Lagarde promette di adottare la politica monetaria “nella misura necessaria” per combattere l’inflazione | Economia

Imita Mario Draghi, ma il contrario. La presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, ha replicato questa mattina a Sintra la celebre frase usata dieci anni fa dal suo predecessore Mario Draghi, nel discorso di apertura dell’annuale Forum delle banche centrali tenutosi in questa città portoghese. Ma mentre l’attuale primo ministro italiano ha promesso di “fare tutto il necessario” per salvare l’euro e formalizzare la sua politica monetaria espansiva per raggiungerlo, il suo successore ha appena promesso che “andrà per quanto necessario” per combattere l’inflazione e stabilizzarla. del due%. Con ciò ha aggiunto fermezza, persino violenza, alla strategia di aumentare i tassi di interesse e porre fine all’acquisto di attività nette.

Quest’ultimo inizierà il 1° luglio, come ratificato dal presidente. Aumento dei tassi di interesse, il 21. Entrambe le decisioni sono state adottate nella riunione telematica di emergenza del 15, in cui sono dettagliate alcune delle decisioni adottate in Consiglio direttivo la settimana precedente, il 9. Il tono più forte è quello di concludere dall’enfasi letterale data a un’espressione. Sebbene la dichiarazione faccia a faccia del consiglio abbia affermato che “non vede l’ora” di fornire un altro livello di cambiamento a settembre, ora ha affermato che “intende” farlo. E anche, colloquialmente, che il suo polso non avrebbe vibrato. La normalizzazione” – un morbido eufemismo per l’inasprimento monetario o le politiche restrittive – “sarà perseguita in modo determinato e sostenibile”, ha aggiunto.

Questa crescente rigidità indica un aggravamento della dinamica dell’inflazione. Le proiezioni di giugno della stessa BCE suggeriscono che i prezzi rimarranno al di sopra dell’obiettivo ufficiale, il 2%, fino al suo conteggio di medio termine, che terminerà nel 2024.

Diversi oratori famosi al Forum hanno fornito sfumature di inasprimento monetario. È il caso dell’insegnante norvegese Hilde Christiane Bjordland. La Scandinavia, uno dei più noti esperti di mercati petroliferi, ha pubblicamente messo in guardia dai crescenti effetti negativi di uno “shock dei prezzi dell’energia” quando le agenzie optano per politiche ad alta risposta, tipo aquila.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.