Francesco Totti, all’FC Barcelona Xavi ha dovuto prima mediare per risolvere la disputa tra Enrique e Lionel Messi.

Per molto tempo, il naso sanguinante di Foxborough è stato un’immagine quasi iconica di Luis Enrique in Spagna. Nel frattempo, la sua percezione a casa era cambiata. Enrique sta crescendo ancora e ancora, anche dopo la morte di sua figlia di nove anni per cancro, che ha interrotto la sua carriera come allenatore della nazionale per diversi mesi nel 2019.

In questo contesto, sembra credibile che ora smentisca di avere ancora dei debiti con l’Italia. Tuttavia, la vittoria sul suo eterno rivale sarebbe uno dei suoi più grandi atleti – altri riferimenti storici sono fatti da Luis Enrique.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.