La staffetta di biathlon misto finisce nona all’Oberhof, la squadra norvegese festeggia la vittoria | iROZHLAS

La staffetta mista ceca Jakub tvrtecký, Michal Krčmář, Markéta Davidová e Jessica Jislová è arrivata nona alla Coppa del Mondo di biathlon all’Oberhof. Di conseguenza, è migliorato in entrambe le categorie alle qualificazioni alle Olimpiadi, dove ha tenuto cinque posti per le Olimpiadi di Pechino, e ha registrato il suo miglior risultato dalla medaglia di bronzo ai Mondiali del 2020. La Norvegia ha chiaramente vinto.




Oberhof
(Aggiornato: 16:26 8 gennaio 2022)

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Vicino




La biatleta ceca, Markéta Davidová Foto: (C) La biatleta ceca Petr Slavík

Il quarto si è riempito due volte nel primo tempo durante ogni tiro, ma lo ha sostituito con un’ottima corsa. Ha guidato l’ultimo giro, dove è stato il più veloce di tutti, inclusa la leader Nora Tarjeie Bö, ed è passato dal 22esimo dopo aver tirato all’ottavo in un passaggio.

David è arrivato 11° allo sprint all’Oberhof. L’oste ha commesso un errore di tiro ed è arrivato 30°

Leggi gli articoli


Dopo una rapida e chiara bugia, l’albergatore riempì il suo stand due volte. A differenza di tvrtecký, non ha corso bene ed è sceso al nono posto con una sconfitta di oltre un minuto e mezzo di vantaggio.

“C’erano alcuni elementi che si sono levati in piedi. Anche se sono stati duri, sono usciti e hanno rovinato la mia gara. Ho dovuto scoprirlo da solo e discuterne in modo più approfondito e non solo dire che domani è un altro giorno”, ha detto Krčmář, che non ha nascosto la sua delusione.



Il numero uno ceco Markéta Davidová ha gestito il girone con l’unica ricarica. Come nello sprint di venerdì, ha fatto molto bene sullo sci, non ha perso nulla in attacco e ha portato il quartetto ceco al sesto posto di meno di sei secondi al terzo posto in Italia.

Come altre donne, ha a che fare con la corsa più a lungo del solito.

“Il che non deve essere, il colpo di grazia è stato appena assestato. Non è caduto lì, ma probabilmente ho una sensazione migliore rispetto a ieri durante il tiro”, Davidová ha valutato le sue capacità di tiro con Radiožurnál.

Il finishman Jislová, che non si è adattato all’impegnativo tracciato di Oberhof, non è riuscito a tenere il passo dei velocisti nella parte finale. Dopo una partenza pulita, il quinto è andato ancora di una distanza minima fino al terzo posto, ma è caduto di nuovo in pista e quando ha aggiunto tre ricariche in piedi, ha lasciato l’ottavo.

Non ha nemmeno tenuto questo posto, perché nel round finale è stato sconfitto da Finka Mari Ederová 48 secondi e lo ha spostato in nona posizione. La distanza della squadra ceca è aumentata a più di tre minuti.

La Norvegia è stata guidata da Tarjei Bö nella prima parte. Suo fratello minore Johannes ha aumentato il vantaggio a poco più di mezzo minuto, che Ingrid Landmark Tandrevold e Marte Olsbu Röiseland hanno difeso con lievi fluttuazioni.

Il secondo bielorusso ha perso 23,1 secondi contro le potenze nordiche. Il terzo francese aveva più di due minuti. La co-bavarese Svezia è arrivata appena sotto il podio poiché ha dovuto completare tre round di penalità.

Gara di doppio misto

Adam Václavík ed Eva Puskarčíková hanno poi mantenuto un altro vantaggio nella classifica olimpica su Slovenia e Svizzera nel doppio misto.

Al dodicesimo posto hanno “riscritto” il sedicesimo posto del Mondiale di Pokljuka, mentre gli avversari non miglioravano rispetto al passato.

Anton Babikov e Kristina Rezcovová della Russia hanno vinto, battendo Simon Eder e Lisa Theresa Hauser dell’Austria di oltre quaranta secondi. L’Ucraina è arrivata terza.

Petr Mathhauser, CTK

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Vicino




Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.